«Smet­tia­mo­la di far fin­ta di co­no­sce­re i ra­gaz­zi»

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Attualita - M.C.M.

Le cro­na­che rac­con­ta­no ogni gior­no di tra­ge­die co­me quel­la ca­pi­ta­ta a Noe­mi. Per­ché ac­ca­do­no que­sti epi­so­di? «Chi com­pie at­ti vio­len­ti di ta­le gra­vi­tà ha in sé una cer­ta “vul­ne­ra­bi­li­tà” che può an­da­re da una dif­fi­col­tà a tol­le­ra­re il do­lo­re men­ta­le al­la pre­sen­za di ve­ri e pro­pri “di­stur­bi” - spie­ga Pao­lo Co­la­ve­ro, psi­co­lo­go, psi­co­te­ra­peu­ta e psi­co­pa­to­lo­go -. Spes­so in­fat­ti i co­sid­det­ti “rap­tus di fol­lia” di­ven­go­no com­pren­si­bi­li con il tem­po, a par­ti­re dal­la per­so­na­li­tà del sin­go­lo o dal­la sto­ria del­la fa­mi­glia». Qua­li gio­va­ni so­no più a ri­schio? «Quel­li che non han­no nel­le fa­mi­glie con­fi­ni so­li­di e un va­li­do esem­pio per i rap­por­ti in­ter­per­so­na­li; fa­mi­glie ov­ve­ro che non han­no svi­lup­pa­to a do­ve­re la fun­zio­ne co­sid­det­ta di “con­te­ni­to­re” dell’ansia, del­la pau­ra, del­la fi­sio­lo­gi­ca rab­bia dei fi­gli».

In co­sa sba­glia­no le fa­mi­glie? «Sba­glia­no a non cre­de­re più nel dia­lo­go, nell’in­con­tro con i pro­pri fi­gli e quin­di nel con­fron­to con le fi­gu­re adul­te. Si ten­de a tra­la­scia­re quel­lo che non va o si ri­tie­ne sba­glia­to, ciò che non si tol­le­ra, e per fa­re que­sto eser­ci­zio di esclu­sio­ne si ri­nun­cia al­la ric­chez­za del­le pro­prie con­trad­di­zio­ni. Quan­do ciò ac­ca­de, la sin­go­la per­so­na, ma que­sti so­no fe­no­me­ni vi­si­bi­li an­che nei grup­pi, si at­te­sta su di una po­si­zio­ne men­ta­le nel­la quale ha po­sto so­lo il po­si­ti­vo, ciò che è da am­mi­ra­re». An­che la scuo­la, sen­ti­nel­la im­por­tan­te nell’in­ter­cet­ta­re si­tua­zio­ni di dif­fi­col­tà, ha le ma­ni le­ga­te, per­ché la fa­mi­glie ri­fiu­ta­no qual­sia­si aiu­to, so­prat­tut­to quel­lo del­lo psi­co­lo­go. «La scuo­la, in que­sto sen­so, ar­ri­va tar­di ed è com­pren­si­bi­le che non pos­sa sem­pre met­te­re ri­pa­ro ad una si­tua­zio­ne gra­ve­men­te di­sa­gia­ta e d’al­tron­de, dall’al­tra par­te del­la bar­ri­ca­ta ci de­ve es­se­re qual­cu­no pron­to a ri­spon­de­re all’ap­pel­lo di pro­fes­so­ri, au­si­lia­ri e di­ri­gen­ti, al­le cui in­tui­zio­ni de­ve es­se­re da­ta estre­ma fi­du­cia e che de­vo­no es­se­re ade­gua­ta­men­te sup­por­ta­ti e for­ma­ti. La scuo­la, può in­ter­ve­ni­re con la pre­sen­za fis­sa di un pro­fes­sio­ni­sta al pro­prio in­ter­no, che sia aper­to pe­rò an­che al dia­lo­go con le fa­mi­glie, che si con­qui­sti la lo­ro fi­du­cia in mo­do che ge­ni­to­ri e ra­gaz­zi pos­sa­no co­mu­ni­ca­re i pro­pri di­sa­gi, smet­ten­do quel fun­zio­na­men­to che fa sì non si in­tra­ve­da­no spi­ra­gli di sen­so, si ne­ghi­no le scon­fit­te e le pau­re». Co­sa si può fa­re per aiu­ta­re i ra­gaz­zi? «Cre­do che per aiu­ta­re i ra­gaz­zi di og­gi bi­so­gne­reb­be smet­ter­la di far fin­ta di co­no­scer­li. Il ve­ro in­con­tro è quel­lo che per­met­te a noi di co­no­scer­li sen­za giu­di­car­li ma al­lo stes­so tem­po con­sen­te lo­ro di co­no­scer­ci, co­no­sce­re gli adul­ti che di lo­ro si pren­do­no cu­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.