IL CA­SO BAT­TI­STI: L’ABIS­SO CHE C’È TRA IDEE E CRI­MI­NI

Quotidiano di Puglia (Taranto) - - DA PRIMA PAGINA - di Alessandro PE­RIS­SI­NOT­TO

Il mi­to di Ro­bin Hood è dav­ve­ro du­ro a mo­ri­re, spe­cie per una si­ni­stra a cui mol­ti (e non mi sot­trag­go al­la schie­ra), al­me­no in ado­le­scen­za, han­no striz­za­to l’oc­chio. A fa­re il Ro­bin Hood ci pro­va Pietro Ca­val­le­ro, ne­gli an­ni ’60, non so­lo ra­pi­nan­do e uc­ci­den­do pas­san­ti iner­mi.

Lo fa an­che di­strug­gen­do le cam­bia­li che tro­va nel­le fi­lia­li ban­ca­rie e li­be­ran­do co­sì, con po­co sfor­zo, i “po­ve­ri” dai lo­ro de­bi­ti. E ci pro­va an­che San­te No­tar­ni­co­la, che del­la ban­da Ca­val­le­ro è uno dei pi­la­stri e che, in car­ce­re, si no­bi­li­ta di­ven­tan­do poe­ta e scrit­to­re. Ci pro­va Lu­cia­no Lu­tring, il “so­li­sta del mi­tra”, che do­po aver scon­ta­to una mo­de­sta pe­na e non aver mai re­sti­tui­to i bot­ti­ni (di cui an­da­va mol­to fie­ro), si ri­fà una ver­gi­ni­tà co­me scrit­to­re e pit­to­re. Quin­di, il no­stro Ce­sa­re Bat­ti­sti ar­ri­va buon ul­ti­mo nel­la lun­ga fi­la dei de­lin­quen­ti co­mu­ni che am­man­ta­no di idea­li e di ro­man­ti­ci­smo la lo­ro at­ti­vi­tà cri­mi­na­le. Per­ché, con­vie­ne ri­pe­ter­lo so­prat­tut­to ai no­stri ami­ci fran­ce­si e bra­si­lia­ni, Ce­sa­re Bat­ti­sti non è Ro­bin Hood e non è nep­pu­re To­ni Ne­gri. Ce­sa­re Bat­ti­sti, per la Giu­sti­zia ita­lia­na, nel­la qua­le ho più fi­du­cia che in Fred Var­gas, è un cri­mi­na­le; con­vie­ne ri­ba­di­re agli scrit­to­ri fran­ce­si che Ce­sa­re Bat­ti­sti non è sta­to con­dan­na­to per le sue idee, ma per i suoi pro­iet­ti­li, non si vuo­le pu­ni­re in lui il di­fen­so­re del­la giu­sti­zia so­cia­le (po­sto che mai lo sia sta­to), ma l’as­sas­si­no che ha ucciso quat­tro per­so­ne, un as­sas­si­no che, con­tra­ria­men­te a Ca­val­le­ro, a No­tar­ni­co­la e a Lu­tring, non so­lo non ha mai sal­da­to il suo con­to con la giu­sti­zia, ma non ha ver­sa­to nep­pu­re un an­ti­ci­po. Ce­sa­re Bat­ti­sti, pe­rio­di­ca­men- te, qua­si fos­se un pu­paz­zo a mol- la chiu­so den­tro una sca­to­la, sal­ta fuo­ri all’im­prov­vi­so e ri­por­ta d’at­tua­li­tà un pas­sa­to sul qua­le mol­ti, spe­cie all’este­ro, non han­no vo­lu­to fa­re chia­rez­za; un pas­sa­to nel qua­le l’ever­sio­ne (di de­stra e di si­ni­stra) si è me­sco­la­ta co­sì in­ti­ma­men­te con la cri­mi­na­li­tà co­mu­ne da ren­de­re im­pos­si­bi­le una se­pa­ra­zio­ne net­ta tra ra­pi­ne e au­to­fi­nan­zia­men­to del­la ri­vo­lu­zio­ne, tra se­que­stri di per­so­na e lot­ta po­li­ti­ca, tra stra­gi­smo e de­li­ran­te di­fe­sa dell’or­di­ne co­sti­tui­to. Per for­tu­na, nel du­ro com­pi­to di se­pa­ra­re, ci aiu­ta la leg­ge e la leg­ge ci di­ce che le idee, an­che quel­le ri­vo­lu­zio­na­rie, stan­no da una par­te, e gli omi­ci­di dall’al­tra: il Ce­sa­re Bat­ti­sti che vor­rem­mo estra­da­to non è quel­lo che “pen­sa­va co­mu­ni­sta” e nep­pu­re quel­lo che scri­ve ro­man­zi po­li­zie­schi (an­che se, per la pes­si­ma qua­li­tà del­la sua scrit­tu­ra, un po’ di ga­le­ra la me­ri­te­reb­be); il Ce­sa­re Bat­ti­sti che vo­glia­mo in Ita­lia è quel­lo che ha spa­ra­to.

