Ar­ri­go­ni av­ver­te il Lec­ce: non fi­dar­ti dell’Akragas

«Da «Da ex ex re­gi­sta, re­gi­sta, sa­prà sa­prà dar­mi i giu­sti con­si­gli» «Guai a sot­to­va­lu­tar­la gio­ca un buon cal­cio»

Quotidiano di Puglia (Lecce) - - Da Prima Pagina - di To­nio DE GIOR­GI

LEC­CE - Par­ti­to all’ini­zio del­la sta­gio­ne con l’eti­chet­ta di ri­ser­va di lus­so, An­drea Ar­ri­go­ni in­ve­ce è di­ven­ta­to una pe­di­na fon­da­men­ta­le del­lo scac­chie­re del Lec­ce. Pri­ma Riz­zo e ora pu­re con Liverani l’ex del Co­sen­za ha pre­so in ma­no le re­di­ni del cen­tro­cam­po giallorosso e pro­prio dall’espe­rien­za nel ruo­lo di re­gi­sta del tec­ni­co ro­ma­no il numero 6 del Lec­ce po­trà trar­re gran­de van­tag­gio nel cor­so del­la sta­gio­ne.

«Ac­cet­ta­re i sug­ge­ri­men­ti del mi­ster è a dir po­co scon­ta­to per­ché lui è l’al­le­na­to­re e io so­no un suo cal­cia­to­re - ha det­to ie­ri Ar­ri­go­ni nel­la sa­la stam­pa “Ser­gio Van­tag­gia­to” del­lo sta­dio di Via del Ma­re -. È chia­ro che po­trò sfrut­ta­re l’espe­rien­za di mi­ster Liverani nel ruo­lo per mi­glio­ra­re il mio ba­ga­glio di co­no­scen­ze. Di co­se­guen­za, cer­che­rò di ascol­ta­re il più pos­si­bi­le i suoi con­si­gli». Ar­ri­go­ni ri­ve­la, tut­ta­via, che i suoi compiti non so­no cambiato mol­to ri­spet­to al pas­sa­to. «Be­ne o ma­le il ruo­lo è sem­pre quel­lo, in un cen­tro­cam­po a tre - spie­ga il 29en­ne -, è cam­bia­ta ma­ga- ri la di­spo­si­zio­ne in avan­ti, con due pun­te più vi­ci­ne tra lo­ro: co­sì riu­scia­mo ad at­tac­ca­re me­glio gli spa­zi e ad es­se­re un po’ più pe­ri­co­lo­si. In ge­ne­ra­le sia­mo più com­pat­ti. Ar­mel­li­no? Ci sta dan­do una ma­no im­por­tan­te, ha por­ta­to un po’ di fi­si­ci­tà e solidità in più, che gio­va al­la squa­dra in­te­ra».

Lui, co­me i suoi com­pa­gni, sta se­guen­do la stra­da in­di­ca­ta da Fa­bio Liverani. I ri­sul­ta­ti di­co­no che il Lec­ce ha svol­ta­to: do­po il suc­ces­so con Ma­ra­gliu­lo in pan­chi­na al­tre quat­tro vit­to­rie con­se­cu­ti­ve e pri­mo po­sto in clas­si­fi­ca, ma la sca­la­ta è ap­pe­na co­min­cia­ta. «Dob­bia­mo con­ti­nua­re co­sì e tro­va­re sem­pre più con­vin­zio­ne, dal pun­to di vi­sta men­ta­le le vit­to­rie stan­no fa­cen­do la dif­fe­ren­za. Pe­rò non dob­bia­mo cul­lar­ci an­zi, bi­so­gna can­cel­la­re i suc­ces­si e pen­sa­re al­la par­ti­ta con­tro l’Akragas spe­ran­do di fa­re un’al­tra bel­la pre­sta­zio­ne, con­cen­tra­ti al mas­si­mo con­tro una squa­dra gio­va­ne e che gio­ca un buon cal­cio». L’au­spi­cio è ve­de­re, ma­ga­ri, una squa­dra più er­me­ti­ca e non quel­la che pun­tual­men­te ri­met­te in gio­co gli av­ver­sa­ri con er­ro­ri spes­so ba­na­li, te- nen­do­li in par­ti­ta fi­no al fi­schio fi­na­le. An­che a Ca­ser­ta, cer­ta­men­te per epi­so­di e di­na­mi­che dif­fe­ren­ti, il Lec­ce ha do­vu­to sof­fri­re non po­co per non sciu­pa­re quel­lo che di buo­no ave­va fat­to in pre­ce­den­za. «Non è col­pa del­la di­fe­sa, ma dell’in­te­ra squa­dra - am­met­te Ar­ri­go­ni -, me­ri­ti e de­me­ri­ti van­no equa­men­te sud­di­vi­si sia quan­do si fan­no i gol che quan­do si su­bi­sco­no, stia­mo la­vo­ran­do mol­to su de­ter­mi­na­te si­tua­zio­ni. Pe­rò, se an­dia­mo ad esa­mi­na­re i due gol di sa­ba­to, uno è un gran ti­ro dal­la di­stan­za, l’al­tro è sta­to vi­zia­to da un fal­lo pro­ba­bil­men­te net­to su Ma­ri­no. Tan­te vol­te si pren­de gol so­lo per due ti­ri in por­ta, al­tre, in­ve­ce, non se ne pren­do­no nean­che do­po aver su­bi­to die­ci con­clu­sio­ni nel­lo spec­chio; spes­so di­pen­de da­gli epi­so­di, noi stia­mo cer­can­do di li­mi­ta­re al mi­ni­mo gli er­ro­ri e non con­ce­de­re nien­te. Sul pri­mo gol su­bi­to sa­ba­to scor­so for­se ho spor­ca­to io il pal­lo­ne e, do­po, è fi­ni­to tra i pie­di dell’av­ver­sa­rio. Tut­ta­via, quan­do sia­mo in van­tag­gio, si de­ve cu­ra­re di più la ge­stio­ne per non da­re for­za agli av­ver­sa­ri».

La vet­ta so­li­ta­ria è sta­ta ap­pe­na con­qui­sta­ta, ma le con- cor­ren­ti so­no lì pron­te ad ap­pro­fit­ta­re di even­tua­li pas­si fal­si. «Noi, il Tra­pa­ni e il Ca­ta­nia sia­mo quel­le più ac­cre­di­ta­te per vin­ce­re il cam­pio­na­to - con­clu­de Ar­ri­go­ni -. Ci poi so­no for­ma­zio­ni co­me il Ma­te­ra, il Ca­tan­za­ro, lo stes­so Co­sen­za, che so­no squa­dre di va­lo­re che al­la lun­ga ver­ran­no fuo­ri. E oc­chio al­le buo­ne par­ten­ze di Mo­no­po­li e Si­ra­cu­sa: pos­so­no da­re fa­sti­dio si­no al­la fi­ne».

An­drea Ar­ri­go­ni, 29 an­ni, è ar­ri­va­to nel Sa­len­to nell’esta­te del 2016 dal Co­sen­za. Cen­tro­cam­pi­sta cen­tra­le ca­pa­ce di gio­ca­re an­che da mezz’ala

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.