Bo­nus per al­ber­ghi, scom­mes­sa vin­cen­te

Bo­nus for ho­tels, a win­ning tac­tic

seeITALY - - Sommario - A cu­ra di Fe­der­le­gnoAr­re­do

In­ter­vi­sta al pre­si­den­te di Fe­der­le­gnoAr­re­do, Ro­ber­to Snai­de­ro

See Ita­ly: Per­ché un bo­nus per gli al­ber­ghi?

"Gli ul­ti­mi an­ni han­no po­sto le azien­de del de­si­gn e dell'ar­re­do di fron­te a sfi­de sen­za pre­ce­den­ti. Nel 2013 do­po un lun­go con­fron­to co­strut­ti­vo con le isti­tu­zio­ni, è sta­ta pre­sa una de­ci­so­ne sto­ri­ca che ha get­ta­to una lu­ce nuo­va nel­le re­la­zio­ni in­du­stria­li in Ita­lia: in­tro­dur­re il bo­nus mo­bi­li, ov­ve­ro una de­tra­zio­ne fi­sca­le del 50% sull'ac­qui­sto dell'ar­re­da­men­to a fron­te di una ri­strut­tu­ra­zio­ne edi­li­zia. Que­sta mi­su­ra non so­lo ha ge­ne­ra­to ef­fet­ti mol­to po­si­ti­vi sull'eco­no­mia e sul­la so­cie­tà (ri­cor­do so­lo due da­ti: qua­si due mi­liar­di di eu­ro di spe­sa ge­ne­ra­ta in un an­no e mez­zo e 10.000 po­sti di la­vo­ro tu­te­la­ti), ma ha an­che in­tro­dot­to un prin­ci­pio im­por­tan­te, poi imi­ta­to an­che in al­tri cam­pi: uti­liz­za­re la le­va fi­sca­le per ge­ne­ra­re svi­lup­po, in pri­mo luo­go at­tor­no a uno dei be­ni pri­ma­ri, ov­ve­ro la ca­sa.

A par­ti­re dal­la po­si­ti­va espe­rien­za del bo­nus mo­bi­li, è ma­tu­ra­ta l'idea di una nuo­va for­ma di in­cen­ti­va­zio­ne che fa­vo­ris­se il ri­lan­cio di un al­tro am­bi­to fon­da­men­ta­le del no­stro Pae­se, l'ospi­ta­li­tà. Sap­pia­mo be­ne quan­to è im­por­tan­te per noi il tu­ri­smo, sia­mo il Pae­se che tut­to il mon­do de­si­de­ra vi­si­ta­re. A quei tem­pi ave­va­mo chia­re le op­por­tu­ni­tà che Ex­po po­te­va of­fri­re, an­zi­tut­to per Mi­la­no ma per l'Ita­lia in­te­ra. Sa­reb­be sta­ta una ve­tri­na for­mi­da­bi­le per il mon­do. Co­si con As­so­cia­zio­ne Ita­lia­na Con­fin­du­stria Al­ber­ghi ab­bia­mo mes­so a pun­to una nuo­va proposta che mi­ra­va a ri­lan­cia­re le strut­tu­re ri­cet­ti­ve sia dal pun­to di vi­sta strut­tu­ra­le che per l'ar­chi­tet­tu­ra e il de­si­gn di in­ter­ni”.

See Ita­ly: Co­me è sta­ta ac­col­ta ta­le mi­su­ra dal­le vo­stre azien­de?

“Vo­glio sot­to­li­nea­re un da­to su tut­ti: so­lo per i mo­bi­li le ri­chie­ste per­ve­nu­te nel pri­mo an­no di ap­pli­ca­zio­ne so­no sta­te pa­ri a 27 mi­lio­ni 118 mi­la eu­ro, a fron­te dei 2 mi­lio­ni di­spo­ni­bi­li. Le no­stre azien­de han­no col­to im­me­dia­ta­men­te le op­por­tu­ni­tà de­ri­van­ti da que­sta ini­zia­ti­va. All'in­ter­no di Fe­der­le­gnoAr­re­do so­no pre­sen­ti più di 400 azien­de che ope­ra­no nel con­tract al­ber­ghie­ro. In tut­to il mon­do l'ar-

re­do e le fi­ni­tu­re Ma­de in Ita­ly so­no ri­co­no­sciu­te co­me espres­sio­ne del­la mas­si­ma qua­li­tà, dell'ec­cel­len­za, del lus­so. Il tax cre­dit su­gli al­ber­ghi ha in­cre­men­ta­to la pos­si­bi­li­tà di pro­por­re que­sta ec­cel­len­za an­che in Ita­lia”.

See Ita­ly: Co­sa chie­de­te og­gi al­la po­li­ti­ca?

“Una co­sa mol­to sem­pli­ce: da­re cre­di­to al­le ini­zia­ti­ve che fun­zio­na­no. Il bo­nus per gli al­ber­ghi è cer­ta­men­te una di que­ste. Ri­ten­go fon­da­men­ta­le pro­se­gui­re nel per­cor­so ini­zia­to, pre­ve­den­do un'esten­sio­ne del prov­ve­di­men­to an­che nel 2017 e am­plian­do il pla­fond di­spo­ni­bi­le. È una scel­ta win win, con­vie­ne in tut­ti i sen­si. So­prat­tut­to dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co. La qua­li­tà ge­ne­ra svi­lup­po, lo svi­lup­po por­ta be­ne­fi­ci a tut­ti, al­le im­pre­se, al­lo Sta­to e ai cit­ta­di­ni”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.