Una “re­te” per sal­va­re i mi­no­ri

L’omi­ci­dio di Noe­mi, tra le­zio­ni e re­spon­sa­bi­li­tà. sal­va­re i mi­no­ri

Quotidiano di Puglia (Taranto) - - ATTUALITA’ - di Vincenzo DA­MIA­NI

Un in­trec­cio di re­spon­sa­bi­li­tà, a più li­vel­li: dal ruo­lo de­gli as­si­sten­ti so­cia­li a quel­lo dei ma­gi­stra­ti del Tri­bu­na­le dei mi­no­ren­ni, fi­ni­ti sot­to la len­te d’in­gran­di­men­to de­gli ispet­to­ri del mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia. Dal con­te­sto fa­mi­lia­re in cui vi­ve­va­no ed era­no cre­sciu­ti la 16en­ne Noe­mi e il suo fi­dan­za­to 17en­ne, reo con­fes­so dell’omi­ci­dio del­la ra­gaz­zi­na, al­la fun­zio­ne del­le scuo­le e dei me­di­ci che han­no avu­to in cu­ra il mi­no­ren­ne at­tra­ver­so i Tso a cui è sta­to sot­to­po­sto. Si­no all’in­te­ro con­te­sto so­cia­le: d’al­tron­de, se un 17en­ne più vol­te era sta­to no­ta­to al vo­lan­te di un’au­to­mo­bi­le che non avreb­be po­tu­to gui­da­re per ov­vi mo­ti­vi, evi­den­te­men­te qual­co­sa non ha fun­zio­na­to nem­me­no nei con­trol­li e nell’ope­ra – non so­lo di pre­ven­zio­ne – ma di re­pres­sio­ne del­le si­tua­zio­ni il­le­ga­li. Tut­ti sot­to ac­cu­sa, o qua­si, ma si sa­reb­be po­tu­to ve­ra­men­te fa­re di più per evi­ta­re la tra­ge­dia? È il pun­to in­ter­ro­ga­ti­vo che si pon­go­no tut­ti.

Do­man­de che van­no ol­tre il sin­go­lo ca­so e in­ve­sto­no l’in­te­ro co­smo mi­no­ri­le e ado­le­scen­zia­le, coin­vol­gen­do esper­ti e agen­zie for­ma­ti­ve: scuo­la, psi­co­lo­gi, ser­vi­zi so­cia­li, so­cio­lo­gi. Quel che è cer­to è che in Pu­glia c’è una fal­la, co­me am­met­te il ga­ran­te re­gio­na­le per i mi­no­ri, il dot­tor Lu­do­vi­co Ab­ba­tic­chio: non esi­ste una re­te so­cio-sa­ni­ta­ria. Co­sa si­gni­fi­ca? Che esi­sto­no i Tri­bu­na­li, i me­di­ci, i pe­dia­tri, le scuo­le, gli psi­co­lo­gi, gli as­si­sten­ti so­cia­li (po­chi) ma non una strut­tu­ra che li col­le­ghi fra lo­ro. In so­stan­za, la ma­no de­stra – spes­so - non sa co­sa fa la ma­no si­ni­stra, non c’è un’azio­ne coor­di­na­ta e i tem­pi di in­ter­ven­to so­no lun­ghi e far­ra­gi­no­si. Esi­ste una so­lu­zio­ne? A sen­ti­re gli esper­ti sì, e si chia­ma “equi­pe so­cio-sa­ni­ta­ria sta­bi­le”. Di co­sa si trat­ta? È sta­ta isti­tui­ta da una leg­ge sta­ta­le, in so­stan­za è un team che do­vreb­be es­se­re pre­sen­te in ogni scuo­la e che è com­po­sto da un me­di­co, un edu­ca­to­re, uno psi­co­lo­go, un pe­da­go­gi­sta e un as­si­sten­te so­cia­le. Do­vreb­be fa­re da rac­cor­do tra scuo­la, fa­mi­glia e ter­ri­to­rio se­gna­lan­do i ca­si da se­gui­re e, a sua vol­ta, pren­den­do­li in ca­ri­co. In Pu­glia non esi­sto­no que­ste squa­dre, sal­vo ra­ris­si­mi ca­si. Un’equi­pe so­cio-sa­ni­ta­ria avreb­be po­tu­to evi­ta­re la tra­ge­dia di Noe­mi? Im­pos­si­bi­le dir­lo, ov­via­men­te. Pe­rò, un’equi­pe so­cio-sa­ni­ta­ria sta­bi­le può ac­cor­ger­si sin da te­ne­ra età dei pro­ble­mi so­cia­li e psi­co­lo­gi­ci di un mi­no­ren­ne, ed è quin­di in gra­do in­ter­ve­ni­re tem­pe­sti­va­men­te, se­gui­re il bam­bi­no o ra­gaz­zo, se­gna­la­re al­le al­tre isti­tu­zio­ni – Co­mu­ne, Asl, Tri­bu­na­le, fa­mi­glia, ser­vi­zi di as­si­sten­za so­cia­le – il ca­so per av­via­re un per­cor­so di aiu­to in­te­gra­to, a tut­ti i li­vel­li.

Co­sa man­ca in Pu­glia per isti­tuir­le? I sol­di ci sa­reb­be­ro an­che, per­ché so­no pre­vi­sti fon­di sta­ta­li ap­po­si­ti, ma non c’è un’or­ga­niz­za­zio­ne. Co­sì, può

I ri­cor­di la­scia­ti nel­le cam­pa­gne di Ca­stri­gna­no del Ca­po, sul luo­go del ri­tro­va­men­to del cor­po di Noe­mi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.