«Gli adul­ti si sin­to­niz­zi­no sul “ca­na­le” dei gio­va­ni»

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Attualita - M.C.M.

«Cre­do che il trat­to co­mu­ne a tut­te que­ste vi­cen­de sia l’in­ca­pa­ci­tà dei ma­schi, a qual­sia­si età, di trat­ta­re le in­te­ra­zio­ni con il ge­ne­re fem­mi­ni­le, per me que­sto è il cen­tro esat­to del pro­ble­ma. Spe­ra­re che de­ri­vi dal­le agen­zie edu­ca­ti­ve una sor­ta di san­to spi­ri­to dell’ugua­glian­za dei ge­ne­ri, è una pia il­lu­sio­ne, qui c’è tut­to un mon­do, che va dal­la pub­bli­ci­tà ai mi­ti spor­ti­vi, al­le per­so­ne di suc­ces­so, che rac­con­ta­no in ma­nie­ra mol­to ipo­cri­ta di un’ugua­glian­za tra ma­schi e fem­mi­ne e non è co­sì». Il so­cio­lo­go Ste­fa­no Cri­stan­te, do­cen­te dell’Uni­ver­si­tà del Sa­len­to, com­men­ta co­sì la tra­ge­dia di Noe­mi e in ge­ne­ra­le i tan­ti ca­si di vio­len­za che ac­ca­do­no quo­ti­dia­na­men­te. È stra­no pen­sa­re che nel 2017 le co­se stia­no an­co­ra co­sì. «La ve­ri­tà è che si pra­ti­ca un ti­po di im­ma­tu­ri­tà scon­vol­gen­te dei ma­schi dal pun­to di vi­sta af­fet­ti­vo; si­cu­ra­men­te ci sa­ran­no an­che del­le don­ne che sof­fro­no trop­po per pe­ne d’amo­re, ma i ma­schi, in ge­ne­ra­le, non san­no ge­sti­re tut­te le fa­si de­li­ca­te di un rap­por­to sen­ti­men­ta­le, non rie­sco­no a di­stin­gue­re tra il de­si­de­rio del­la don­na e la don­na. È scon­vol­gen­te che nel 2017 si deb­ba pen­sa­re che per­so­ne di 70 an­ni, di 50 an­ni, di 30 an­ni e 15 an­ni che non ci sia pro­prio con­sa­pe­vo­lez­za del fat­to che sia­mo di fron­te a una ne­ces­si­tà di pa­ri­tà ef­fet­ti­va e invece nel­la pra­ti­ca non è co­sì». A vol­te pur in­ter­cet­tan­do le dif­fi­col­tà poi non si rie­sce a in­ter­ve­ni­re per tem­po. Co­me mai? «Quan­do una per­so­na si ri­vol­ge per un aiu­to, quan­do c’è un di­spo­si­ti­vo di agen­zie edu­ca­ti­ve, ecc, bi­so­gna es­se­re si­cu­ri che poi ci sia un ascol­to pro­fes­sio­nal­men­te se­rio, per­ché ren­de­re sot­to gam­ba que­ste co­se si­gni­fi­ca non aver ca­pi­to esat­ta­men­te il con­te­sto in cui si è. Ba­sta con le car­to­li­ne dal Sa­len­to, il Sa­len­to è una ter­ra de­li­ca­ta ed estre­ma, per­ché ha vis­su­to un pro­ces­so di mo­der­niz­za­zio­ne com­pres­so in po­chis­si­mo tem­po, che ha la­scia­to del­le sac­che di igno­ran­za, di bar­ba­rie, di emar­gi­na­zio­ne cul­tu­ra­le, di anal­fa­be­ti­smo». Per­ché i ra­gaz­zi di og­gi so­no più fra­gi­li? «Tan­te co­se so­no cam­bia­te e cre­do che quel­lo che ve­ni­va giu­di­ca­to co­me un mo­vi­men­to po­li­ti­co al­la fi­ne de­gli an­ni ‘60 e ‘70, sia da con­si­de­ra­re in real­tà an­che una gran­de espe­rien­za col­let­ti­va sul­la vi­ta quo­ti­dia­na dei gio­va­ni. I mo­vi­men­ti te­ne­va­no uni­te le per­so­ne e quan­do so­no uni­te par­la­no dei lo­ro pro­ble­mi. Bi­so­gna fa­re in mo­do che esi­sta­no del­le chan­ce nel­la vi­ta quo­ti­dia­na di so­cia­liz­za­zio­ni che in­ter­ven­ga­no sull’in­ten­si­tà di vi­ta del­la per­so­na. Se gli adul­ti vo­glio­no ri­con­qui­sta­re un dia­lo­go con i ra­gaz­zi de­vo­no met­ter­si ad ascol­ta­re, de­vo­no sin­to­niz­zar­si sul lo­ro ca­na­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.