Fa­mi­glia, scuo­la, re­te e ser­vi­zi so­cia­li: co­sa fa­re per strap­pa­re i ra­gaz­zi al­la vio­len­za

Quotidiano di Puglia (Taranto) - - DA PRIMA PAGINA - M.C.M.

Mi­no­ri sem­pre più fra­gi­li e in­ca­pa­ci di af­fron­ta­re la vi­ta. Fa­mi­glia e scuo­la ri­co­pro­no un ruo­lo cen­tra­le di agen­zie di so­cia­liz­za­zio­ne e di me­dia­zio­ne fra bi­so­gni, ma spes­so so­no scol­le­ga­te e in­ca­pa­ci di da­re ri­spo­ste giu­ste. «I fi­gli di og­gi so­no sem­pre più cir­con­da­ti di at­ten­zio­ni e pa­ra­dos­sal­men­te an­che più so­li» com­men­ta la pro­fes­so­res­sa Or­nel­la Ca­stel­la­no, di­ri­gen­te dell’Isti­tu­to Com­pren­si­vo Fal­co­ne di Co­per­ti­no. È que­sta in­ca­pa­ci­tà a de­ter­mi­na­re poi ca­si co­me quel­lo di Noe­mi. «Nei ca­si co­me quel­lo di Noe­mi si re­gi­stra una po­ver­tà co­gni­ti­va del­le fa­mi­glie, per­ché se un ge­ni­to­re ha gli stru­men­ti per ren­der­si con­to del­le dif­fi­col­tà ver­so il pro­prio fi­glio rie­sce a in­di­riz­zar­lo sul­la stra­da giu­sta e a cor­reg­ge­re in tem­po quel­li che pos­so­no es­se­re at­teg­gia­men­ti di dif­fi­col­tà. Pur­trop­po, og­gi, ci so­no ra­gaz­zi sen­za pun­ti fer­mi, per­ché nean­che i lo­ro ge­ni­to­ri li han­no, es­sen­do di­ven­ta­ti ge­ni­to­ri sen­za un’ade­gua­ta com­pe­ten­za». Scuo­la e fa­mi­glia do­vreb­be­ro in­ter­se­car­si, invece sem­pre con più fre­quen­za di­ven­ta­no ret­te pa­ral­le­le che non si in­con­tra­no mai. «Nei ca­si più com­pli­ca­ti, co­me quel­lo di Noe­mi e di tan­ti al­tri ac­ca­du­ti in que­sti an­ni, la dif­fi­col­tà è quel­la del­la com­pren­sio­ne, del­la co­mu­ni­ca­zio­ne. E man­can­do quel­le è dif­fi­ci­le con­di­vi­de­re l’obiet­ti­vo fi­na­le, la gui­da ver­so l’au­to­no­mia dei ra­gaz­zi, la co­stru­zio­ne del­lo spi­ri­to cri­ti­co. Ec­co, al­lo­ra, che gli ado­le­scen­ti si ri­tro­va­no nel­la dif­fi­col­tà di com­pren­de­re e di­stin­gue­re ciò che è giu­sto da ciò che è sba­glia­to. Ab­bia­mo vi­sto e ve­dia­mo tan­ti ra­gaz­zi, che chia­mia­mo a ri­schio, che at­ti­va­no mec­ca­ni­smi che van­no nel­la di­re­zio­ne giu­sta, pe­rò ci vuo­le quel­la in­te­sa tra fa­mi­glia e scuo­la. Og­gi que­sto non sem­pre ac­ca­de, spes­so l’in­te­sa non c’è, per­ché man ma­no che i ra­gaz­zi di­ven­ta­no gran­di le fa­mi­glie di­ven­ta­no sem­pre più dif­fi­den­ti ver­so la scuo­la e ver­so tut­te le al­tre isti­tu­zio­ni a sup­por­to del­la per­so­na, par­lo dei con­sul­to­ri, del tri­bu­na­le, de­gli as­si­sten­ti so­cia­li, ecc.». Co­sa può fa­re la scuo­la per in­ver­ti­re la rot­ta che por­ta al­la de­ri­va? «È ne­ces­sa­rio che tut­te le agen­zie edu­ca­ti­ve strin­ga­no gli anel­li a soc­cor­so del­la per­so­na, an­che se di­ven­ta sem­pre più dif­fi­ci­le riu­sci­re a scon­fig­ge­re l’iso­la­men­to in cui si tro­va­no cer­te fa­mi­glie. Quel­lo che può fa­re la scuo­la, ol­tre che for­ma­re i ra­gaz­zi, è di por­re in es­se­re ini­zia­ti­ve per ag­gre­gar­li e te­ner­li in clas­se il più pos­si­bi­le per ri­dur­re quel tem­po vuo­to che a vol­te vie­ne riem­pi­to ma­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.