i dia­ri del­la BI­CI­CLET­TA

Sul­le or­me del ci­cli­sta olan­de­se che ha pe­da­la­to per 17 mi­la chi­lo­me­tri da Am­ster­dam a Sin­ga­po­re. Ec­co tre itinerari per tut­ti: dai neo­fi­ti agli sca­la­to­ri.

Style - - Place To Be - TE­STO E FO­TO DI MARTIJN DOOLAARD

SO­NO SA­LI­TO in sel­la il 16 apri­le 2015. L’idea era quel­la di ar­ri­va­re in Ci­na, par­ten­do dall’eu­ro­pa, at­tra­ver­so Tur­chia e Iran. Un an­no in­te­ro in bi­ci­clet­ta, per­ché a me­tà per­cor­so ho de­ci­so che avrei pro­se­gui­to verso l’in­dia, spo­stan­do la mia me­ta fi­na­le a Sin­ga­po­re. Co­me mai la bi­ci? Du­ran­te i miei pas­sa­ti viaggi, ve­de­vo ci­cli­sti ap­pe­san­ti­ti dal ba­ga­glio pe­da­la­re tra so­le, ne­ve e piog­gia. Chiu­so nel com­fort del­la mia au­to, con un tet­tuc­cio so­pra la te­sta, pen­sa­vo: que­sti so­no dei paz­zi. Poi, len­ta­men­te, leg­gen­do qual­che ar­ti­co­lo, ho ini­zia­to a im­ma­gi­na­re – e poi so­gna­re – un’av­ven­tu­ra co­sì. La li­ber­tà, la sem­pli­ci­tà, la pos­si­bi­li­tà di per­cor­re­re stra­de non bat­tu­te, di vi­ve­re un viag­gio in­ten­so, espo­sto al ven­to, al ca­lo­re, al ge­lo, ai suo­ni, ai pro­fu­mi. L’es­se­re sem­pre lan­cia­ti in avan­ti, sen­za mai guar­da­re in­die­tro. Ad af­fa­sci­nar­mi non era e non è tan­to la bi­ci­clet­ta in sé, quan­to il qua­dro com­ples­si­vo, le pos­si­bi­li­tà che un viag­gio su due ruo­te a pe­da­li of­fre. Per i let­to­ri di Sty­le ho scel­to tre per­cor­si di dif­fi­col­tà cre­scen­te: Re­pub­bli­ca Ce­ca, un trat­to sem­pli­ce e adat­to a tut­ti; Thai­lan­dia, do­ve il pro­ble­ma non so­no tan­to le stra­de quan­to le tem­pe­ra­tu­re; le mon­ta­gne del Kirghizistan, da af­fron­ta­re so­lo se si è ben al­le­na­ti. Pron­ti? In sel­la al­lo­ra.

RE­PUB­BLI­CA CE­CA.

Par­ti­to da Am­ster­dam, ho at­tra­ver­sa­to le pia­nu­re olan­de­si e le col­li­ne te­de­sche, pas­san­do dalle ci­cla­bi­li dei Pae­si Bas­si al­le ri­go­ro­se stra­de del­la Ger­ma­nia. Una vol­ta en­tra­to in Re­pub­bli­ca Ce­ca, le co­se so­no cam­bia­te. Ad­dio ci­cla­bi­li: da quel mo­men­to ho do­vu­to sce­glie­re se es­se­re un vei­co­lo a mo­to­re o un pe­do­ne. Un mo­men­to pe­da­la­vo sul­la su­per­stra­da, il mo­men­to do­po ero su una traf­fi­ca­ta via di ne­go­zi. Il tra­git­to at­tra­ver­so il Pae­se si è ri­ve­la­to uno dei più sem­pli­ci di tut­to il mio lun­go viag­gio, una pe­da­la­ta tran­quil­la che mi ha por­ta­to su e giù dalle col­li­ne. L’iti­ne­ra­rio in Re­pub­bli­ca Ce­ca è ini­zia­to a Stri­bro, non di­stan­te dal con­fi­ne con la Ger­ma­nia, ed è fi­ni­to nel pic­co­lo vil­lag­gio di Pa­so­hla­v­ky, nel­la Mo­ra­via me­ri­dio­na­le, al con­fi­ne con Au­stria e Slo­vac­chia. Nel mez­zo, Pra­ga:

