IL BAN­CHIE­RE DEI SO­VRA­NI

Storica NG Special - - Speciale storika -

Gli emis­sa­ri del­la Fran­cia nel­la Pe­ni­so­la, co­me il car­di­na­le Tri­vul­zio, eb­be­ro quin­di un ruo­lo di pri­mo pia­no nell’in­co­rag­gia­re e so­ste­ne­re i pro­get­ti di Gian Lui­gi Fie­schi.

Le am­bi­zio­ni dei Far­ne­se

E poi c’era il pa­pa. Per quan­to pos­sa sem­bra­re po­co con­so­no al lo­ro ruo­lo pa­sto­ra­le, i pon­te­fi­ci del Ri­na­sci­men­to han­no spes­so di­mo­stra­to una no­te­vo­le pro­pen­sio­ne a uti­liz­za­re la con­giu­ra co­me ar­ma di lot­ta po­li­ti­ca. Due del­le più ce­le­bri con­giu­re dell’epo­ca, quel­la dei Paz­zi con­tro i Me­di­ci a Fi­ren­ze e, ap­pun­to, quel­la dei Fie­schi a Ge­no­va, eb­be­ro in­fat­ti co­me pro­mo­to­ri, die­tro le quin­te, due gran­di pon­te­fi­ci, ri­spet­ti­va­men­te Si­sto IV del­la Ro­ve­re e Pao­lo III Far­ne­se. In en­tram­bi i ca­si il mo­ven­te fu la di­fe­sa de­gli in­te­res­si di­na­sti­ci del­le ri­spet­ti­ve fa­mi­glie, pri­ma an­co­ra di quel­li del­lo Sta­to del­la Chie­sa di Ro­ma. cen­tU­rio­ne,

ADA­MO CEN­TU­RIO­NE FU A LUN­GO L’EMI­NEN­ZA GRI­GIA DI AN­DREA DO­RIA CHE, STAN­DO AL­LE PA­RO­LE DI UN AM­BA­SCIA­TO­RE SPA­GNO­LO, “NON PREN­DE­VA NES­SU­NA DE­CI­SIO­NE SEN­ZA ES­SER­SI CON­SUL­TA­TO CON LUI”. LA COL­LA­BO­RA­ZIO­NE FRA I DUE FU SAN­CI­TA DAL MA­TRI­MO­NIO FRA GI­NET­TA, FI­GLIA DI ADA­MO, E GIAN­NET­TI­NO DO­RIA, NI­PO­TE DI AN­DREA. ADA­MO FU UN UO­MO D’AF­FA­RI, ESPO­NEN­TE DI PRI­MO PIA­NO DEL­LA ÉLI­TE DI FI­NAN­ZIE­RI GE­NO­VE­SI LE­GA­TA AL­LA CO­RO­NA DI SPA­GNA (E AI SUOI AP­PA­REN­TE­MEN­TE INE­SAU­RI­BI­LI GIA­CI­MEN­TI DI AR­GEN­TO AME­RI­CA­NO). ADA­MO FU AN­CHE UN UO­MO DI STA­TO E DI MA­RE. NEL 1529, AL CO­MAN­DO DI UNA FLOT­TA DI GA­LEE, SI TRO­VÒ DI FRON­TE AL TE­MU­TO COR­SA­RO BAR­BA­ROS­SA, CHE PE­RÒ GLI SFUG­GÌ. L’EPI­SO­DIO SU­SCI­TÒ SO­SPET­TI DI CON­NI­VEN­ZE COL NE­MI­CO. NEI DRAM­MA­TI­CI MO­MEN­TI DEL­LA CON­GIU­RA DEI FIE­SCHI, FU ADA­MO A MET­TE­RE IN SAL­VO DO­RIA E A RIOR­GA­NIZ­ZA­RE LE FI­LA DI­SO­RIEN­TA­TE DEI SO­STE­NI­TO­RI DELL’AM­MI­RA­GLIO. Il mo­ti­vo di fon­do del con­tra­sto fra Pao­lo III (1468-1549) da una par­te e Car­lo V e An­drea Do­ria dall’al­tro sta­va nel de­si­de­rio del pa­pa di crea­re uno “Sta­to” per la sua fa­mi­glia. In un pri­mo tem­po il pa­pa ave­va ad­di­rit­tu­ra spe­ra­to che il fi­glio Pier Lui­gi ve­nis­se in­ve­sti­to del Du­ca­to di Mi­la­no. In se­gui­to pen­sò di crea­re ex no­vo un du­ca­to nei ter­ri­to­ri di Par­ma e Pia­cen­za che in quel mo­men­to fa­ce­va­no par­te del­lo Sta­to del­la Chie­sa. Il pro­get­to era vi­sto con gran­de osti­li­tà dal go­ver­na­to­re spa­gno­lo di Mi­la­no, Fer­ran­te Gon­za­ga, che con­si­de­ra­va le due cit­tà di per­ti­nen­za del­lo Sta­to di Mi­la­no di cui ave­va­no fat­to par­te fi­no al 1513. An­che An­drea Do­ria non ve­de­va di buon oc­chio que­sta nuo­va pre­sen­za ai con­fi­ni nord-oc­ci­den­ta­li del­la Re­pub­bli­ca di Ge­no­va. Tra Far­ne­se e Do­ria si ven­ne a de­ter­mi­na­re una sor­ta di “guer­ra fred­da” che in cer­ti mo-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.