BAUMANE IL FU­TU­RO CHE VOR­REM­MO EVI­TA­RE

L’ul­ti­ma le­zio­ne del gran­de so­cio­lo­go Pub­bli­ca­to in In­ghil­ter­ra su­bi­to do­po la mor­te del pro­fes­so­re eme­ri­to ades­so “Re­tro­to­pia” è sta­to tra­dot­to e stam­pa­to in ita­lia­no dall’edi­tri­ce La­ter­za

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Cultura Spettacoli - Clau­dia PRESICCE

Il fu­tu­ro è fi­ni­to. Non ha spa­zio nel­la con­tem­po­ra­nei­tà. Qui si sof­fo­ca, e il tem­po ser­ve a lec­car­si le fe­ri­te per le pro­mes­se man­ca­te. Tan­te, trop­pe.

Il pre­sen­te guar­da in­die­tro, è ge­nu­fles­so ver­so il pro­prio pas­sa­to: co­sì è quel con­te­ni­to­re in cui si ge­ne­ra­va­no ie­ri le spe­ran­ze ad es­se­re al cen­tro sot­to i ri­flet­to­ri, op­pu­re sul ban­co de­gli im­pu­ta­ti. Era quel­lo il tem­po del­le bel­le spe­ran­ze, poi quel fu­tu­ro pro­mes­so una vol­ta di­ven­ta­to pre­sen­te ha tra­di­to: e luo­go di in­si­die è dun­que an­che il pros­si­mo fu­tu­ro. Me­glio ri­fu­giar­si nel pas­sa­to, do­ve era­va­mo tut­ti uni­ti a col­ti­va­re so­gni.

E quin­di, co­me in uno slab­bra­to ri­tor­no al fu­tu­ro, ac­ca­de che “ie­ri” sia or­mai più im­por­tan­te di “do­ma­ni”. E il fu­tu­ro co­sì sco­lo­ri­sce per­ché il pro­ces­so in­ver­so can­cel­la quel­lo che invece do­vreb­be co­strui­re. La ge­nu­fles­sio­ne pre­ve­de che al fu­tu­ro sia­no ri­vol­te le spal­le, e dun­que, una vol­ta in­ver­ti­ta la rot­ta, il pro­ces­so di “re­tro­to­pia” è com­ple­ta­to. Che cos’è? Lo spa­zio dell’uto­pia pro­iet­ta­to sul fu­tu­ro è ir­re­ver­si­bil­men­te oc­cu­pa­to dal­la “re­tro­to­pia”, la ca­pa­ci­tà di se­le­zio­na­re i mi­glio­ri aspet­ti del pas­sa­to esal­tan­do­lo in un rim­pian­to uti­le a sfug­gi­re a un fu­tu­ro in­go­ver­na­bi­le e re­frat­ta­rio a tut­ti i pro­get­ti uto­pi­ci.

L’ap­pel­la­ti­vo è ter­ri­bil­men­te ef­fi­ca­ce e non è un ca­so che sia sta­to co­nia­to da uno dei più in­fluen­ti pen­sa­to­ri del mon­do, en­tra­to nel ter­zo mil- len­nio do­po aver fol­go­ra­to con fo­to­gra­fie spiaz­zan­ti già il se­con­do ‘900. Zig­munt Bauman, l’in­ven­to­re dell’in­cre­di­bi­le de­fi­ni­zio­ne di “so­cie­tà li­qui­da” e di tan­tis­si­me ri­fles­sio­ni sul­la con­tem­po­ra­nei­tà, nel suo ul­ti­mo li­bro, prima di la­sciar­ci, ci ha spie­ga­to an­che la no­stra as­sen­za di fu­tu­ro. Si è ag­giun­ta co­sì que­st’ul­ti­ma vi­sio­ne al­le sue tan­te ana­li­si let­te­ral­men­te ip­no­tiz­zan­ti che han­no fat­to scuo­la nel mon­do, e con­ti­nua­no e con­ti­nue­ran­no a far­lo no­no­stan­te la sua scom­par­sa del 9 gen­na­io scor­so.

