Se la die­ta t’im­pe­gna trop­po

Non hai tem­po per cu­ci­na­re i piatti giu­sti? Non fai i con­trol­li per­ché il me­di­co è lon­ta­no? Sal­ti la palestra per la stan­chez­za? Nien­te scu­se. È so­lo que­stio­ne di or­ga­niz­za­zio­ne e di buo­na vo­lon­tà

Starbene - - News - di Sa­bi­na Cuc­ca­ro

ap­pun­ta­men­to con il die­to­lo­go, fa­re la spe­sa e cu­ci­na­re in tem­po per man­gia­re le pie­tan­ze giu­ste, tro­va­re un’ora li­be­ra per l’at­ti­vi­tà fi­si­ca: so­no tut­ti pro­ble­mi lo­gi­sti­ci che devi met­te­re in con­to quan­do co­min­ci una die­ta. Non sem­pre, in­fat­ti, si rie­sce a ri­spet­ta­re il plan­ning: se­con­do i da­ti di uno stu­dio eu­ro­peo più del 10% del­le per­so­ne ab­ban­do­na un re­gi­me die­te­ti­co per pro­ble­mi pra­ti­ci. Per by­pas­sar­li, quin­di, ti devi or­ga­niz­za­re e, so­prat­tut­to, pre­di­spor­ti men­tal­men­te per non ce­de­re al pri­mo osta­co­lo. «La pri­ma co­sa da fa­re è ca­pi­re se sei dav­ve­ro ri­so­lu­ta a ini­zia­re un pro­gram­ma die­te­ti­co, quin­di fat­ti su­bi­to que­sta do­man­da: è il mo­men­to giu­sto per co­min­cia­re una die­ta? Se hai im­pe­gni in­com­ben­ti, co­me può es­se­re un tra­slo­co o un nuo­vo la­vo­ro, se non sei se­re­na (ma­ga­ri hai in­ter­rot­to una re­la­zio­ne), me­glio ri­man­da­re a un mo­men­to me­no stres­san­te», spie­ga Arian­na Ban­de­ra­li, me­di­co psi­co­te­ra­peu­ta, pre­si­den­te dell’Ai­dap (As­so­cia­zio­ne ita­lia­na di­stur­bi dell’ali­men­ta­zio­ne e del pe­so).

RI­SPET­TA I TUOI BISOGNI

«Poi, non far­ti tra­vol­ge­re dall’en­tu­sia­smo che può non far­ti ve­de­re gli osta­co­li. Met­ti in pre­ven­ti­vo che non sa­rà sem­pre fa­ci­le se­gui­re la die­ta», ag­giun­ge la dot­to­res­sa Ban­de­ra­li. Que­sta con­sa­pe­vo­lez­za ini­zia­le ti aiu­te­rà a te­ne­re du­ro nei mo­men­ti dif­fi­ci­li. Pro­prio per cer­ca­re di ri­dur­li al mi­ni­mo, è fon­da­men­ta­le sce­glie­re un percorso di­ma­gran­te che sia ef­fet­ti­va­men­te ta­ra­to sui tuoi bisogni: «Se la­vo­ri e stai mol­to tem­po fuo­ri ca­sa non puoi fa­re una die­ta che pre­ve­de lun­ghe preparazioni dei piatti», di­ce l’esper­ta e con­ti­nua: «Per raf­for­za­re la mo­ti­va­zio­ne ed es­se­re più de­ter­mi­na­ta ad af­fron­ta­re ine­vi­ta­bi­li osta­co­li, devi an­che sce­glie­re un re­gi­me che se­gua i tuoi gu­sti ali­men­ta­ri, in mo­do da es­se­re gra­ti­fi­ca­ta da quel­lo che man­gi. En­tra, poi, nell’ot­ti­ca che non stai fa­cen­do una die­ta pu­ni­ti­va ma stai cam­bian­do sti­le di vi­ta: stai co­min­cian­do a nu­trir­ti in mo­do sa­no, a pren­der­ti cu­ra di te e que­sto ri­chie­de im­pe­gno. Per­ciò, quan­do devi fa­re qual­co­sa che ti sem­bra fa­ti­co­so o com­pli­ca­to da rea­liz­za­re in­ve­ce di ab­bat­ter­ti, pen­sa ai ri­sul­ta­ti che ri­scon­tre­rai man ma­no: ne gio­ve­rà il tuo sta­to di sa­lu­te, riu­sci­rai a muo­ver­ti me­glio, in­dos­se­rai quel ve­sti­to che pri­ma non po­te­vi met­te­re e, non da ul­ti­mo, mi­glio­re­rai l’at­ti­vi­tà ses­sua­le».

GIO­CA D’ANTICIPO

In ogni ca­so, il se­gre­to pra­ti­co per man­te­ne­re il plan­ning del­la die­ta è ac­qui­si­re com­pe­ten­ze ad hoc. «Se la se­ra tor­ni af­fa­ma­ta e non hai vo­glia di cu­ci­na­re, pre­pa­ra la mat­ti­na la ce­na; poi, riem­pi il fri­go di ver­du­re cru­de e frut­ta per gli at­tac­chi di fame. So­prat­tut­to, non pen­sa­re al­la die­ta co­me qual­co­sa che inizia e fi­ni­sce, ma co­me una li­nea che va a cor­reg­ge­re il tuo com­por­ta­men­to quo­ti­dia­no. Se abi­tui il cer­vel­lo a que­sto nuo­vo sti­le di vi­ta, i pro­ble­mi lo­gi­sti­ci che avrai all’ini­zio poi spa­ri­ran­no», con­clu­de la psi­co­te­ra­peu­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.