A

DI LU­CA ROSCINI

Style - - ARTE E STYLE -

LEGGERNE la de­scri­zio­ne vie­ne in men­te la lo­ca­tion di un film di Ja­mes Ivo­ry in chia­ve con­tem­po­ra­nea. Gli ele­men­ti ci so­no tut­ti: la To­sca­na da car­to­li­na (in par­ti­co­la­re il Val­dar­no, a ca­val­lo tra la provincia di Fi­ren­ze e quel­la di Arez­zo), il si­len­zio del­le col­li­ne, le vil­le fe­del­men­te re­stau­ra­te se­con­do il pro­prio sti­le, il ci­bo d’ec­cel­len­za e il vi­no ri­cer­ca­to. Se ag­giun­gia­mo an­che il toc­co di ten­den­za ot­te­nu­to da una pro­prie­tà che di co­gno­me fa Ferragamo, il re­lais Il Bor­ro rap­pre­sen­ta un’esclusività del tu­ri­smo di al­ta gam­ma. Un al­tro det­ta­glio ren­de que­sto luo­go un uni­cum nel pia­ne­ta del­le te­nu­te di col­li­na spar­se per il ter­ri­to­rio to­sca­no: tra le can­ti­ne do­ve vie­ne fat­to in­vec­chia­re il vi­no si con­ser­va an­che una col­le­zio­ne uni­ca di ope­re d’ar­te che spa­zia cro­no­lo­gi­ca­men­te per ol­tre die­ci se­co­li e che ha co­me co­mu­ne de­no­mi­na­to­re il te­ma del vi­no.

Tut­to ha ori­gi­ne nel 1993 quan­do Fer­ruc­cio Ferragamo, pre­si­den­te del­la Sal­va­to­re Ferragamo, ri­le­va la te­nu­ta da Ame­deo di Sa­vo­ia-ao­sta. Na­to co­me ca­stel­lo nel XII se­co­lo Il Bor­ro è sfon­do del­la guer­ra tra Guel­fi e Ghi­bel­li­ni men­tre nei se­co­li suc­ces­si­vi pas­sa dal­le ma­ni del­la fa­mi­glia Me­di­ci fi­no a quel­le dei Sa­vo­ia a ini­zio No­ve­cen­to. Do­po l’ac­qui­si­zio­ne dei Ferragamo e il re­stau­ro con­ser­va­ti­vo vol­to a va­lo­riz­za­re gli an­ti­chi spa­zi, og­gi Il Bor­ro è una te­nu­ta di 700 et­ta­ri de­sti­na­ti

a vi­gne­ti, oli­ve­ti, fo­rag­gi, se­mi­na­ti­vi e or­tag­gi bio­lo­gi­ci. La strut­tu­ra pre­ve­de di­ver­si ti­pi di sistemazioni per gli ospi­ti tra cui al­cu­ne vil­le e un agri­tu­ri­smo per un to­ta­le di cir­ca 150 po­sti let­to a cui si ag­giun­go­no an­che una spa e due ri­sto­ran­ti.

Ma è la pro­du­zio­ne vi­ni­co­la, ri­sta­bi­li­ta a pie­no re­gi­me nel 1995, il fio­re all’oc­chiel­lo di que­sta te­nu­ta che può van­tar­si di rac­co­glie­re le uve di Mer­lot, Sy­rah, Pe­tit Ver­dot, Ca­ber­net Sau­vi­gnon, San­gio­ve­se e Char­don­nay, tut­te col­ti­va­te se­con­do i det­ta­mi dell’agri­col­tu­ra bio­di­na­mi­ca e bio­lo­gi­ca e rac­col­te ma­nual­men­te per poi es­se­re pi­gia­te e con­ser­va­te in con­te­ni­to­ri di ac­cia­io e le­gno per la fer­men­ta­zio­ne al­co­li­ca.

«UN AT­TO DI FE­DE che du­ra nel tem­po» co­sì Fer­ruc­cio Ferragamo de­fi­ni­sce Il Bor­ro. Con la stes­sa fe­de con cui si è de­di­ca­to al­la strut­tu­ra e al­la pro­du­zio­ne di vi­ni di pre­sti­gio, Ferragamo si è poi de­di­ca­to al­la rac­col­ta di ope­re d’ar­te se­le­zio­na­te. La ri­cer­ca ha avu­to (ma con­ti­nua tut­to­ra) due ca­rat­te­ri­sti­che im­por­tan­ti: la tec­ni­ca ar­ti­sti­ca dell’in­ci­sio­ne e i sog­get­ti del­la vi­te e del vi­no. Na­ta co­me rac­col­ta pri­va­ta da «ama­to­re», nel 2007, a se­gui­to dell’ac­qui­si­zio­ne di un’im­por­tan­te col­le­zio­ne di in­ci­sio­ni, so­pra le can­ti­ne de Il Bor­ro vie­ne crea­to un ve­ro spa­zio espo­si­ti­vo.

L’an­no suc­ces­si­vo è poi aper­ta al pub­bli­co la gal­le­ria d’ar­te che og­gi van­ta ol­tre 450 ope­re tra cui spic­ca­no tra i mol­ti le in­ci­sio­ni di An­drea Man­te­gna, Ru­bens, Ca­na­let­to, Dü­rer, Ma­net e An­dy Wa­rhol. Tut­ta la col­le­zio­ne è per­va­sa da ma­cro­te­mi che af­fron­ta­no l’im­por­tan­za del vi­no nel­la no­stra cul­tu­ra: il dio Bac­co, sim­bo­lo di fer­ti­li­tà ma an­che di eb­brez­za e fol­lia, è al cen­tro di nu­me­ro­se in­ci­sio­ni tra cui quel­la di Man­te­gna do­ve è raf­fi­gu­ra­to ac­com­pa­gna­to da Si­le­no. La storia del vi­no in­trec­cia an­che quel­la del­la re­li­gio­ne tan­to che spes­so si uni­sce ai ri­ti e all’ico­no­gra­fia del­la cri­stia­ni­tà: ne Le noz­ze di Ca­na e ne L’ul­ti­ma ce­na di Ni­co­las Pous­sin è at­to­re non di se­con­do pia­no di que­sti due mo­men­ti. Tut­ta­via il vi­no, da sim­bo­lo di sal­vez­za, può an­che es­se­re rac­con­ta­to nel­la sua na­tu­ra di­strut­tri­ce: i tor­men­ti not­tur­ni de­gli ubria­chi pren­do­no for­ma nel­le fi­gu­re ca­ri­ca­tu­ra­li di Fran­ci­sco Goya nel­la sua in­ci­sio­ne Duen­de­ci­tos co­sì co­me il mu­si­ci­sta be­vi­to­re so­li­ta­rio è pro­ta­go­ni­sta av­vi­li­to de Le chan­teur espa­gnol di Édouard Ma­net.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.