C

An­ta­no, par­la­no, a vol­te s’in­car­ta­no, ma più spes­so in­can­ta­no. Rac­con­tan­do in ri­ma le lo­ro sto­rie per­so­na­li, del quar­tie­re o cit­tà, e per­fi­no d’ita­lia: i mi­glio­ri rie­sco­no a for­ma­re in­te­re co­mu­ni­tà in­tor­no al lo­ro «flow» (la par­lan­ti­na rit­ma­ta). Tra lo­ro

Style - - Gallery -

IZI HA 20 AN­NI. Vie­ne da Genova ed è la nuo­va pro­mes­sa del rap ita­lia­no, gra­zie a un sound in­con­fon­di­bi­le: ba­si ag­gres­si­ve e un mar­ca­to ef­fet­to sul­la vo­ce. Per que­sto il re­gi­sta Co­si­mo Ale­mà l’ha vo­lu­to co­me pro­ta­go­ni­sta del re­cen­te Ze­ta, il pri­mo film sul­la sce­na hip hop ita­lia­na (e an­che il suo pri­mo al­bum, Fe­ni­ce, è usci­to a mag­gio per un’eti­chet­ta im­por­tan­te co­me la So­ny). Gio­va­nis­si­mo ini­zia a scri­ve­re poe­sie e ad ascol­ta­re rap ame­ri­ca­no, tra­du­cen­do le can­zo­ni, ma nel suo back­ground ci so­no an­che Gior­gio Ga­ber, Fa­bri­zio De Andrè, John­ny Ca­sh e John Col­tra­ne.

Tran­qui, zio. «Ta­ke it ea­sy» è il suo man­tra: deve sta­re tran­quil­lo, per non vi­ve­re ma­le. «A 11 an­ni mi so­no am­ma­la­to di dia­be­te e l’an­no scor­so so­no pu­re fi­ni­to in co­ma, per que­sto de­vo fa­re tut­te le co­se con cal­ma». Ado­le­scen­za-pac­co. «Ho vis­su­to la mia ado­le­scen­za tra as­si­sten­ti so­cia­li e tribunali, do­po la se­pa­ra­zio­ne dei miei. Mi sen­ti­vo un fot­tu­to pac­co, sbal­lot­ta­to da una par­te all’al­tra. La co­sa più im­por­tan­te del­la mia vi­ta è sta­ta re­cu­pe­ra­re il rap­por­to con mio pa­dre: così ho re­cu­pe­ra­to an­che me stes­so». Que­sto mon­do ri­vi­ve nei suoi te­sti: pa­ro­le e con­cet­ti sci­vo­la­no ve­lo­ci, co­me in un flus­so di co­scien­za. «Ho im­pa­ra­to a scom­pi­glia­re i no­di del­la vi­ta ap­pe­na ho sbro­glia­to la te­sta».

La musica è la mia medicina. «Quan­do scri­vo è co­me se mi cu­ras­si, co­me se to­glies­si pe­so, per di­ven­ta­re fi­nal­men­te più leg­ge­ro».

Il mio sty­le. «È l’at­ti­tu­di­ne con cui si la­vo­ra, è quel­lo che vie­ne fuo­ri agli oc­chi del pub­bli­co. Io so­no un ti­po ter­ra ter­ra, per­ché mi pia­ce rac­con­ta­re sen­za trop­pi gi­ri di pa­ro­le, le mie ve­ri­tà e tut­to ciò che vi­vo, dal­la gen­te per la gen­te».

IL KING DEL FREESTYLE ita­lia­no si chia­ma Clemente Mac­ca­ro, ha 34 an­ni e vie­ne da Avel­li­no, ma per tut­ti è Cle­men­ti­no. Da vent’an­ni «spacca ‘e ve­tri­ne» con un flow (cioè lo scor­re­re di ver­si e ri­me del rap­per, ndr) im­pres­sio­nan­te, tra dia­let­to na­po­le­ta­no e lingua ita­lia­na. I ve­tri, pe­rò, li han­no spac­ca­ti al­la sua au­to: fa­mo­so e ri­chie­stis­si­mo nel mon­do neo­me­lo­di­co, quan­do si è ri­fiu­ta­to di col­la­bo­ra­re con un pa­io di lo­schi fi­gu­ri (il me­se scor­so so­no scat­ta­ti gli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri per tre per­so­ne). Nei te­sti par­la di vi­ta di stra­da, di se stes­so, ma dà an­che vo­ce a chi vi­ve in pe­ri­fe­ria e a chi è co­stret­to ad emi­gra­re per cer­ca­re la­vo­ro.