rag­giun­ger­la è sta­ta una gio­ia, per­ché qui ave­vo de­ci­so di fer­mar­mi per la pri­ma ve­ra tap­pa di ri­po­so do­po 17 gior­ni di pe­da­la­te. Ho dor­mi­to in un ho­tel in Ma­lá Stra­na, un gi­gan­te­sco pa­laz­zo a po­chi pas­si dal­la chie­sa di San Nicola. Ho la­scia­to il ba­ga­glio in ho­tel ed è sta­to un ve­ro pia­ce­re sfrec­cia­re, su una bi­ci­clet­ta fi­nal­men­te leg­ge­ra, per le stra­de ac­ciot­to­la­te del­la cit­tà. Do­ve­vo sbri­ga­re una se­rie di com­mis­sio­ni, ma an­che com­pra­re al­cu­ni ap­pa­rec­chi per la mia mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca. Con me ov­via­men­te ave­vo del de­na­ro: pri­ma di par­ti­re ho ri­spar­mia­to per riu­sci­re a co­pri­re le spe­se del viag­gio, e men­tre ero via so­no an­che riu­sci­to ad af­fit­ta­re il mio ap­par­ta­men­to. La bi­ci­clet­ta, in ogni ca­so, è un mo­do mol­to eco­no­mi­co di muo­ver­si: an­cor di più se sce­gli di dor­mi­re in ten­da, all’aper­to. La cam­pa­gna lo­ca­le, una vol­ta ri­pre­sa la stra­da, era pa­ci­fi­ca e si­len­zio­sa. Uscen­do dalle zo­ne ur­ba­ne ho in­con­tra­to pic­co­li vil­lag­gi, bi­na­ri fer­ro­via­ri ab­ban­do­na­ti, ster­mi­na­ti campi gial­li di gi­ra­so­li. La gen­te è sta­ta mol­to gen­ti­le

con me, il tu­ri­sta in bi­ci­clet­ta è sem­pre ben vi­sto. Di­ver­so il di­scor­so per gli ani­ma­li sel­va­ti­ci: gli in­con­tri con lo­ro so­no sta­ti i mo­men­ti più spa­ven­to­si del mio viag­gio. In Eu­ro­pa ho tro­va­to ovun­que ca­ni ran­da­gi, che pos­so­no di­ven­ta­re pa­rec­chio pe­ri­co­lo­si nel­le zo­ne ru­ra­li. Ho avu­to mol­ti me­no pro­ble­mi con gli es­se­ri uma­ni… A par­te qual­che di­scus­sio­ne con i tas­si­sti op­pu­re sul­le ta­rif­fe de­gli al­ber­ghi. Nel cor­so dell’iti­ne­ra­rio ho pe­da­la­to per cir­ca 80 chi­lo­me­tri al gior­no, fi­no a co­pri­re una di­stan­za to­ta­le di 17 mi­la chi­lo­me­tri. E sì, lun­go il per­cor­so ho in­con­tra­to mol­ti al­tri ci­cli­sti, co­me una cop­pia bel­ga che viag­gia­va in tan­dem fi­no all’uz­be­ki­stan. Op­pu­re un ra­gaz­zo olan­de­se, Jan, che nel­la sua vi­ta ave­va già per­cor­so 260 mi­la chi­lo­me­tri in tut­ta Eu­ro­pa. Non mi ha fat­to pau­ra la so­li­tu­di­ne, no­no­stan­te mi sia ef­fet­ti­va­men­te sen­ti­to iso­la­to qual­che vol­ta. Mi so­no go­du­to il tem­po con me stes­so: se non fai co­sì, un’av­ven­tu­ra del ge­ne­re può es­se­re dav­ve­ro du­ra. Vi­ce­ver­sa, qual­che vol­ta può es­se­re dif­fi­ci­le di­re ad­dio a una nuo­va ami­ci­zia ap­pe­na stret­ta. Per me è sta­to co­sì a Bu­ca­re­st, do­ve ho co­no­sciu­to una ra­gaz­za che poi mi ha rag­giun­to per qual­che gior­no a Istan­bul. La par­te più fa­ti­co­sa di que­sto viag­gio non è sta­ta crea­re con­nes­sio­ni, ma la­sciar­le an­da­re.

