Ta­ran­to, a por­te chiu­se nel­lo sta­dio di Brin­di­si

La sfi­da con­tro il Pi­cer­no si gio­che­rà do­ma­ni po­me­rig­gio al “Fa­nuz­zi” di Brin­di­si, a por­te chiu­se

Quotidiano di Puglia (Taranto) - - DA PRIMA PAGINA - di Ni­co­la SAMMALI

TA­RAN­TO - Si gio­che­rà a Brin­di­si, a por­te chiu­se, la sfi­da di do­me­ni­ca con­tro l’Az Pi­cer­no. Ciò a cau­sa del­la squa­li­fi­ca in­flit­ta al­lo Ia­co­vo­ne in se­gui­to al­le in­tem­pe­ran­ze dei ti­fo­si ros­so­blù do­me­ni­ca scor­sa a Vol­la, nel­la ga­ra per­sa con­tro il Po­mi­glia­no. «Quel­la scon­fit­ta non l’ho di­ge­ri­ta», ha det­to ie­ri in con­fe­ren­za stam­pa Cri­stia­no An­co­ra. «Dob­bia­mo ini­zia­re a mar­cia­re per­ché è ar­ri­va­ta l’ora di pren­der­ci le no­stre re­spon­sa­bi­li­tà - ha sot­to­li­nea­to l’at­tac­can­te ros­so­blù -. Il mi­ster è uno di noi, ab­bia­mo tut­to per usci­re da que­sto mo­men­to ne­ga­ti­vo. Non ab­bia­mo più tem­po. Pos­sia­mo so­lo la­vo­ra­re e sta­re in si­len­zio per da­re il mas­si­mo». Non ci so­no al­tre cu­re pos­si­bi­li».

Il Ta­ran­to è con­cen­tra­to sul mat­ch col Pi­cer­no che ver­rà gio­ca­to sen­za nes­sun ti­fo­so su­gli spal­ti, so­lo il si­len­zio per pro­va­re a rial­za­re la te­sta. «Guar­do la clas­si­fi­ca e di­co che dob­bia­mo ri­sa­lir­la il più in fret­ta pos­si­bi­le. Non ab­bia­mo al­tre al­ter­na­ti­ve che la vit­to­ria. Ab­bia­mo le qua­li­tà per far­lo». È cambiato l’al­le­na­to­re, il si­ste­ma di gio­co, gli in­ter­pre­ti ep­pu­re non «sap­pia­mo qua­le sia il no­stro ma­les­se­re. Quan­do per­di ma­le c’è po­co da tro­va­re alibi, dob­bia­mo so­lo ri­tro­var­ci», ccon­clu­de An­co­ra.

Poi toc­ca a Si­mo­ne Mi­li­zia. «Sia­mo un grup­po uni­to, la­vo­ria­mo ogni gior­no, pen­sia­mo so­lo al cam­po e a fa­re be­ne per­ché do­me­ni­ca dob­bia­mo vin­ce­re». Il gio­va­ne di­fen­so­re ros­so­blù con­fer­ma che «la so­cie­tà non ci fa man­ca­re nien­te, sia­mo se­re­ni». Il Pi­cer­no «è un av­ver­sa­rio osti­co, ce l’ha det­to an­che il no­stro ca­pi­ta­no. Il mi­ster ci sta dan­do le giu­ste in­di­ca­zio­ni» per su­pe­ra­re l’osta­co­lo. «È im­por­tan­te il ri­sul­ta­to, co­sì co­me so­no im­por­tan­ti i con­si­gli dei com­pa­gni più grandi». È an­co­ra un un­der, Ga­brie­le Cac­cio­la, a rac­con­ta­re gli ul­ti­mi gior­ni in ca­sa Ta­ran­to. «Stia­mo pre­pa­ran­do mol­to be­ne que­sta par­ti­ta, sem­pre con lo stes­so mo­du­lo, ov­ve­ro il 4-3-1-2. Sap­pia­mo che so­no un’ot­ti­ma squa­dra che non ha mai per­so in que­sto cam­pio­na­to. Ci gio­chia­mo il tut­to per tut­to per con­qui­sta­re i tre punti». Con­ta­no «le mo­ti­va­zio­ni», an­che per­ché «ve­nia­mo da due vit­to­rie e quat­tro scon­fit­te». E quan­do «si per­de, la re­spon­sa­bi­li­tà è di tut­ti». Per Cac­cio­la «se riu­scia­mo a es­se­re com­pat­ti non c’è nes­su­no che può te­ner­ci te­sta». Bi­so­gna di­mo­strar­lo, ades­so. «Con i ri­sul­ta­ti riu­sci­re­mo a ri­por­ta­re en­tu­sia­smo, dia­mo il mas­si­mo per tor­na­re a fa­re del­le pre­sta­zio­ni de­va­stan­ti, co­me in ri­ti­ro».

