«P

Di fau­sto briz­zi*

Style - - Focus -

io bloc­co tut­to, la­vo­ro com­pre­so. Sia quel­lo ma­schi­le sia fem­mi­ni­le. È uno show, è dram­ma­tur­gia, e quan­do gio­ca­no le don­ne non c’è me­no in­ten­si­tà. For­se la pal­la viag­gia un po’ me­no ve­lo­ce (an­che se ve­den­do cer­ti col­pi di Se­re­na Wil­liams non ne so­no così si­cu­ro…), ma lo spet­ta­co­lo è al­tret­tan­to in­ten­so. So­no ri­ma­sto or­fa­no di Ma­ria Sha­ra­po­va, ma so­no an­da­to agli In­ter­na­zio­na­li di Roma per se­gui­re le par­ti­te di Ro­ber­ta Vin­ci, Sa­ra Er­ra­ni e Fran­ce­sca Schia­vo­ne. Non vor­rei de­lu­de­re No­vak Djo­ko­vic che ha det­to che quan­do gio­ca­no gli uo­mi­ni c’è mol­ta più gen­te sul­le tri­bu­ne, ma io al Fo­ro Ita­li­co ci so­no an­da­to spe­ran­do in un au­to­gra­fo del­la Vin­ci più che per ve­de­re lui... Ci ap­pas­sio­nia­mo agli sport gra­zie ai cam­pio­ni, uo­mi­ni o don­ne che sia­no. Pen­so a Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni o a Va­len­ti­na Vez­za­li, a ogni vit­to­ria scat­ta la ti­fo­se­ria e i ri­flet­to­ri si ac­cen­do­no su di lo­ro. È pro­prio il ti­fo che fa la dif­fe­ren­za: so­no an­da­to a ve­de­re del­le par­ti­te di calcio fem­mi­ni­le, quan­do so­no par­ti­ti i co­ri sem­bra­va di es­se­re in cur­va Sud al­lo stadio. La pal­la­vo­lo fem­mi­ni­le è un al­tro sport ad al­ta spet­ta­co­la­ri­tà in cui le ita­lia­ne, co­me Fran­ce­sca Pic­ci­ni­ni o Mau­ri­zia Cac­cia­to­ri, si so­no di­stin­te. Il pro­ble­ma è che, men­tre i pa­laz­zet­ti so­no tut­ti pie­ni, dif­fi­cil­men­te tro­vi le par­ti­te in tv, qua­si to­tal­men­te co­lo­niz­za­ta dal calcio. A es­se­re di­scri­mi­na­te non so­no le don­ne ma gli sport con­si­de­ra­ti mi­no­ri e che in­ve­ce se­con­do me si me­ri­te­reb­be­ro il pri­me ti­me. L’atle­ti­ca leg­ge­ra, per esem­pio, che tra l’al­tro ha tro­va­to una so­lu­zio­ne fur­ba per met­te­re sullo stes­so li­vel­lo uo­mi­ni e don­ne: gli even­ti com­bi­na­ti per­met­to­no di ve­de­re le ga­re di en­tram­bi i ses­si in una so­la gior­na­ta e con un uni­co bi­gliet­to. Cer­to è uno sport do­ve gi­ra­no me­no sol­di, ma le gam­be so­no gam­be e i cam­pio­ni non li pro­gram­ma­no le fe­de­ra­zio­ni e i lo­ro finanziamenti».

«Gio­co a calcio a otto in una squa­dra mi­sta, do­ve pe­rò so­lo le don­ne pos­so­no ti­ra­re in por­ta. Così evi­tia­mo il ri­schio di pal­lo­na­te a 80 chi­lo­me­tri ora­ri. È una co­sa tra ami­ci, ma mi pia­ce lo spi­ri­to di squa­dra e la sa­na com­pe­ti­zio­ne che si crea. So­no cre­sciu­ta in una fa­mi­glia di ti­fo­si gial­lo­ros­si, gio­ca­vo già nel­la squa­dra del li­ceo e se­guo mol­to an­che la na­zio­na­le fem­mi­ni­le ita­lia­na. Il com­mis­sa­rio tec­ni­co An­to­nio Ca­bri­ni è un mio gran­de ami­co (ne ho an­che rea­liz­za­to un ritratto per Con­fes­sio­ne Re­por­ter su Ita­lia 1) e cre­do nel­la sua bat­ta­glia per­ché le gran­di so­cie­tà co­me Ju­ven­tus, In­ter, Roma o La­zio si apra­no an­che al­le don­ne, crean­do squa­dre pro­fes­sio­ni­sti­che fem­mi­ni­li. Sa­reb­be ol­tre­tut­to un buon mo­do per al­lar­ga­re il lo­ro pub­bli­co vi­sto che og­gi il ti­fo è an­co­ra pret­ta­men­te ma­schi­le. Le bam­bi­ne gio­ca­no in squa­dre mi­ste fi­no a 13 an­ni, poi i cor­pi si dif­fe­ren­zia­no: le don­ne so­no me­no ve­lo­ci nel­la cor­sa e rie­sco­no a im­pri­me­re al pal­lo­ne una for­za mi­no­re. Per que­sto le par­ti­te del­le ra­gaz­ze so­no me­no fi­si­che e più in­cen­tra­te sul­la tat­ti­ca, ri­cor­da­no un po’ il mo­do di gio­ca­re dei pro­fes­sio­ni­sti de­gli an­ni Set­tan­ta, quan­do c’era­no me­no con­tat­ti e me­no fal­li. L’al­tro pro­ble­ma del calcio fem­mi­ni­le è la dif­fi­col­tà di tro­va­re i mat­ch in tv: non di­co che li deb­ba tra­smet­te­re Rai 1, ma al­me­no qual­che al­tro ca­na­le non a pa­ga­men­to! For­tu­na che presto ci sa­ran­no le Olim­pia­di. Ol­tre al calcio se­gui­rò le ga­re di nuo­to e tuf­fi, ti­fan­do per Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni e Ta­nia Ca­gnot­to. Il mon­do dell’ac­qua mi ri­cor­da quan­do ero bam­bi­na e d’estate non ve­de­vo l’ora che mi por­tas­se­ro in pi­sci­na... La nar­ra­ti­va del­lo sport è epi­ca, le campionesse so­no an­co­ra del­le eroi­ne ca­pa­ci di gal­va­niz­za­re il pub­bli­co. E se qual­cu­na, co­me la Pel­le­gri­ni, di­ven­ta an­che una ce­le­bri­ty che ma­le c’è?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.