N

Style - - Style Glam -

ESSUNO ha fret­ta ad Islay, tan­to­me­no il whi­sky. D’al­tron­de rag­giun­ge­re l’iso­la scoz­ze­se ri­chie­de tem­po: due ore di na­ve, op­pu­re un’ora di ae­reo, da Gla­sgow. E una vol­ta sbar­ca­ti ad ac­co­glier­ti ci so­no una man­cia­ta di pe­co­re e il ven­to for­te dell’atlan­ti­co. An­che gli abi­ta­ti so­no spar­si qua e là: la mag­gior par­te dei tre mi­la abi­tan­ti vi­ve in iso­la­te ca­set­te che si sta­glia­no co­me pun­ti­ni bian­chi sul­la ter­ra brul­la. Gen­te au­ste­ra, tal­vol­ta spi­go­lo­sa, ma ca­pa­ce di spri­gio­na­re un gran­de ca­lo­re. Per­so­ne abi­tua­te a com­bat­te­re con­tro un am­bien­te dif­fi­ci­le, a trat­ti osti­le, che ha con­ces­so lo­ro so­lo due lus­si: il si­len­zio e il tem­po. In­gre­dien­ti es­sen­zia­li del po­ten­te sie­ro che qui vie­ne pro­dot­to: il whi­sky. Quan­do si ar­ri­va dal ma­re, le co­stru­zio­ni che si no­ta­no per pri­me all’oriz­zon­te non so­no abi­ta­zio­ni ma di­stil­le­rie: sull’iso­la ce ne so­no no­ve, in po­co più di 600 chi­lo­me­tri qua­dra­ti. È qui che si pro­du­ce il sin­gle malt whi­sky più pre­gia­to al mon­do, che por­ta nel­la sua esplo­sio­ne di gu­sto lo stes­so ca­rat­te­re com­ples­so e se­ve­ro del­la ter­ra in cui na­sce. E, per l’ap­pun­to, di chi lo pro­du­ce. Ma par­lan­do di Islay e di sin­gle malt non si può pre­scin­de­re da La­ga­vu­lin, un mar­chio che è in­sie­me si­no­ni­mo di ec­cel­len­za e tra­di­zio­ne. Una sto­ria che par­te esat­ta­men­te 200 an­ni fa, nel­la pic­co­la e dan­na­ta­men­te ro­man­ti­ca ba­ia roc­cio­sa che por­ta il suo stes­so no­me, sul­la co­sta di Kil­dal­ton e da­van­ti al­le ro­vi­ne di un ca­stel­lo me­die­va­le:

sa­po­re fre­sco, mor­bi­do e vel­lu­ta­to. La mor­bi­dez­za del di­stil­la­to è ga­ran­ti­ta an­che dal­le bas­se tem­pe­ra­tu­re, che non con­sen­to­no l’eva­po­ra­zio­ne in bot­te e fan­no sì che, nell’in­te­ra­zio­ne con il le­gno, gli aro­mi ven­ga­no ri­la­scia­ti più len­ta­men­te. C’è poi il fat­to­re ocea­no: l’aria sal­ma­stra che si re­spi­ra da que­ste par­ti im­pre­gna il le­gno del­le bot­ti di sal­se­di­ne, re­ga­lan­do al La­ga­vu­lin, nel cor­so dei lun­ghi an­ni di in­vec­chia­men­to, un in­con­fon­di­bi­le trat­to ma­ri­no. Ter­ra e fuo­co di­ven­ta­no un tutt’uno nel­la tor­ba­tu­ra, for­se la ca­rat­te­ri­sti­ca più spic­ca­ta dei sin­gle malt di Islay. Le pa­lu­di di tor­ba dell’iso­la ga­ran­ti­sco­no la no­ta umi­da a que­sto whi­sky: d’al­tron­de ad Islay pio­ve di più che in tut­te le Hi­ghlands e il ter­re­no ri­sul­ta quin­di più ba­gna­to e, an­co­ra una vol­ta, ca­ri­co di ele­men­ti ma­ri­ni, por­ta­ti dai for­ti ven­ti atlan­ti­ci. Inol­tre, du­ran­te la fa­se di mal­tag­gio, che av­vie­ne ri­go­ro­sa­men­te sull’iso­la, l’umi­di­tà del­la tor­ba per­met­te di af­fu­mi­ca­re me­glio il mal­to, che poi ri­la­sce­rà al whi­sky il ca­rat­te­ri­sti­co gu­sto «pea­ty». Un trat­to che si per­ce­pi­sce su­bi­to al na­so e che, una vol­ta ri­la­scia­to in boc­ca, si man­tie­ne per di­ver­si mi­nu­ti. D’al­tron­de qui chiun­que si pren­de il suo tem­po, an­che gli ani­ma­li: fo­che, uc­cel­li, per­fi­no i cer­vi, se ne stan­no a ozia­re su­gli sco­gli os­ser­van­do un ma­re che, ca­ri­ca­to da ven­ti im­pe­tuo­si, spes­so è in tem­pe­sta. Ma che, cio­no­no­stan­te, nel cor­so dei se­co­li ha per­mes­so al whi­sky di con­qui­sta­re il mon­do. E a La­ga­vu­lin di di­ven­ta­re una ce­le­bri­tà in­ter­na­zio­na­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.