UN SUC­CES­SO IM­ME­DIA­TO E UNI­VER­SA­LE

Storica NG Special - - Speciale storika -

L CI­NE­MA­TO­GRA­FO ERA UN’IN­DU­STRIA CUL­TU­RA­LE DI NUO­VO GE­NE­RE, LA CUI FRUI­ZIO­NE, A DIF­FE­REN­ZA DEL LI­BRO O DEL­LA STAM­PA, NON RI­CHIE­DE­VA UN’AL­FA­BE­TIZ­ZA­ZIO­NE. QUE­STA CO­STI­TUI­SCE UNA DEL­LE CHIA­VI DEL SUO SUC­CES­SO, CO­ME TE­STI­MO­NIA LA FOL­GO­RAN­TE CRE­SCI­TA CHE FE­CE DEL CI­NE­MA IL PRI­MO SPET­TA­CO­LO DI MAS­SA. NEL 1895 I FRA­TEL­LI LU­MIÈ­RE PROIETTARONO A PA­RI­GI LA PRI­MA PEL­LI­CO­LA, L’usci­ta dal­le of­fi­ci­ne Lu­miè­re, E TRA QUE­STA DA­TA E IL 1900 INCASSARONO 2,4 MI­LIO­NI DI FRAN­CHI PER LA REA­LIZ­ZA­ZIO­NE DI PEL­LI­CO­LE, CHE DI­VEN­NE UN BU­SI­NESS ESTRE­MA­MEN­TE REDDITIZIO. NEL 1906 VI ERA­NO 10 CI­NE­MA A PA­RI­GI, CHE NEL 1908 ERA­NO GIÀ DI­VE­NU­TI 87, E NEL 1911 LA CIT­TÀ AC­COL­SE IL PIÙ GRAN­DE CI­NE­MA D’EU­RO­PA: IL GAU­MONT-PA­LA­CE, CON 3400 PO­STI A SE­DE­RE. IN QUAN­TO AGLI STA­TI UNI­TI, NEL 1910 ERA­NO GIÀ FUN­ZIO­NAN­TI 10.000 NIC­KE­LO­DEON, SA­LE CI­NE­MA­TO­GRA­FI­CHE FRE­QUEN­TA­TE DA 23 MI­LIO­NI DI SPET­TA­TO­RI AL­LA SET­TI­MA­NA, OV­VE­RO IL 20% DEL­LA PO­PO­LA­ZIO­NE STA­TU­NI­TEN­SE.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.