Ta­ran­to, in at­tac­co il gio­co del­le cop­pie

Quotidiano di Puglia (Brindisi) - - Sport - Mim­mo CAR­RIE­RI

TA­RAN­TO - Mol­te co­se so­no cam­bia­te nel Ta­ran­to dall’ini­zio del­la sta­gio­ne ad og­gi. Di tut­te si è ana­liz­za­to, par­la­to, cer­ti­fi­ca­to.

La cre­sci­ta di ren­di­men­to e so­prat­tut­to di ri­sul­ta­ti è di­pe­sa da fat­to­ri mol­te­pli­ci, non so­lo tec­ni­ci. Da qual­che set­ti­ma­na i ros­so­blù si so­no sta­bi­liz­za­ti, tro­van­do co­rag­gio, fi­du­cia, sti­ma e gio­co, sep­pu­re con qual­che alert da non sot­to­va­lu­ta­re co­me il se­con­do tem­po (non) gio­ca­to a Ca­no­sa do­me­ni­ca scor­sa.

La ma­te­ria è am­pia, ma in que­sta set­ti­ma­na c’è uno spun­to nuo­vo, una pro­spet­ti­va di­ver­sa che po­treb­be cam­bia­re de­fi­ni­ti­va­men­te (in me­glio) la sto­ria e con­fe­ri­re nuo­vo si­gni­fi­ca­to tat­ti­co e cal­ci­sti­co al ‘nuo­vo’ Ta­ran­to: c’è una stra­da nuo­va in­som­ma, che ri­guar­da spe­ci­fi­ca­ta­men­te l’at­tac­co.

– Inu­ti­le far par­ti­re l’ana­li­si dal­le pri­me gior­na­te con Coz­za in pan­chi­na. Al­lo­ra il re­par­to avan­za­to era un tri­den­te, con Alek­sic-Pe­ra più un un­der. Il Ta­ran­to non se­gna­va, sten­ta­va, per l’apa­tia de­gli in­ter­pre­ti, per un mo­du­lo (4-3-3) che non con­si­de­ra­va le ca­rat­te­ri­sti­che di cia­scu­no e per una ca­ren­za di gio­co com­ples­si­vo. Con Caz­za­rò l’at­tac­co si è im­per­nia­to sul­le cop­pie, cioè sul­le due pun­te. L’ac­can­to­na­men­to ini­zia­le di Pe­ra non for­ni­va mol­te al­ter­na­ti­ve, se non quel­la di pun­ta­re sul tan­dem Alek­sic-An­co­ra.

Nes­su­no dei due è una pri­ma pun­ta ti­pi­ca, un uo­mo d’area, un fi­na­liz­za­to­re e nes­su­no dei due può de­fi­nir­si una se­con­da pun­ta col vi­zio del gol. Alek­sic (3 re­ti all’at­ti­vo fi­no­ra) ha fi­si­co per te­ne­re al­ta la squa­dra e mo­vi­men­ti ad apri­re gli spa­zi, sa col­pi­re di te­sta, ma non ve­de be­nis­si­mo la por­ta, co­me lo sco­re in car­rie­ra di­mo­stra.

Ha re­so me­glio una vol­ta ri­por­ta­to al cen­tro (ave­va co­min­cia­to da ester­no ‘al­to’) ed è sta­to il ri­fe­ri­men­to quan­do gli io­ni­ci han­no ini­zia­to a vin­ce­re. An­co­ra (2 gol fi­no­ra) è un ge­ne­ro­so che ama gio­ca­re lar­go e ten­ta­re il ti­ro dal­la di­stan­za. Non è mai sta­to un cen­tra­van­ti, piut­to­sto una spon­da pre­zio­sa, un aiu­to im­por­tan­te an­che quan­do la squa­dra di­fen­de. Ades­so il gio­co del­le cop­pie ha cam­bia­to le car­te in ta­vo­la, pro­po­nen­do qual­co­sa di mol­to in­te­res­san­te.

Il bi­no­mio Pe­ra-Dia­ki­tè è com­ple­ta­men­te dif­fe­ren­te, per at­ti­tu­di­ni e so­prat­tut­to per sen­si­bi­li­tà al gol. Pe­ra (4 si­gil­li al­lo sta­to at­tua­le) è un bom­ber di area: den­tro i 16 me­tri sa co­me muo­ver­si, do­ve po­si­zio­nar­si, qua­le tem­po sce­glie­re per bat­te­re a re­te. Fuo­ri area sa at­tac­ca­re la ver­ti­ca­li­tà. E co­me tut­ti i cen­tra­van­ti di raz­za ha bi­so­gno di sen­tir­si lea­der, di es­se­re il cul­mi­ne del pro­get­to, il fi­na­liz­za­to­re ap­pun­to. Ri­tro­va­ta la fi­du­cia (com­pli­ce il cam­bio di pro­prie­tà), ades­so è nel­la po­si­zio­ne psi­co­lo­gi­ca per tor­na­re a pie­no ti­to­lo al me­stie­re che più gli rie­sce me­glio, cioè quel­lo di se­gna­re.

Dia­ki­tè è la va­rian­te ano­ma­la, un at­tac­can­te util­men­te anar­chi­co, mai ba­na­le, clas­si­co gio­ca­to­re che può “spac­ca­re” una par­ti­ta. Può far­lo con uno scat­to in ve­lo­ci­tà (pro­gres­sio­ne e fi­si­co da cen­to­me­tri­sta) o con un’ele­va­zio­ne im­prov­vi­sa (gol do­me­ni­ca di ra­ra bel­lez­za più una tra­ver­sa, sem­pre di te­sta).

L’im­pres­sio­ne è che sap­pia fa­re tut­to quan­to si ri­chie­de ad un at­tac­can­te mo­der­no e che so­prat­tut­to si com­bi­ni al­la per­fe­zio­ne pro­prio con Pe­ra.

In­som­ma se il Po­ten­za ha Fran­ca-Si­cla­ri (19 re­ti in due fi­no­ra), per la fi­ne dell’an­da­ta e per tut­to il gi­ro­ne di ri­tor­no il Ta­ran­to avrà Pe­ra-Dia­ki­tè. La ri­mon­ta sem­bra im­pos­si­bi­le, ma ci so­no mar­gi­ni per pro­var­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.