Ovi­dio, il poe­ta li­ber­ti­no esi­lia­to da Au­gu­sto

Due­mi­la an­ni fa uno dei più gran­di poe­ti la­ti­ni dell’an­ti­chi­tà mo­ri­va a to­mi, sul­le ri­ve del mar ne­ro, do­ve l’im­pe­ra­to­re au­gu­sto l’ave­va con­fi­na­to per mo­ti­vi non an­co­ra chia­ri

Storica National Geographic - - Straordinari Personaggi -

Qui giac­cio io, Ovi­dio Na­so­ne poe­ta, can­to­re di de­li­ca­ti amo­ri, che pe­rii per il mio in­ge­gno; non sia gra­ve a te, che pas­si e hai ama­to, mor­mo­ra­re: le os­sa di Ovi­dio ri­po­si­no in­fi­ne dol­ce­men­te». Que­sti so­no i ver­si che il poe­ta Pu­blio Ovi­dio Na­so­ne vol­le scol­pi­ti sul­la sua tomba co­me epi­taf­fio; ta­li era­no le di­spo­si­zio­ni che ave­va la­scia­to a sua mo­glie Fa­bia. Pa­ro­le di un uo­mo ama­reg­gia­to e ma­lin­co­ni­co, scrit­te in una let­te­ra spe­di­ta dal poe­ta du­ran­te il suo esi­lio a To­mi, nel­la re­mo­ta e bar­ba­ra re­gio­ne del­la Sci­zia. An­che al­lo­ra Ovi­dio aspi­ra­va a es­se­re ri­cor­da­to co­me «il poe­ta dei dol­ci car­mi d’amor» in al­lu­sio­ne al­le ope­re che ave­va com­po­sto in gio­ven­tù e che gli ave­va­no aper­to le por­te del suc­ces­so.

Se ci ba­sia­mo sul­le sue stes­se pa­ro­le, sin da quan­do era an­da­to a scuo­la nel­la sua cit­tà na­ta­le di Sul­mo­na, Ovi­dio ave­va sen­ti­to una for­te in­cli­na­zio­ne per la poe­sia. «Tut­to ciò che pro­va­vo a scri­ve­re sgor­ga­va sot­to for­ma di ver­so» dis­se. Per­tan­to ave­va ab­ban­do­na­to gli stu­di in leg­ge, ne­ces­sa­ri per sca­la­re i gra­di­ni del­la car­rie­ra po­li­ti­ca, e si era

re­ca­to a Ro­ma al­lo sco­po di co­struir­si un fu­tu­ro co­me poe­ta vi­sto che l’Ur­be, egli ne era si­cu­ro, «pos­sie­de tut­to ciò che è esi­sti­to nel mon­do».

La sua pri­ma ope­ra fu Amo­res, una rac­col­ta di ele­gie amo­ro­se in cui il poe­ta can­ta­va il suo amo­re per Co­rin­na, una don­na ve­ro­si­mil­men­te in­ven­ta­ta, e par­la­va di si­tua­zio­ni quo­ti­dia­ne e sem­pli­ci, sen­za ma­gni­lo­quen­za, ma at­tra­ver­so uno sti­le agi­le ed ele­gan­te. L’ope­ra piac­que mol­to, al pun­to che ven­ne pub­bli­ca­ta an­che una se­con­da edi­zio­ne, co­sa non mol­to abi­tua­le nell’an­ti­chi­tà.

Il poe­ta di mo­da

A par­ti­re da al­lo­ra, Ovi­dio ri­por­tò un suc­ces­so do­po l’al­tro, gra­zie a una se­rie di ope­re che tra­su­da­va ori­gi­na­li­tà e im­ma­gi­na­zio­ne e che po­co ave­va a che fa­re con le ri­me dei suoi pre­de­ces­so­ri. Nel­le Eroi­di (15 a.C.) il poe­ta scan­da­gliò l’uni­ver­so fem­mi­ni­le, met­ten­do­si nei pan­ni di ce­le­bri don­ne del­la mi­to­lo­gia, co­me Pe­ne­lo­pe, Di­do­ne o Arian­na, che nel­le epi­sto­le in­di­riz­za­te ai lo­ro in­na­mo­ra­ti, lon­ta­ni o in­fe­de­li, espri­me­va­no la pro­pria se­te di ven­det­ta o la pro­pria fol­lia amo­ro­sa. Più tar­di com­po­se tre ope­re gra­zie al­le qua­li sa­reb­be sta­to osan­na­to da tut­ti i gio­va­ni di Ro­ma:

Per Ovi­dio, la Ro­ma di Au­gu­sto «pos­sie­de tut­to ciò che è esi­sti­to nel mon­do»

AUREO CON L’EFFIGE DELL’IM­PE­RA­TO­RE AU­GU­STO. I SE­CO­LO. MU­SEI STA­TA­LI, BER­LI­NO.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.