La dif­fe­ren­za sem­bra lam­pan­te, per­si­no a un bam­bi­no, ma so­no pron­to a scom­met­te­re che, an­che lo­ro co­me pu­paz­zi a mol­la, uno do­po l’al­tro scat­te­ran­no i suoi di­fen­so­ri di sem­pre, i gial­li­sti fran­ce­si con Fred Var­gas in te­sta. E, tut­ti con­cor­di, di­ran­no che Ce­sa­re non si toc­ca, che Ce­sa­re è uno dei no­stri, è un in­tel­let­tua­le.

Un at­ti­mo do­po pe­ro si di­vi­de­ran­no sul­le ra­gio­ni per cui non bi­so­gna toc­ca­re Ce­sa­re: una par­te di lo­ro di­rà che Bat­ti­sti è in­no­cen­te, che il pro­ces­so è sta­ta tut­ta una mon­ta­tu­ra, che non gli si può ascri­ve­re al­cun rea­to di san­gue; un’al­tra par­te so­ster­rà in­ve­ce che il po­ve­ro Ce­sa­re ha sì spa­ra­to, ha sì ucciso, ma lo ha fat­to per una buo­na cau­sa, per una de­mo­cra­zia so­stan­zia­le, per una ri­di­stri­bu­zio­ne dei be­ni. D’al­tro can­to, an­che i di­fen­so­ri di Bat­ti­sti han­no sem­pre gio­ca­to sui due fron­ti, cer­can­do di ca­pi­re se era me­glio pun­ta­re su un’im­pro­po­ni­bi­le ne­ga­zio­ne dei fat­ti o sul fra­gi­le edi­fi­cio di una per­se­cu­zio­ne po­li­ti­ca. Se non ci fos­se sta­to que­sto an­da­men­to on­di­va­go, mi sa­reb­be for­se più fa­ci­le cre­de­re nel­la pos­si­bi­li­tà di un er­ro­re giu­di­zia­rio, ma del­le due l’una: o Bat­ti­sti è in­no­cen­te, o è un ter­ro­ri­sta; un ter­ro­ri­sta in­no­cen­te non esi­ste, è una con­trad­di­zio­ne in ter­mi­ni.

Le ra­gio­ni per cui i miei col­le­ghi d’Ol­tral­pe si osti­na­no in que­sta di­fe­sa, a mio av­vi­so, so­no di­ver­se e ben po­co han­no a che ve­de­re con la pre­sun­zio­ne di in­no­cen­za. In­nan­zi tut­to c’è una for­te com­po­nen­te cor­po­ra­ti­va: Ce­sa­re Bat­ti­sti è un au­to­re di noir co­me noi, que­sto si di­co­no; ma, ri­spet­to a lo­ro, lui sem­bra ave­re qual­co­sa in più, per­ché lui ha spa­ra­to dav­ve­ro. A fa­re ag­gio su qual­sia­si buon sen­so è la sin­dro­me dell'at­to man­ca­to: per lo­ro, ri­vo­lu­zio­na­ri da sa­lot­to, spa­dac­ci­ni del pen­ni­no e di­fen­so­ri del­la si­ni­stra al ca­via­le, Ce­sa­re è l’eroe ve­ro, quel­lo che ha pun­ta­to la pi­sto­la del pro­le­ta­ria­to con­tro i mo­stri del ca­pi­ta­li­smo. In se­con­do luo­go c’è uno sguar­do com­pia­ciu­to sui pro­ble­mi de­gli al­tri: a quan­to mi ri­sul­ta, quan­do i terroristi di Ac­tion Di­rec­te si so­no vi­sti ne­ga­re dai tri­bu­na­li fran­ce­si gli scon­ti di pe­na do­po una ven­ti­na d’an­ni tra­scor­si in car­ce­re, non c’è sta­ta una le­va­ta di scu­di de­gli scrit­to­ri tran­sal­pi­ni. Tut­ti ga­ran­ti­sti con i cri­mi­na­li de­gli al­tri.

