D

Style - - THE GOOD LIFE -

anie­la de Si­mo­ne è, in que­st’or­di­ne, una ca­ra ami­ca, una gran­de cuo­ca na­po­le­ta­na e la mia no­ta­ia, in­sie­me a suo marito Mi­mì Or­lan­do an­che lui no­ta­io. Li co­no­sco da sem­pre. E un gior­no, tan­ti an­ni fa, men­tre mi ac­cin­ge­vo a or­ga­niz­za­re un con­vi­vio di ghiot­to­ni per con­di­vi­de­re buo­ne ce­ne con buo­ni ami­ci, co­sa che poi ha avu­to suc­ces­so ed è du­ra­ta al­cu­ni an­ni (an­che se non è sta­to fa­ci­le), mi dis­se: «Ti de­vo far co­no­sce­re un ca­ro ami­co, si chia­ma Mar­co Mi­gna­ni, è un bra­vis­si­mo pub­bli­ci­ta­rio, per me sie­te fat­ti uno per l’al­tro».

Quin­di or­ga­niz­zò una ce­na con Mar­co e me – e al­tri. Le ce­ne di Daniela, per lo me­no quan­do mi in­vi­ta, so­no sem­pre un po’ «tel­lu­ri­che», lei fa co­sì per­ché sa che a me pia­ce. Ini­zia con va­ri an­ti­pa­sti, che one­sta­men­te se fos­se­ro pro­po­sti so­lo lo­ro a ta­vo­la ba­ste­reb­be­ro e avan­ze­reb­be­ro; a se­gui­re c’è uno dei due som­mi piat­ti del­la tra­di­zio­ne na­po­le­ta­na: il ra­gù al­la na­po­le­ta­na o la ge­no­ve­se, det­ta an­che car­ne al­la ge­no­ve­se. Ma una vol­ta li ha fat­ti tut­ti e due…

So­no due son­tuo­si piat­ti uni­ci, ca­sa­lin­ghi, o for­se è me­glio di­re al­to-ca­sa­lin­ghi, che di più non si può e rap­pre­sen­ta­no il mi­glior ab­bi­na­men­to pos­si­bi­le per la pa­sta sec­ca (quel­la di gra­no du­ro), scu­sa­te se è po­co. Beh, un mil­li­me­tro sot­to ci so­no al­tri ma­gi­ci ab­bi­na­men­ti, ma sem­pre al­me­no un mil­li­me­tro sot­to.

La co­sa cu­rio­sa del pri­mo piat­to è il no­me. Ra­gù de­ri­va sen­za dub­bio dal fran­ce­se «ra­goût», che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.