THAI­LAN­DIA.

En­tra­to nel Pae­se da Mae Sot, mi so­no fer­ma­to bre­ve­men­te nel­la mo­der­na Ban­g­kok, per ri­po­sar­mi e fa­re un po’ di ma­nu­ten­zio­ne al­la bi­ci. Poi mi so­no di­ret­to a Sud, verso le spiag­ge, pas­san­do il di­stret­to tu­ri­sti­co di Cha Am e la po­po­lo­sa cit­tà di Hua Hin, da do­ve ho pro­se­gui­to verso il ma­re del­le An­da­ma­ne. In Thai­lan­dia le stra­de so­no ben pa­vi­men­ta­te, i per­cor­si in ec­cel­len­ti con­di­zio­ni e le re­go­le ri­spet­ta­te da tut­ti. Non è cer­to il clas­si­co traf­fi­co asia­ti­co cui mi so­no abi­tua­to in Tur­chia, Iran o In­dia, do­ve an­co­ra più im­por­tan­te del­le nor­me è l’in­tui­zio­ne. In quan­to eu­ro­peo, all’ini­zio tro­va­vo tut­to dav­ve­ro cao­ti­co e in­si­cu­ro: ma una vol­ta che ti ci abi­tui, fun­zio­na. An­che qui, co­mun­que, le av­ven­tu­re non so­no man­ca­te. Ho cer­ca­to di vi­ve­re il più pos­si­bi­le all’aria aper­ta, ri­nun­cian­do a qual­sia­si ti­po di

lus­so. Il lus­so è ne­mi­co dell’os­ser­va­zio­ne: me­no hai con te, più sa­rai at­trat­to dal­la na­tu­ra e dal­la po­ten­za dell’espe­rien­za che stai vi­ven­do. Gli uni­ci og­get­ti fon­da­men­ta­li in un viag­gio del ge­ne­re so­no l’ip­ho­ne – per con­trol­la­re le map­pe, fa­re le fo­to­gra­fie e ag­gior­na­re i so­cial me­dia – e la mo­ka per il caf­fè. Cer­to: non sem­pre è fa­ci­le ri­nun­cia­re al­le co­mo­di­tà, in par­ti­co­la­re in Thai­lan­dia do­ve strut­tu­re e at­trez­za­tu­re so­no ot­ti­me, di gran lun­ga su­pe­rio­ri a quel­le del Myan­mar da cui pro­ve­ni­vo (per con­tro que­st’ul­ti­mo, l’iran e la Ma­le­sia so­no mol­to me­no tu­ri­sti­ci e quin­di più af­fa­sci­nan­ti). Do­po una lun­ga gior­na­ta di pe­da­la­te sotto il so­le tro­pi­ca­le, tut­to quel­lo che de­si­de­ri è una stan­za con aria con­di­zio­na­ta e una bel­la doc­cia. Cio­no­no­stan­te ho qua­si sem­pre pian­ta­to la ten­da sul li­do bian­chis­si­mo per dor­mi­re sotto le stel­le: sa­pe­vo che ne sa­reb­be val­sa la pe­na e in­fat­ti ho vi­sto il pa­ra­di­so, nel­la sua forma più pu­ra. Nel Sud del Pae­se mi so­no fer­ma­to a Khao Lak, Kra­bi, Pa­tong e Phi Phi, la pic­co­la iso­la re­sa fa­mo­sa dal film The Bea­ch con Leo­nar­do Dica­prio. La