L’ul­ti­mo re­ga­lo del pro­fes­so­re eme­ri­to di So­cio­lo­gia nel- le Uni­ver­si­tà di Leeds e Var­sa­via, lau­rea­to “ho­no­ris cau­sa” an­che a Lec­ce, si in­ti­to­la ap­pun­to “Re­tro­to­pia”: è sta­to com­ple­ta­to nei suoi ul­ti­mi gior­ni e a gen­na­io scor­so, a po­chi gior­ni dal­la sua scom­par­sa, è usci­ta l’edi­zio­ne in­gle­se, men­tre quel­la ita­lia­na è sta­ta ap­pe­na pub­bli­ca­ta dall’edi­to­re pu­glie­se La­ter­za

Nei Pae­si ric­chi gran par­te dei ge­ni­to­ri ri­tie­ne che i fi­gli se la pas­se­ran­no peg­gio

(che rac­co­glie or­mai nel­le sue col­la­ne qua­si tut­ti i suoi te­sti).

Que­sto li­bro che sin dal­le pri­me ri­ghe of­fre gran­di sug­ge­stio­ni e spun­ti di ri­fles­sio­ne, fa pen­sa­re su­bi­to a una fra­se del fa­mo­so “So­stie­ne Pe­rei­ra” di An­to­nio Ta­buc­chi che di­ce­va: “La smet­ta di fre­quen­ta­re il pas­sa­to, cer­chi di fre­quen­ta­re il fu­tu­ro”. Ed è pro­prio il fu­tu­ro che la no­stra epo­ca cer­ca di non fre­quen­ta­re: lo evi­ta abil­men­te la po­li­ti­ca e lo evi­ta an­che l’eco­no­mia che cer­ta­men­te non guar­da più al­le co­stru­zio­ni di un mon­do mi­glio­re co­me fa­ce­va un tem­po. Dot­tri­ne eco­no­mi- che e dot­tri­ne po­li­ti­che so­no in gra­do di offrire li­be­re pro­ie­zio­ni sui fu­tu­ri pos­si­bi­li? Non lo so­no, e lo sap­pia­mo tut­ti, no­no­stan­te tan­ti pa­ro­lai che do­vreb­be­ro sem­mai smen­ti­re le lo­ro stes­se af­fer­ma­zio­ni (e scel­te) di qual­che de­cen­nio fa (e ri­co­no­sce­re che al­cu­ni “uto­pi­sti” invece ave­va­no ra­gio­ne).

Dal fu­ro­re fu­tu­ri­sta del pri­mo No­ve­cen­to, dal­le spin­te che han­no mos­so in­te­ri po­po­li e na­zio­ni per in­se­gui­re pro­get­ti di fu­tu­ro, sia­mo in­fat­ti ap­pro­da­ti all’as­sen­za di pro­gram­mi per eser­ci­ta­re la più ro­man­ti­ca lo­ve sto­ry con la pro­pria fan­ta­sia che non è al­tro che la no­stal­gia (pren­den­do in pre­sti­to una bel­la de­fi­ni­zio­ne di Sve­tla­na Boym, do­cen­te di Har­vard ci­ta­ta nel li­bro).

Bauman spie­ga i ca­ta­stro­fi­smi le­ga­ti a que­sta ten­den­za di man­te­ner­ci an­co­ra­ti a un pas­sa­to ri­ve­du­to e cor­ret­to, si­no a sem­bra­re fal­sa­men­te splen­den­te. Quel­lo in­fat­ti che il re­tro­to­pi­sta sce­glie di con­ser­va­re e di man­te­ne­re vi­vo del pas­sa­to so­no sol­tan­to i ri­cor­di po­si­ti­vi di un’im­ma­gi­na­ria età dell’oro, ge­ne­ran­do una sor­ta di ca­sa idea­le in cui tut­ti pos­so­no ri­tro­var­si per­ché il pas­sa­to ap­par­tie­ne a tut­ti mol­to più del fu­tu­ro. È co­sì che l’epi­de­mia glo­ba­le di no­stal­gia ha scal­za­to l’epi­de­mia del­la sma­nia per il pro­gres­so che os­ses­sio­na­va gli im­pe­ti no­ve­cen­te­schi.

