«I

Di ca­mi­la raz­no­vi­ch*

Style - - Focus -

in spa­zi an­gu­sti, spes­so sen­za al­cu­na pos­si­bi­li­tà di mo­vi­men­to e con un uso dif­fu­so nei man­gi­mi di an­ti­bio­ti­ci e or­mo­ni. Il che, ov­via­men­te, non è sa­no per gli ani­ma­li, ma nean­che per co­lo­ro che poi si nu­tro­no di un pro­dot­to co­sì chi­mi­co. C’è pe­rò an­che un al­tro aspet­to im­por­tan­te e ri­guar­da l’enor­me quan­ti­tà di ri­sor­se ali­men­ta­ri che ven­go­no im­pie­ga­te per nu­tri­re que­sti ani­ma­li, sot­trat­te di fat­to a chi vi­ve nei Pae­si po­ve­ri del mon­do; in­te­re po­po­la­zio­ni non pos­so­no in­fat­ti ci­bar­si dei ve­ge­ta­li che col­ti­va­no, de­sti­na­ti a di­ven­ta­re man­gi­mi. Inol­tre per pro­dur­re que­sti ul­ti­mi è ne­ces­sa­rio un enor­me uti­liz­zo – di­rei spre­co – di ac­qua, ter­re­no, car­bu­ran­ti ed ener­gia. Un dub­bio, tra i tan­ti dei car­ni­vo­ri ar­rab­bia­ti: non sa­reb­be suf­fi­cien­te per que­sto af­fi­dar­si all’al­le­va­men­to bio­lo­gi­co? miei ge­ni­to­ri mi han­no cre­sciu­ta ve­ge­ta­ria­na e ap­pe­na po­te­vo mi ri­fu­gia­vo dai non­ni per far­mi una fio­ren­ti­na o un et­to di pro­sciut­to cru­do. Vi­ve­vo la lo­ro scel­ta co­me un’im­po­si­zio­ne da cui ri­bel­lar­mi. Poi a 20 an­ni so­no an­da­ta a Lon­dra e, com­pli­ce lo scan­da­lo “muc­ca paz­za”, ho smes­so per mia scel­ta di man­gia­re car­ne. Per me si trat­ta so­prat­tut­to di una scel­ta di sa­lu­te. E lo stes­so cri­te­rio gui­da l’edu­ca­zio­ne ali­men­ta­re che ho scel­to per le mie fi­glie: man­gia­mo pe­sce e pol­lo, ma an­che per una que­stio­ne di gu­sto nien­te car­ne ros­sa. Se una di lo­ro cre­scen­do mi di­ces­se di vo­ler di­ven­ta­re ve­ga­na? Nes­sun pro­ble­ma. Il mio com­pi­to co­me ma­dre è dar lo­ro gli stru­men­ti per­ché pos­sa­no sce­glie­re con­sa­pe­vol­men­te. Ben ven­ga la tu­te­la del­le di­ver­se scel­te ali­men­ta­ri nel­le men­se sco­la­sti­che: so co­sa si­gni­fi­ca es­se­re una bam­bi­na ve­ge­ta­ria­na in­com­pre­sa e pe­na­liz­za­ta per la sua die­ta... Ben ven­ga­no i mer­co­le­dì veg che già di­ver­si Pae­si eu­ro­pei han­no isti­tui­to. E di­rò di più: per­ché non fa­re an­che un mar­te­dì indiano o un gio­ve­dì ci­ne­se per per­met­te­re ai ra­gaz­zi di pro­va­re cu­ci­ne di­ver­se? Io ado­ro la die­ta me­di­ter­ra­nea, ma non è l’uni­ca esi­sten­te. Il co­rian­do­lo, il cur­ry, lo zen­ze­ro so­no sa­po­ri “stra­ni” so­lo per una que­stio­ne di abi­tu­di­ne. Far as­sag­gia­re ai pro­pri fi­gli un po’ di tut­to non è un’im­po­si­zio­ne più di quan­to non lo sia pro­por­gli sem­pre pa­sta al po­mo­do­ro. E a chi di­ce che la ten­den­za ve­ge­ta­ria­na ri­schia di far spa­ri­re sa­lu­mi e for­mag­gi ita­lia­ni ri­spon­do, da aman­te del gra­na pa­da­no e del cru­do di Par­ma, che è l’evo­lu­zio­ne: co­me l’uo­mo di tre mi­la an­ni fa non man­gia­va il pro­sciut­to, co­sì in fu­tu­ro sco­pri­re­mo ali­men­ti nuo­vi. E ma­ga­ri ri­sco­pri­re­mo tan­ti le­gu­mi di­men­ti­ca­ti. Non ha sen­so far­ne una guer­ra ideo­lo­gi­ca o sen­tir­si mi­nac­cia­ti: se un ma­tri­mo­nio è so­li­do non c’è bion­da che pos­sa por­tar­ti via il ma­ri­to!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.