È ora di rea­gi­re per il Ta­ran­to, per­ché non ci so­no più scu­se che ten­ga­no e ag­grap­par­si agli alibi di­ven­ta pe­ri­co­lo­so. Il ri­schio di spro­fon­da­re è al­to. To­glie­re la fa­scia di ca­pi­ta­no a Pe­ra per met­ter­la sul brac­cio di Mia­le è il se­gna­le che que­sta si­tua­zio­ne non può tra­sci­nar­si ol­tre. La de­ci­sio­ne non avreb­be pro­vo­ca­to ma­lu­mo­ri all’in­ter­no del­lo spo­glia­to­io, è un fat­to po­si­ti­vo per i de­li­ca­ti equi­li­bri che lo re­go­la­no. «È un ono­re per me», con­fes­sa Mia­le. «Pe­ra vi­ve un mo­men­to de­li­ca­to ma si sa­cri­fi­ca mol­to per la squa­dra. È un gio­ca­to­re che ha se­gna­to tan­tis­si­mo, non è cer­to l’ul­ti­mo ar­ri­va­to». Toc­ca ai gio­ca­to­ri sen­ti­re la re­spon­sa­bi­li­tà di ve­nir­ne fuo­ri per sal­va­re la sta­gio­ne. Ne è con­sa­pe­vo­le pro­prio Mia­le che do­po un con­fron­to con la squa­dra ha am­mes­so che «sia­mo in­di­fen­di­bi­li», che «dob­bia­mo met­ter­ci il cuo­re per tor­na­re a vin­ce­re». Pre­sa co­scien­za del­la «fi­gu­ra in­de­gna» con­tro il Po­mi­glia­no, ri­mar­ca­ta dal­le pa­ro­le du­re del tec­ni­co Caz­za­rò. Qui «c’è gen­te che ha vin­to, con un cur­ri­cu­lum im­por­tan­te, ma non sta di­mo­stran­do il suo va­lo­re». Ser­vi­rà «sa­cri­fi­cio e cul­tu­ra del la­vo­ro» per im­pri­me­re una ster­za­ta de­ci­si­va e non es­se­re ri­suc­chia­ti sul fon­do del­la clas­si­fi­ca. Mas­si­ma con­cen­tra­zio­ne, dun­que. «Può suc­ce­de­re di tut­to, re­stia­mo con­cen­tra­ti», ha det­to in con­fe­ren­za stam­pa il di­fen­so­re ros­so­blù. «Ci so­no tan­te par­ti­te an­co­ra da gio­ca­re, ma dob­bia­mo rea­gi­re» am­met­te. Non è so­lo una que­stio­ne di mo­du­li e di in­ter­pre­ti di gio­co, «dob­bia­mo sba­glia­re di me­no in­di­vi­dual­men­te» an­che se «il gol re­go­la­re an­nul­la­to» con­tro i gra­na­ta, per esem­pio, «ci ha con­di­zio­na­to psi­co­lo­gi­ca­men­te più del lo­ro rad­dop­pio». In real­tà «tre scon­fit­te in tra­sfer­ta de­vo­no far­ci ri­flet­te­re».

Cri­stia­no An­co­ra, at­tac­can­te del Ta­ran­to, è tra i cal­cia­to­ri di mag­gio­re espe­rien­za del­la for­ma­zio­ne ros­so­blù; in al­to, una im­ma­gi­ne del­lo sta­dio Ia­co­vo­ne che do­me­ni­ca re­ste­rà chiu­so per via del­la squa­li­fi­ca di una gior­na­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.