Na­po­li flow. «Il flow è la ve­ra espres­sio­ne dell’ori­gi­na­li­tà di una per­so­na. O ce l’hai o non ce l’hai. E in que­sto i na­po­le­ta­ni so­no i più for­ti, per­ché han­no in sé la cultura ame­ri­ca­na e quel­la afri­ca­na. Uno slang e un lin­guag­gio uni­co, che si fa por­ta­vo­ce del ri­scat­to di tut­to il Sud».

My Mi­chel­le. «Tut­to è ini­zia­to nel 1996 quan­do m’in­na­mo­rai di Mi­chel­le Pfeif­fer nel film Pen­sie­ri Pe­ri­co­lo­si, e di Gang­sta’s Pa­ra­di­se di Coo­lio, gran­de rap nel­la co­lon­na so­no­ra. Ho fat­to di tut­to poi, dall’ani­ma­to­re nei vil­lag­gi tu­ri­sti­ci al tea­tran­te; ma è vin­cen­do le ga­re di free sty­le che mi so­no fat­to stra­da nel mon­do dell’hip hop».

Rap al­le von­go­le. «Pri­ma di sa­li­re su un pal­co, se mi fac­cio un bel piat­to di spa­ghet­ti con le von­go­le, stai si­cu­ro che can­to me­glio fra­tel­lo».

La ver­sio­ne di Pi­no. Ol­tre a Jo­va­not­ti, Mar­ra­ca­sh, Ne­gri­ta, Fa­bri Fi­bra e al­tri ha duet­ta­to an­che con il suo ido­lo Pi­no Da­nie­le, il qua­le in­ci­se con lui l’ul­ti­mo pez­zo pri­ma di mo­ri­re: Da che par­te stai. «A chi mi di­ce: co­sa hai fat­to nel­la vi­ta? Ri­spon­do: gua­gliu’ ho can­ta­to con zio Pi­no».

AL­LE SUE SPAL­LE UN RITRATTO del du­ca di Wind­sor: se­du­to, gam­be ac­ca­val­la­te, ca­mi­cia am­pia a ma­ni­che cor­te, pantaloni in seer­suc­ker, cal­ze a sot­ti­li ri­ghe oriz­zon­ta­li e mo­cas­si­ni bi­co­lo­re. Qua­si un mi­to quell’ed­ward, ico­na di ele­gan­za – non è un ca­so che an­co­ra si usi il col­let­to del­le ca­mi­cie «al­la Wind­sor» –, che a ce­ne for­ma­li si pre­sen­ta­va con lo smo­king al po­sto del frac. Se­du­to nel suo uf­fi­cio do­ve an­che le pa­re­ti so­no vi­va­ci, Giu­sep­pe Co­lom­bo, di­ret­to­re crea­ti­vo di Gal­lo, tes­se le lo­di del «prin­ci­pe ro­man­ti­co» al qua­le pro­ba­bil­men­te avreb­be vo­lu­to da­re le sue cal­ze. «Le avrei vi­ste bene an­che in­dos­so a Ste­ve Mcqueen, un uo­mo dal gran­de co­rag­gio, co­me chi por­ta le no­stre più co­lo­ra­te e, per­ché no, al Prin­ci­pe Az­zur­ro: ha ri­co­no­sciu­to Ce­ne­ren­to­la gra­zie a una scar­pet­ta di cri­stal­lo; lui sì che si do­vreb­be far ri­co­no­sce­re per le Gal­lo». Ma ap­pa­ri­re non è da tut­ti. An­zi, «pro­prio per chi va al la­vo­ro con l’abi­to blu, gri­gio o ges­sa­to ho pen­sa­to al­le ine­di­te Up­per Clas­sic: co­lo­ri es­sen­zia­li im­pre­zio­si­ti da gre­che in­tra­mon­ta­bi­li so­lo sui bor­di». Di cer­to non una «in­ver­sio­ne di rot­ta» ben­sì un oc­chio di (gran) ri­guar­do per chi ve­ste clas­si­co.

MAR­CHIO DI CAL­ZE per uo­mo, bam­bi­no (sue so­no quel­le più pic­co­le al mon­do per bé­bé sotto ai sei me­si) e poi don­na. La storia ini­zia nel 1927 ma è da­ta­ta 1998 la «Gal­lo re­vo­lu­tion»: un’esplo­sio­ne di ri­ghe mul­ti­co­lor più o me­no stret­te, au­da­ci gio­chi di con­tra­sto, «sti­le fuo­ri da­gli sche­mi e ad al­ta ri­co­no­sci­bi­li­tà»; li­nee, pois, mo­ti­vi fan­ta­sia, even­ti (Sa­lo­ne del mo­bi­le, Ex­po...) ne fan­no «cal­ze da far ve­de­re». E, poi, da lì è ve­nu­to tut­to il re­sto: cra­vat­te, abi­ti, surf, bi­ci...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.