In­fi­ne, tra i suoi so­ste­ni­to­ri c’è una buo­na do­se di in­ge­nui­tà e di ma­la­fe­de: ri­ba­di­sco che, se­con­do me, Ce­sa­re Bat­ti­sti è uno scrit­to­re me­dio­cre, ma non pos­so ne­ga­re che egli ab­bia un im­pa­reg­gia­bi­le ta­len­to nell’in­fi­la­re, di tan­to in tan­to, la pa­ro­la giu­sta al mo­men­to giu­sto. “Mi­li­ta­re” è una di que­ste pa­ro­le: se chie­de­te a un buon numero di in­tel­let­tua­li stra­nie­ri per­ché Ce­sa­re Bat­ti­sti do­vreb­be go­de­re del­lo sta­tu­to di ri­fu­gia­to po­li­ti­co, vi sen­ti­re­te ri­spon­de­re che lo­ro non ri­co­no­sco­no la va­li­di­tà del­la con­dan­na per­ché è sta­ta pro­nun­cia­ta da un tri­bu­na­le mi­li­ta­re. E voi ave­te un bel di­re che non è ve­ro, che nean­che ne­gli an­ni più bui del ter­ro­ri­smo la Giu­sti­zia è sta­ta am­mi­ni­stra­ta in Ita­lia da tri­bu­na­li mi­li­ta­ri;

lo­ro vi ac­cu­se­ran­no di es­se­re voi stes­si par­te del com­plot­to: una po­st ve­ri­tà ante-lit­te­ram ac­com­pa­gna tut­ta la vi­cen­da Bat­ti­sti. E su quel­la po­st-ve­ri­tà, si pog­gia an­che l’ul­ti­ma stre­nua di­fe­sa del no­stro “per­se­gui­ta­to”: «Se il Bra­si­le mi ri­man­da in Ita­lia, mi con­se­gna al­la mor­te» ha di­chia­ra­to Bat­ti­sti. L’equi­li­bri­smo se­man­ti­co è pre­ge­vo­le: non si sbi­lan­cia nel­la men­zo­gna, fa­cil­men­te sma­sche­ra­bi­le, di una even­tua­le pe­na ca­pi­ta­le, ep­pu­re la evo­ca con il suo am­bi­guo ri­fe­ri­men­to al­la mor­te.

E chiu­do con un epi­so­dio per­so­na­le. Mol­ti an­ni fa, vin­si a Vil­le­neu­ve-lez-Avi­gnon il pre­mio del Noir Me­di­ter­ra­neo; a con­se­gnar­mi la tar­ga c’era uno dei grandi spon­sor di Ce­sa­re Bat­ti­sti, il qua­le, pri­ma di pro­se­gui­re con la ce­ri­mo­nia, chie­se a tut­ti i pre­sen­ti di fa­re un mi­nu­to di si­len­zio per il po­ve­ro Ce­sa­re co­stret­to all’esi­lio di Co­pa­ca­ba­na. Io mi im­ma­gi­nai il “po­ve­ro” in mez­zo a due bal­le­ri­ne di sam­ba ve­sti­te so­lo di piu­me e il mio pen­sie­ro an­dò ad Al­ber­to Tor­reg­gia­ni, che ave­vo in­con­tra­to qual­che set­ti­ma­na pri­ma; an­dò a quel pro­iet­ti­le che dal 1979 lo te­ne­va in­chio­da­to al­la se­dia a ro­tel­le, al pro­iet­ti­le spa­ra­to dai quei Pro­le­ta­ri Ar­ma­ti per il Co­mu­ni­smo di cui Ce­sa­re Bat­ti­sti fa­ce­va par­te. Po­te­vo sce­glie­re a chi de­di­ca­re il mio per­so­na­le mi­nu­to di si­len­zio: al pre­sun­to col­pe­vo­le mo­ra­le o al­la cer­ta vit­ti­ma. Per una vol­ta nel­la vi­ta non eb­bi dub­bi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.