M

ENTRE sull’eu­ro­pa aleg­gia­no i fan­ta­smi del Ttip (Tran­sa­tlan­tic Tra­de and In­vest­ment Part­ner­ship) e del suo am­ba­scia­to­re più fa­mo­so, il fa­mi­ge­ra­to pol­lo al­la can­deg­gi­na, in Ita­lia sta per ac­ca­de­re qual­co­sa di im­por­tan­te. Nel 2017 Star­bucks, il co­los­so del

Style - - Focus -

«La ve­ra cu­ci­na ita­lia­na si ri­co­no­sce de­gli in­gre­dien­ti. Pen­sia­mo al­la piz­za: gli ame­ri­ca­ni po­tran­no an­che di­re di aver­la in­ven­ta­ta lo­ro, ma sen­za il po­mo­do­ro e la moz­za­rel­la ita­lia­ni, la lie­vi­ta­zio­ne con il cli­ma asciut­to di Na­po­li non ver­rà mai co­me si de­ve! Per gli spa­ghet­ti dob­bia­mo di­vi­der­ci il me­ri­to con i ci­ne­si (d’al­tron­de Mar­co Po­lo li ha im­por­ta­ti da lì in Ita­lia), ma i no­stri si di­stin­guo­no per­ché li ab­bia­mo ri­fat­ti con il gra­no mi­glio­re an­zi­ché man­te­ner­li di ri­so. Co­sì c’è sta­ta un’evo­lu­zio­ne del pro­dot­to. È co­me quan­do il mio ami­co Joe Ba­stia­ni­ch pre­pa­ra “spa­ghet­ti and meat­balls”: ben ven­ga una ri­vi­si­ta­zio­ne del piat­to, quel­lo che non mi pia­ce è ve­de­re nei su­per­mer­ca­ti di New York cer­ti fin­ti “ita­lian sa­la­mi” o “par­me­san”. Io quan­do sto ne­gli Sta­ti Uniti e vo­glio cu­ci­na­re ita­lia­no mi fac­cio man­da­re da ca­sa la ca­cio­ri­cot­ta e l’olio pu­glie­se doc. Pe­rò se ce­no fuo­ri scel­go esclu­si­va­men­te la cu­ci­na lo­ca­le, ovun­que mi tro­vi: me­glio un piat­to ti­pi­co, per quan­to stra­no, che quel­la spe­cie di po­len­ta con l’uva sul­ta­ni­na che mi ser­vi­ro­no a una ce­na “ita­lia­na” ad Abu Dha­bi! Al­lo stes­so mo­do non man­gio al ri­sto­ran­te giap­po­ne­se o ci­ne­se quan­do so­no a Mi­la­no. Il pro­dot­to ita­lia­no la cui glo­ba­liz­za­zio­ne è riu­sci­ta me­glio è il caf­fè: or­mai un buon espres­so si tro­va pra­ti­ca­men­te ovun­que. Poi pe­rò a ca­sa ci be­via­mo il Ne­spres­so che è sviz­ze­ro per­ché fa più fi­go... O ci fac­cia­mo in­cu­rio­si­re da Star­bucks o dal­le nuo­ve caf­fet­te­rie den­tro le li­bre­rie quan­do ab­bia­mo la tra­di­zio­ne dei bar. Il no­stro gros­so pro­ble­ma, non so­lo nel set­to­re ali­men­ta­re, è che non sap­pia­mo ven­der­ci be­ne. Per­ché il mar­chio Slow Food che è na­to per di­fen­de­re il ma­de in Ita­ly ha un no­me in­gle­se? Ca­pi­sco che “Ci­bo len­to” non suo­ni be­nis­si­mo, ma so­no si­cu­ro che Dan­te sa­reb­be riu­sci­to a in­ven­ta­re qual­co­sa di me­glio»

«Ho viag­gia­to mol­to in que­sti an­ni di car­rie­ra e pos­so di­re con or­go­glio che il ci­bo ita­lia­no è dav­ve­ro il più buo­no e sa­no. Non a ca­so la die­ta me­di­ter­ra­nea è la più con­si­glia­ta e la pri­ma co­sa che pro­va­no i tu­ri­sti da noi è la cu­ci­na. A vol­te co­mun­que mi è ca­pi­ta­to di pro­va­re i piat­ti di al­tri Pae­si o di fer­mar­mi per uno snack ve­lo­ce da Star­bucks o Kfc (pur pre­fe­ren­do lo street food ita­lia­no): so­no una per­so­na cu­rio­sa e cre­do che la no­stra cul­tu­ra ali­men­ta­re si ar­ric­chi­sca so­lo as­sag­gian­do ci­bi nuo­vi. Il suc­ces­so del­le gran­di ca­te­ne se­con­do me è per lo più una que­stio­ne di mo­da e di una vi­ta che or­mai è di­ven­ta­ta per mol­ti una ga­ra con­tro il tem­po. Si ba­sa tut­to sul­la ra­pi­di­tà di ser­vi­zio e mol­to me­no sul­la qua­li­tà del pro­dot­to, an­che se de­vo am­met­te­re che tra i piat­ti of­fer­ti ce ne so­no al­cu­ni ve­ra­men­te gu­sto­si (ma non pro­prio sa­ni). Pe­rò han­no an­che ri­dot­to cer­te dif­fe­ren­ze cu­li­na­rie: ora an­che il tu­ri­sta più esi­gen­te può tro­va­re un ci­bo gra­di­to in qual­sia­si par­te del mon­do. Per me è im­por­tan­te sa­pe­re sem­pre la pro­ve­nien­za di quel­lo che man­gio: per que­sto (e an­che per­ché lo pre­fe­ri­sco) quan­do fac­cio la spe­sa scel­go sem­pre il ma­de in Ita­ly. So­no il pri­mo so­ste­ni­to­re del­la cam­pa­gna “I am doping free” con la qua­le pro­muo­via­mo non so­lo lo sport pu­li­to, ma an­che una sen­si­bi­liz­za­zio­ne nei con­fron­ti di una cor­ret­ta e sa­na ali­men­ta­zio­ne. Cre­do che in Ita­lia, co­me an­che in al­tri Pae­si, si con­su­mi trop­po ci­bo non pre­stan­do la giu­sta at­ten­zio­ne a che co­sa ar­ri­va ef­fet­ti­va­men­te sul­la no­stra ta­vo­la. Bi­so­gna edu­ca­re le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni a co­no­sce­re be­ne il ci­bo. Ad esem­pio la car­ne, il lat­te, le uo­va, ali­men­ti che so­no pre­sen­ti nel­la die­ta di tan­ta gen­te, pos­so­no ri­sul­ta­re pe­ri­co­lo­si se vie­ne sot­to­va­lu­ta­ta la pro­ve­nien­za o il pro­ces­so di al­le­va­men­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.