QUEL FAL­LI­MEN­TO È UN SEL­FIE OBIET­TI­VO

Quotidiano di Puglia (Taranto) - - DA PRIMA PAGINA - di Gio­van­ni CAMARDA

Sta­vol­ta non c’è sta­to nem­me­no il tem­po di il­lu­der­si, co­me in Su­da­fri­ca e in Bra­si­le. Fuo­ri pri­ma an­co­ra di co­min­cia­re, sen­za lo strac­cio di un gi­ro­ne eli­mi­na­to­rio da af­fron­ta­re, per im­ma­gi­na­re, so­gna­re, evo­ca­re.

Nep­pu­re in Spa­gna e Ger­ma­nia l’Ita­lia era da­ta tra le fa­vo­ri­te, in­ve­ce poi è suc­ces­so e, per­ché no?, sa­reb­be po­tu­to ca­pi­ta­re an­co­ra.

Fuo­ri, un po’ per ca­so (una doz­zi­na di oc­ca­sio­ni spre­ca­te in 180’ con­tro mez­zo ti­ro in por­ta de­gli sve­de­si), mol­to per lo­gi­ca e per la coe­ren­za di fat­to­ri che spes­so in­ci­do­no - co­me è giu­sto che sia - più di un pa­lo e di un rim­pal­lo. O di una for­ma­zio­ne sba­glia­ta. L’Ita­lia a ca­sa è un ver­det­to mol­to me­no sor­pren­den­te di quan­to da ti­fo­si si vor­reb­be am­met­te­re, noi con le quat­tro stel­le sul pet­to, noi con la sto­ria e la com­pe­ten­za (rea­le o pre­sun­ta) di 60 mi­lio­ni di ct. Eli­mi­na­ti gli az­zur­ri, mas­sa­cra­to Ven­tu­ra ma, so­prat­tut­to, boc­cia­to il no­stro cal­cio, de­cli­nan­te dal­la not­te di Ber­li­no 2006 tran­ne il lam­po di quell’ir­ri­pe­ti­bi­le giu­gno 2016, fa­se fi­na­le de­gli Eu­ro­pei, un mi­ra­co­lo spor­ti­vo in­ter­rot­to dai ri­go­ri cia­bat­ta­ti da Pel­lé e Za­za con­tro la Ger­ma­nia. Un’il­lu­sio­ne ot­ti­ca, in un cer­to sen­so, fa­vo­ri­ta dal­la per­so­na­li­tà, dal­la ca­ri­ca e dal­la fa­me di un al­le­na­to­re co­me An­to­nio Con­te. Ma quell’Ita­lia, per va­lo­ri tec­ni­ci, non era mi- glio­re dell’ul­ti­ma nau­fra­ga­ta a San Si­ro; era so­lo “do­pa­ta” dal ca­ri­sma av­vol­gen­te e con­ta­gio­so di un nu­me­ro 1 as­so­lu­to, quel lec­ce­se se­du­to (si fa per di­re) in pan­chi­na.

Nel­lo 0-0 con­tro la Sve­zia ci so­no in­ve­ce tut­ti i li­mi­ti - rea­li, pa­le­si, ine­qui­vo­ca­bi­li - dei Ta­vec­chio, dei Ven­tu­ra, dei Dar­mian, dei Flo­ren­zi, dei Ber­nar­de­schi, espres­sio­ne fe­de­le del li­vel­lo at­tua­le del cal­cio ita­lia­no, co­stret­to a gio­car­si un Mon­dia­le non aven­do al­ter­na­ti­ve all’im­pie­go di cal­cia­to­ri che nei lo­ro club so­no ri­ser­ve. È que­sto il pun­to di ar­ri­vo e, au­spi­ca­bil­men­te, di ri­par­ten­za: sia­mo que­sti, mo­du­lo più mo­du­lo me­no, In­si­gne più In­si­gne me­no. Se non se ne pren­de at­to, la pa­ra­bo­la di­scen­den­te non si ar­re­ste­rà, qua­le che sia da do­ma­ni il pe­di­gree del nuo­vo ct.

In fon­do un det­ta­glio, a me­no di po­ter pun­ta­re nuo­va­men­te su un no­me tau­ma­tur­gi­co, al qua­le pe­rò do­ver pa­ga­re un in­gag­gio ade­gua­to ri­cor­ren­do ma­ga­ri al­lo spon­sor, co­me nel ca­so di Con­te. Ma non è que­sto, non è co­sì che si ga­ran­ti­sce una pro­gram­ma­zio­ne du­ra­tu­ra all’Ita­lia del cal­cio, che va­da ol­tre una qua­li­fi­ca­zio­ne ai Mon­dia­li o agli Eu­ro­pei. Quel­lo che ser­ve è una ri­vo­lu­zio­ne, un cam­bio di pro­spet­ti­va, una di­ver­sa clas­si­fi­ca di prio­ri­tà che da de­cen­ni ve­do­no il ruo­lo del­la Na­zio­na­le schiac­cia­to da­gli in­te­res­si dei club, cui pre­me esclu­si­va­men­te fa­re sol­di e quin­di ri­sul­ta­ti, in­di­pen­den­te­men­te dal pas­sa­por­to di chi va in cam­po.

