GLI AL­BER­GHI DI CON­FIN­DU­STRIA PRO­MUO­VO­NO ALL’ESTE­RO IL MA­DE IN ITA­LY

seeITALY - - Editoriale - Gior­gio Pal­muc­ci

An­che que­st'an­no Con­fin­du­stria Al­ber­ghi par­te­ci­pa ai prin­ci­pa­li ap­pun­ta­men­ti in­ter­na­zio­na­li de­di­ca­ti agli in­ve­sti­men­ti nel set­to­re tu­ri­sti­co al­ber­ghie­ro. Un pun­to di vi­sta pri­vi­le­gia­to per guar­da­re al fu­tu­ro del no­stro set­to­re sem­pre di più le­ga­to al­le di­na­mi­che in­ter­na­zio­na­li.

A que­sto è de­di­ca­to il pri­mo nu­me­ro di See Ita­ly, che at­tra­ver­so gli in­ter­ven­ti dei pro­ta­go­ni­sti, di­se­gna un qua­dro com­ple­to del mon­do de­gli in­ve­sti­men­ti e dell'im­mo­bi­lia­re tu­ri­sti­co.

Il se­gna­le che ne esce è for­te e ci per­met­te di guar­da­re con fi­du­cia al fu­tu­ro.

In­fat­ti c'è fer­men­to nel set­to­re al­ber­ghie­ro ita­lia­no, il 2015 è sta­to se­gna­to da ope­ra­zio­ni im­por­tan­ti mos­se da in­ve­sti­to­ri che guar­da­no ben ol­tre i ri­sul­ta­ti – pu­re già po­si­ti­vi – re­gi­stra­ti nell'an­no e che han­no co­sì con­fer­ma­to la fi­du­cia nel no­stro pae­se co­me pro­ta­go­ni­sta del tu­ri­smo mon­dia­le.

An­che i no­stri ope­ra­to­ri lo san­no e la ri­spo­sta al Tax Cre­dit at­ti­va­to dal MIBACT per ri­strut­tu­ra­zio­ni e di­gi­ta­liz­za­zio­ni ne è la ri­pro­va, co­sì co­me l'at­ten­zio­ne che i gran­di isti­tu­ti ban­ca­ri stan­no ri­ser­van­do al set­to­re. Una con­fer­ma che, al di là del­la pas­sio­ne che muo­ve chi ope­ra nel no­stro com­par­to, il tu­ri­smo in Ita­lia è de­sti­na­to ad as­su­me­re un ruo­lo sem­pre più im­por­tan­te per l'eco­no­mia del Pae­se.

Un obiet­ti­vo pos­si­bi­le, il tu­ri­smo può con­tri­bui­re al Pil na­zio­na­le ben di più dell'at­tua­le 11%, ma è il mo­men­to an­che di ri­ve­de­re un qua­dro re­go­la­to­rio che non ha sa­pu­to sta­re al pas­so con l'evo­lu­zio­ne dei mer­ca­ti e non rie­sce a "leg­ge­re" i nuo­vi fe­no­me­ni.

La cre­sci­ta tur­bi­no­sa del­la sha­ring eco­no­my sta ac­ce­le­ran­do que­sta esi­gen­za e de­ve es­se­re l'oc­ca­sio­ne per un rior­di­no com­ples­si­vo in am­bi­to nor­ma­ti­vo del set­to­re al­ber­ghie­ro che va ade­gua­to al­le esi­gen­ze di un mer­ca­to che cam­bia. Oc­cu­pa­zio­ne, va­lo­riz­za­zio­ne del ma­de in Ita­ly at­tra­ver­so food, mo­da e de­si­gn, l'in­du­stria al­ber­ghie­ra por­ta va­lo­re al ter­ri­to­rio. Si svi­lup­pa in coe­ren­za con gli obiet- ti­vi del­la col­let­ti­vi­tà in una lo­gi­ca di so­ste­ni­bi­li­tà e di tu­te­la del no­stro pa­tri­mo­nio cul­tu­ra­le, ar­ti­sti­co e so­cia­le. A que­sto vo­glia­mo guar­da­re con See ita­ly, il nuo­vo pro­get­to edi­to­ria­le dell’As­so­cia­zio­ne che, da que­sto pri­mo nu­me­ro – in­con­tran­do i pro­ta­go­ni­sti – an­drà ad ap­pro­fon­di­re que­sti aspet­ti con l'obiet­ti­vo di re­sti­tui­re al no­stro set­to­re il po­sto che me­ri­ta nell'eco­no­mia na­zio­na­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.