I

DI LU­CA ROSCINI

Style - - Qui Mondo -

L CON­TRA­RIO DEL GIO­CO non è ciò che è se­rio, ben­sì ciò che è rea­le». Co­sì di­ce­va Sig­mund Freud. Chis­sà se lo pen­sa­va an­che l’ar­chi­star Ani­sh Ka­poor quan­do ha chia­ma­to l’ar­ti­sta vi­sio­na­rio Car­sten Höl­ler a com­ple­ta­re la sua scul­tu­ra con lo sci­vo­lo più gran­de d’eu­ro­pa.

Sia­mo a Lon­dra do­ve, nel Par­co Olim­pi­co crea­to in oc­ca­sio­ne dei Gio­chi del 2012, ver­rà inau­gu­ra­to il pros­si­mo 24 giu­gno uno sci­vo­lo lun­go 178 me­tri che per­met­te­rà ai frui­to­ri dell’ope­ra a me­tà tra il gio­co e l’ar­te di scen­de­re ver­so ter­ra a una ve­lo­ci­tà di 24 km all’ora per una di­sce­sa lun­ga 40 se­con­di. Lo sci­vo­lo gira

«let­te­ral­men­te in­tor­no all’ar­ce­lor­mit­tal Or­bit, ope­ra di Ka­poor pro­get­ta­ta per le Olim­pia­di e si­tua­ta nel Queen Eli­za­be­th Olym­pic Park di Lon­dra Strat­ford. La sua strut­tu­ra, fat­ta in me­tal­lo ri­ci­cla­to, si ri­fà al­la for­ma del dna uma­no e si sta­glia nel nu­vo­lo­so cie­lo in­gle­se co­sì da di­ven­ta­re la scul­tu­ra più al­ta (114 me­tri di al­tez­za) del re­gno di sua Mae­stà.

No­no­stan­te il pri­ma­to, non ha mai go­du­to pe­rò di un par­ti­co­la­re suc­ces­so (né di cri­ti­ca né di pub­bli­co) tan­to che ha cor­so il ri­schio di ve­ni­re pre­mia­ta con il fa­mi­ge­ra­to «Car­bun­cle Cup», pre­mio as­se­gna­to ogni an­no all’edi­fi­cio più brut­to crea­to nel Re­gno Uni­to.

FOR­SE PRO­PRIO PER VIA di que­sto man­ca­to suc­ces­so Ani­sh Ka­poor ha chie­sto soc­cor­so a Car­sten Höl­ler, ar­ti­sta di Bru­xel­les ma di ba­se a Stoc­col­ma, tra i più con­si­de­ra­ti nel pa­no­ra­ma dell’ar­te con­tem­po­ra­nea che fa dell’in­te­ra­zio­ne un me­to­do di frui­zio­ne ar­ti­sti­ca. Non a ca­so la sua ex­hi­bi­tion (cin­que sci­vo­li ap­pun­to) nel­la Tur­bi­ne Hall del­la Ta­te Mo­dern di Lon­dra è sta­ta una del­le più vi­ste de­gli ul­ti­mi an­ni men­tre Miuc­cia Pra­da in per­so­na pos­sie­de uno dei suoi sci­vo­li per col­le­ga­re l’uf­fi­cio con l’in­gres­so dell’hea­d­quar­ter mi­la­ne­se (inol­tre fi­no al 31 lu­glio si può ac­ce­de­re al­la mo­stra-lu­na park pres­so Han­gar Bi­coc­ca di Mi­la­no).

Il bi­gliet­to (21 eu­ro cir­ca, pre­no­ta­bi­le on­li­ne su ar­ce­lor­mit­ta­lor­bit.com) dà di­rit­to al­la sa­li­ta in ascen­so­re al­la scul­tu­ra di Ka­poor e al­la di­sce­sa nel tu­bo fat­to di ple­xi­glas di Höl­ler. Con­tro­in­di­ca­zio­ni? Bi­so­gna, tra le al­tre co­se, es­se­re più al­ti di un me­tro e tren­ta cen­ti­me­tri, non sof­fri­re di clau­stro­fo­bia, pe­sa­re me­no di 149 kg, non aver as­sun­to dro­ghe o al­cool. Ai gen­tle­man in­gle­si è vie­ta­to scen­de­re con l’om­brel­lo (e que­sto non è uno scher­zo).

