LA POTENZA E IL FA­SCI­NO

Storica NG Special - - News -

Non si con­ta­no, na­tu­ral­men­te, gli at­te­sta­ti di im­men­sa pas­sio­ne che i vi­si­ta­to­ri, dal­la gente co­mu­ne ai gran­di in­tel­let­tua­li del pas­sa­to, han­no tri­bu­ta­to a Ro­ma (“è una ve­ra Uni­ver­si­tas e quan­do la si è ve­du­ta, si è ve­du­to tut­to” – Goe­the; “Oh Ro­ma! mia pa­tria! cit­tà dell’ani­ma!” – Geor­ge By­ron), ma la Cit­tà Eter­na dai mil­le volti non è solo il “palcoscenico del mon­do”, an­che se si è sem­pre at­teg­gia­ta a es­ser­lo. La sua ve­ra ani­ma esi­ste e va sco­va­ta al di là del­la “gran­de bellezza” dei suoi mo­nu­men­ti e di quel fol­clo­re na­tu­ra­le che tut­to­ra stu­pi­sce i tu­ri­sti. Co­sì di­ce­va un per­so­nag­gio che ap­pa­ren­te­men­te c’en­tra po­co con la fiu­ma­na di scrit­to­ri, ar­ti­sti e sto­ri­ci che nei se­co­li ne han­no cal­pe­sta­to i sam­pie­tri­ni, Sig­mund Freud: “Fac­cia­mo dun­que un’ipotesi fan­ta­sti­ca che Ro­ma non sia un abi­ta­to umano, ma un’en­ti­tà psi­chi­ca [...], una en­ti­tà in cui nul­la di ciò che un tem­po ha ac­qui­sta­to esi­sten­za è scom­par­so, in cui ac­can­to al­la più recente fa­se di svi­lup­po con­ti­nua­no a sus­si­ste­re tut­te le fa­si pre­ce­den­ti”. E come ag­giun­ge in pro­po­si­to la psi­ca­na­li­sta e sto­ri­ca Éli­sa­be­th Rou­di­ne­sco, Ro­ma è “un luogo di in­con­tro con le pro­fon­di­tà dell’in­con­scio [...]. Cit­tà bi­ses­sua­le, cit­tà ama­ta, per­fi­no adu­la­ta, tan­to per la sua potenza ma­schi­le quan­to per il suo fa­sci­no fem­mi­ni­le”. Que­st’ani­ma pro­fon­da di Ro­ma va sco­per­ta a po­co a po­co, at­tra­ver­so le sue vi­si­bi­li stra­ti­fi­ca­zio­ni (Tro­ia ave­va 9 li­vel­li, Ro­ma ne avrà chis­sà quan­ti di più) che ri­cor­da­no im­pe­ri, sac­cheg­gi, ri­co­stru­zio­ni, de­va­sta­zio­ni, pia­ni­fi­ca­zio­ni ur­ba­ni­sti­che, governi di con­so­li, di prin­ci­pes, di papi, di re, di dit­ta­to­ri, do­ve pe­rò l’antico pas­sa­to è rie­mer­so sem­pre ca­par­bia­men­te, a di­spet­to de­gli in­ter­ra­men­ti e del­le mo­der­ni­tà – ma­ga­ri du­ran­te gli eter­ni la­vo­ri di una me­tro­po­li­ta­na o per l’ap­pas­sio­na­ta ope­ra de­gli ar­cheo­lo­gi – per fon­der­si con le te­sti­mo­nian­ze del­le epo­che suc­ces­si­ve e con il pre­sen­te di og­gi. Una coe­si­sten­za to­ta­le, che non ha pa­ri in nes­sun al­tro luogo del mon­do. Ed è que­sta Ro­ma che vogliamo ri­per­cor­re­re con voi in que­sto Spe­cia­le di Sto­ri­ca National Geographic de­di­ca­to al­le me­ta­mor­fo­si di una cit­tà, che nei mil­len­ni è pe­rò riu­sci­ta a ri­ma­ne­re sem­pre se stes­sa.

Gior­gio Ri­viec­cio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.