E og­gi se pen­sia­mo al mon­do che con­se­gnia­mo ai no­stri fi­gli sap­pia­mo che in mol­te co­se (trop­pe) sa­rà peg­gio del no­stro. Co­me spie­ga Bauman ri­pren­den­do “Uto­pia for rea­lists” del­lo sto­ri­co e gior­na­li­sta olan­de­se Rut­ger Breg­man, non riu­scia­mo a tro­va­re nuo­vi so­gni sul mon­do del fu­tu­ro an­che per­ché non sia­mo in gra­do di im­ma­gi­nar­ne uno mi­glio­re del no­stro: “Nei pae­si ric­chi la mag­gior par­te dei ge­ni­to­ri ri­tie­ne che i fi­gli se la pas­se­ran­no peg­gio” e sem­bra qua­si che prov­ve­da­no a man­te­ne­re que­ste con­di­zio­ni. Breg­man a po­co me­no di 30 an­ni è, per in­ten­der­ci, uno dei pen­sa­to­ri che an­co­ra il fu­tu­ro lo im­ma­gi­na­no, ma re­sta­no ina­scol­ta­ti. Lui, co­me al­tri gran­di in­tel­let­tua­li (tra cui eco­no­mi­sti non a ca­so fuo­ri dai gran­di cir­cui­ti de­ci­sio­na­li), pen­sa a un mon­do in cui si la­vo­ri me­no: è sua l’idea ri­vo­lu­zio­na­ria del­le 15 ore set­ti­ma­na­li, ma an­che quel­la del red­di­to uni­ver­sa­le di ba­se (e an­che dell’eli­mi­na­zio­ne del­le fron­tie­re ecc). Un mon­do in cui gli uo­mi­ni si riap­pro­pri­no del lo­ro tem­po fa pau­ra, ma non è af­fat­to im­pos­si­bi­le co­me sem­bra, an­zi è la so­lu­zio­ne più con­ge­nia­le. Non è un ca­so se lo stes­so John May­nard Key­nes nel 1930 ave­va pre­vi­sto che en­tro il 2030, se non vi fos­se­ro sta­ti pro­ble­mi le­ga­ti a sfor­zi bel­li­ci, gli stan­dard di vi­ta oc­ci­den­ta­li sa­reb­be­ro qua­dru­pli­ca­ti e nell’ar­co di cen­to an­ni la set­ti­ma­na la­vo­ra­ti­va sa­reb­be ar­ri­va­ta a 15 ore per con­sen­ti­re a tut­ti di “vi­ve­re” e go­de­re del pro­prio tem­po e del­la pro­pria sa­lu­te. La pre­vi­sio­ne è pra­ti­ca­men­te giu­sta, tran­ne per quel che ri­guar­da l’ora­rio di la­vo­ro che co­me sot­to­li­nea lo sto­ri­co olan­de­se è or­mai di­ven­ta­to uno sta­tus. Ma per re­sta­re “re­tro­to­pi­sti” me­glio pen­sa­re a quan­to era­va­mo fe­li­ci un tem­po, quan­do era­va­mo pa­dro­ni di noi.

Si se­le­zio­na­no i mi­glio­ri aspet­ti del pas­sa­to nel rim­pian­to per sfug­gi­re a un fu­tu­ro in­go­ver­na­bi­le

Il so­cio­lo­go Zyg­munt Bauman, scom­par­so il 9 gen­na­io scor­so. Sot­to, du­ran­te la lec­tio ma­gi­stra­lis all’Uni­ver­si­tà del Sa­len­to in oc­ca­sio­ne del­la sua lau­rea ho­no­ris cau­sa

La co­per­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.