MGLAMPING? Ora ANIACI DEL la ca­na­de­se (in ver­sio­ne de­lu­xe) può di­ven­ta­re una ve­ra ca­sa del­le va­can­ze. Pa­ro­la di An­ne­ke van Wae­sber­ghe, de­si­gner dal­lo spi­ri­to no­ma­de che una de­ci­na d’an­ni fa ha la­scia­to New York per i rit­mi slow e la na­tu­ra sel­vag­gia di Ba­li, in In­do­ne­sia. «Una vi­ta sen­za mu­ri» co­me la de­fi­ni­sce lei, di cui si so­no innamorati an­che gli ami­ci in vi­si­ta (e ce­le­bri­ty co­me Uma Thur­man), af­fa­sci­na­ti dal­le se­ra­te che or­ga­niz­za­va in una ten­da-dé­pen­dan­ce e de­si­de­ro­si di ri­por­ta­re quel­la «ro­man­ti­ca at­mo­sfe­ra co­lo­nia­le» an­che in lo­ca­li­tà di vil­leg­gia­tu­ra me­no eso­ti­che. E co­sì è na­ta Esca­pe No­ma­de, so­cie­tà che pro­get­ta, rea­liz­za e ar­re­da ten­de di lus­so in gra­do di du­ra­re una vi­ta in­te­ra.

La strut­tu­ra si mon­ta in una gior­na­ta (ven­go­no for­ni­ti li­bret­to d’istru­zio­ni e video), fon­da­zio­ni com­pre­se, e pe­sa ol­tre una ton­nel­la­ta, per po­ter re­si­ste­re ai ven­ti fi­no a 175 chi­lo­me­tri ora­ri, os­sia a una trom­ba d’aria di mo­de­ra­ta in­ten­si­tà. A col­po d’oc­chio il fa­sci­no vin­ta­ge al­la Pas­sag­gio in In­dia è in­tat­to, ma guar­dan­do più da vi­ci­no si sco­pre che il tes­su­to che ri­co­pre il te­la­io in ac­cia­io è com­po­sto da quat­tro stra­ti hi-te­ch per re­si­ste­re agli agen­ti at­mo­sfe­ri­ci, fun­ge­re da iso­lan­te, na­scon­de­re ca­vi elet­tri­ci (l’abi­ta­zio­ne può es­se­re col­le­ga­ta al­la re­te lo­ca­le op­pu­re es­se­re ener­ge­ti­ca­men­te au­to­suf­fi­cien­te) e ren­de­re l’in­ter­no bel­lo e ac­co­glien­te. Il li­vel­lo più ester­no è ri­ve­sti­to con una re­si­na re­si­sten­te ai rag­gi del so­le, ai fun­ghi, all’ac­qua (dal­la sem­pli­ce umi­di­tà tro­pi­ca­le al­le piog­ge tor­ren­zia­li) e per­si­no al­lo spor­co, gra­zie al trat­ta­men­to Per­ma­clean che fa «sci­vo­la­re» via pol­ve­re, ter­ra e de­tri­ti.

I de­si­gner di Esca­pe No­ma­de pen­sa­no an­che agli ar­re­di, con mo­bi­li su mi­su­ra ma­de in Ba­li e per­si­no len­zuo­la e co­per­te. Il tut­to a par­ti­re da cir­ca 20 mi­la eu­ro per una ten­da-mo­no­lo­ca­le con ba­gno da 35 me­tri qua­dri. Con tut­ti i com­fort di un’abi­ta­zio­ne in mu­ra­tu­ra ma un im­pat­to sull’am­bien­te (e un co­sto) de­ci­sa­men­te in­fe­rio­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.