Ma­rion Fayol­le

Ca­val­le­riz­za naïf e ir­re­go­la­re: «Par­la­re di ses­so ri­den­do? Si può».

Style - - Gallery -

VI­SO PU­LI­TO, ca­pel­li bion­di, sor­ri­so ap­pe­na ac­cen­na­to. Ma­rion Fayol­le, na­ta 29 an­ni fa a Va­len­ce, in Fran­cia, nel di­par­ti­men­to del­la Drô­me. Nel ma­neg­gio do­ve il suo ra­gaz­zo ad­de­stra ca­val­li ha un pic­co­lo stu­dio in cui rea­liz­za ogni set­ti­ma­na il­lu­stra­zio­ni per il New York Ti­mes, la­vo­ra sui suoi li­bri o su Nyc­ta­lo­pe, la ri­vi­sta di fu­met­ti di cui è co-fon­da­tri­ce. Mol­te le te­sta­te che ri­chie­do­no i suoi di­se­gni: XXI, Té­lé­ra­ma, Pa­ris Mô­mes, Psy­cho­lo­gies Ma­ga­zi­ne, Foo­ding.

Me­ta­mor­fo­si. Nel 2014 pub­bli­ca Les co­quins (in Ita­lia Gli aman­ti, edi­to­re Gal­luc­ci) che de­fi­ni­sce un pic­co­lo scri­gno dell’ero­ti­smo sen­za pa­ro­le, ove tut­to è per­mes­so. «Par­la­re di ses­sua­li­tà è spes­so an­co­ra un ta­bù o quan­to me­no im­ba­raz­zan­te, co­sì per di­ver­ti­men­to ho sov­ver­ti­to que­sta con­ce­zio­ne, pren­den­do l’ero­ti­smo co­me un gioco: i miei di­se­gni so­no mol­to in­ge­nui, qua­si in­fan­ti­li, e han­no l’obiet­ti­vo di far sor­ri­de­re». E da­van­ti agli ar­ne­si del pia­ce­re tra­sfor­ma­ti in ani­ma­li, pian­te o tem­pe­ra­ma­ti­te una ri­sa­ta ci scap­pa.

Trat­to di­stin­ti­vo. Il di­plo­ma nel 2011 pres­so la Scuo­la di Ar­ti de­co­ra­ti­ve di Stra­sbur­go le ha da­to la pos­si­bi­li­tà di «fa­re li­bri il­lu­stra­ti, il che mi per­met­te di com­bi­na­re le due co­se che in as­so­lu­to mi fan­no fe­li­ce: di­se­gna­re e in­ven­ta­re sto­rie. La­vo­ro i co­lo­ri co­me fos­se­ro tam­po­ni e l’in­chio­stro di Chi­na con una Ro­tring, una pen­na fi­nis­si­ma che mi dà un trat­to fra­gi­le co­me un fi­lo per cu­ci­re. Mi pia­ce l’ir­re­go­la­ri­tà nei miei di­se­gni. Trag­go ispi­ra­zio­ne da qua­lun­que co­sa, dalle vec­chie in­ci­sio­ni dei li­bri sco­va­ti nei mer­ca­ti­ni del­le pul­ci, al­la let­te­ra­tu­ra fi­no al­la dan­za».

FOR­TE DEL SUO ANO­NI­MA­TO, Se­nior Co­co­nut si sen­te cit­ta­di­no dei so­cial net­work. Pen­nel­la­te (di­gi­ta­li) ap­pe­na ab­boz­za­te e dai co­lo­ri te­nui, cor­pi sen­sua­li bel­li e tal­men­te rea­li­sti­ci da in­cor­re­re nel­la cen­su­ra di In­sta­gram (do­ve ha 85 mi­la fol­lo­wer) che già una vol­ta gli ha bloc­ca­to il pro­fi­lo.

Li­ber­tà ar­ti­sti­ca. Stu­di di pit­tu­ra tra­di­zio­na­le e cor­si di di­gi­tal art lo han­no do­ta­to del­la tec­ni­ca ne­ces­sa­ria, la sua fer­vi­da im­ma­gi­na­zio­ne ha fat­to il re­sto. «So­no sta­to sem­pre cir­con­da­to da ar­ti­sti e ciò mi ha da­to quel­la li­ber­tà a cui aspi­ra­vo, ma i pri­mi la­vo­ri ve­ri ri­sal­go­no a quan­do ero un 15en­ne stu­den­te di una scuo­la di gra­phic de­si­gn. Quel­lo che og­gi amo di più del la­vo­ro che fac­cio è la pos­si­bi­li­tà di espri­me­re la mia este­ti­ca e i miei pen­sie­ri sen­za vin­co­lo al­cu­no». Sen­za ve­li. Vi­ra­re sull’ero­ti­smo è sta­to un pu­ro ca­so: «In quel pe­rio­do usa­vo Tin­der (la più dif­fu­sa app per in­con­tri, ndr) e quin­di è sta­to sem­pli­ce­men­te un ri­fles­so del­la mia vi­ta. Amo di­se­gna­re i cor­pi nu­di, so­prat­tut­to quel­li fem­mi­ni­li che tro­vo più ver­sa­ti­li per via del­le for­me, per tut­ti co­lo­ro che ama­no go­de­re del­la bel­lez­za tra­di­zio­na­le dei cor­pi uma­ni. L’im­ma­gi­na­zio­ne e l’espe­rien­za for­ni­sco­no ma­te­ria ai miei di­se­gni».

In car­ne e os­sa. De­li­nea e co­lo­ra le sue fi­gu­re al com­pu­ter. «Non c’è dif­fe­ren­za con la car­ta. I so­cial? Non pos­so­no so­sti­tui­re le re­la­zio­ni uma­ne. Il mio pas­sa­tem­po pre­fe­ri­to, ol­tre ad an­da­re in bi­ci, be­re e fu­ma­re (con­trad­dit­to­rio, lo so!), è fre­quen­ta­re gli ami­ci e in­con­tra­re nuo­ve per­so­ne viag­gian­do. Il re­sto è so­lo pit­tu­ra, che mi per­met­te an­che di vi­ve­re, e for­se in fu­tu­ro an­che scul­tu­ra».

Due il­lu­stra­zio­ni da Gli aman­ti (Gal­luc­ci edi­to­re). In au­tun­no usci­rà in Fran­cia il suo Les amours su­spen­dus: «un mu­si­cal sotto forma di li­bro».

«Nel­la vi­ta fac­cio il pit­to­re, ma per il mio fi­lo­ne ero­ti­co uso uno pseu­do­ni­mo. Tut­to è ini­zia­to quan­do ho in­stal­la­to Tin­der, la app per fa­re in­con­tri»...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.