Un’im­po­sta­zio­ne che ha dram­ma­ti­ca­men­te im­po­ve­ri­to la qua­li­tà dei cal­cia­to­ri in­di­ge­ni, emar­gi­na­ti e ri­dot­ti a fi­gu­re se­con­da­rie in cam­pio­na­to: ba­sta da­re una ra­pi­da scor­sa al­le for­ma­zio­ni del­le squa­dre di ver­ti­ce per con­sta­ta­re che nei ruo­li-chia­ve, quel­li di mag­gior ta­len­to (il tre­quar­ti­sta, il re­gi­sta, il go­lea­dor), gli ita­lia­ni non ci so­no ma ab­bon­da­no i Dy­ba­la, gli Icar­di, i Dze­ko, i Mer­tens, gli Hi­guain. Poi suc­ce­de che in due par­ti­te non si rie­sce a fa­re un gol al­la Sve­zia.

In real­tà, Fe­de­ra­zio­ne e Le­ga han­no obiet­ti­vi in­con­ci­lia­bi­li, eter­na­men­te in con­tra­sto. È co­sì da sem­pre ma ne­gli ul­ti­mi vent’an­ni, da quan­do i di­rit­ti tv so­no di­ven­ta­ti i ve­ri pa­dro­ni del va­po­re, le di­stan­ze si so­no al­lar­ga­te. Da una par­te la Na­zio­na­le a men­di­ca­re spa­zio, tem­po e di­spo­ni­bi­li­tà; dall’al­tra le so­cie­tà rab­bio­sa­men­te di­spo­ste a cu­neo per sal­va­guar­da­re il pro­prio pa­tri­mo­nio tec­ni­co e i pro­pri obiet­ti­vi. In mez­zo una Na­zio­na­le in fon­do fi­glia di nes­su­no, ri­dot­ta a pun­ching ball sul qua­le di tan­to in tan­to po­ter­si sfo­ga­re, an­che so­lo per li­be­ra­re le pro­prie fru­stra­zio­ni di al­le­na­to­ri gio­va­ni, di no­me, ep­pu­re già fal­li­ti (co­me nel ca­so di mol­ti no­vel­li opi­nio­ni­sti tv).

Non so­no que­ste le con­di­zio­ni per le qua­li po­ter ri­met­te­re la Na­zio­na­le, il cal­cio az­zur­ro, al cen­tro di tut­to il mo­vi­men­to. Né Ta­vec­chio - at­tual­men­te com­mis­sa­rio di Le- ga, ad abun­dan­tiam - pa­re es­se­re il di­ri­gen­te in gra­do di fa­vo­ri­re un’in­ver­sio­ne di ten­den­za, non aven­do la sta­tu­ra cul­tu­ra­le (lui è sem­pre quel­lo di Op­tì Po­ba) e nep­pu­re l’au­to­re­vo­lez­za per pro­va­re a in­dur­re le so­cie­tà a più mi­ti con­si­gli, ad un’aper­tu­ra nei con­fron­ti del mo­vi­men­to che po­treb­be tra­dur­si in van­tag­gi an­che per le squa­dre del cam­pio­na­to, per i lo­ro vi­vai sem­pre più este­ro­fi­li.

Un’idea, di cui si par­la da an­ni sen­za ri­sul­ta­ti, po­treb­be es­se­re quel­la di ri­dur­re la A a 18 squa­dre, dan­do re­spi­ro al ca­len­da­rio e di con­se­guen­za qual­che oc­ca­sio­ne in più per la­vo­ra­re sul­la Na­zio­na­le. Poi pe­rò ser­vi­reb­be­ro an­che com­pe­ten­za e co­rag­gio, do­ti ne­ces­sa­rie an­che per edu­ca­re la men­ta­li­tà di ti­fo­si sem­pre at­trat­ti dal no­me eso­ti­co, sal­vo poi im­pre­ca­re con­tro il fi­glio del vi­ci­no di ca­sa ar­ri­va­to a gio­ca­re in Na­zio­na­le.

Sia­mo que­sti, per quan­to pos­sa es­se­re ama­ro do­ver­lo ri­co­no­sce­re, sia­mo que­sti an­che quan­do fi­schia­mo gli in­ni del­le rap­pre­sen­ta­ti­ve av­ver­sa­rie, la Sve­zia co­me la Fran­cia. Sul­lo sfon­do c’è la stes­sa ina­de­gua­tez­za, lo stes­so de­fi­cit cul­tu­ra­le e spor­ti­vo sfo­cia­to nell’eli­mi­na­zio­ne da Rus­sia 2018. Per ri­co­min­cia­re sa­reb­be uti­le con­si­de­rar­la non un’apo­ca­lis­se ma il sel­fie obiet­ti­vo di quel­lo che og­gi è il cal­cio ita­lia­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.