sve­glia suo­na­va al­le sei, apri­vo la zip del­la mia ten­da la­scian­do che una fre­sca brez­za en­tras­se per qual­che mi­nu­to e mi go­de­vo il pa­no­ra­ma; poi, do­po una bel­la nuo­ta­ta e una pas­seg­gia­ta, pre­pa­ra­vo un por­rid­ge e un buon caf­fè. Non im­por­ta quan­te fol­le di tu­ri­sti ci fos­se­ro: all’al­ba, la spiag­gia è sem­pre tua. L’iti­ne­ra­rio co­stie­ro in Thai­lan­dia non si è ri­ve­la­to par­ti­co­lar­men­te com­pli­ca­to. L’uni­co osta­co­lo in que­sta par­te dell’asia può es­se­re il cli­ma dav­ve­ro estre­mo: in Ma­le­sia mi so­no tro­va­to a pe­da­la­re con 45 gra­di e un’umi­di­tà impossibile, a Kua­la Lum­pur non riu­sci­vo a te­ne­re gli oc­chi aper­ti per il su­do­re (l’iran, in­ve­ce, ha tem­pe­ra­tu­re per­si­no più al­te ma un cli­ma più sec­co).

KIRGHIZISTAN.

Ho scel­to di per­cor­re­re un lun­go trat­to in que­sto Pae­se per­ché vo­le­vo pro­va­re l’espe­rien­za di muo­ver­mi sul­la ne­ve e per­cor­re­re le stra­de di mon­ta­gna. Non è sta­to sem­pli­ce: non ero ab­ba­stan­za equi­pag­gia­to per le con­di­zio­ni in­ver­na­li e il mio sac­co a pe­lo esti­vo non riu­sci­va a te­ner­mi suf­fi­cien­te­men­te al cal­do. Dor­mi­vo al fred­do e il gior­no suc­ces­si­vo do­ve­vo pe­da­la­re: non pro­prio il mas­si­mo. In real­tà si è trat­ta­to di una scel­ta. Quan­do so­no par­ti­to sa­pe­vo che avrei do­vu­to muo­ver­mi prin­ci­pal­men­te nei cli­mi cal­di, quin­di ho de­ci­so di evi­ta­re gli in­du­men­ti pe­san­ti e sop­por­ta­re qual­che gior­no di ge­lo. Uno dei pas­sag­gi più im­por­tan­ti del mio trat­to in quo­ta è sta­to l’ar­ri­vo sul­la Stra­da del Pa­mir: ol­tre due mi­la chi­lo­me­tri at­tra­ver­so le mon­ta­gne, che cor­ro­no lun­go Af­gha­ni­stan, Uz­be­ki­stan e Kirghizistan. Sul­la M41, com’è an­che chia­ma­ta la Pa­mir Hi­gh­way, il ter­re­no va­ria mol­to: si trat­ta di uno dei per­cor­si più spet­ta­co­la­ri di tut­ta l’asia cen­tra­le, usa­to per se­co­li dai com­mer­cian­ti, in quan­to par­te dell’an­ti­ca Via del­la se­ta. Pur­trop­po so­no sta­to sfor­tu­na­to: il vi­sto per la par­te ta­gi­ka mi è sta­to ri­fiu­ta­to e ho po­tu­to at­tra­ver­sa­re so­lo il la­to kir­ghi­ko del­la stra­da. So­no par­ti­to da Osh, a Sud del Pae­se, per ar­ri­va­re al con­fi­ne con il Ta­gi­ki­stan a 4.200 me­tri di al­ti­tu­di­ne; poi ho pun­ta­to verso Bi­sh­kek e da qui ho pre­so un vo­lo per l’in­dia. Il quar­to gior­no ho rag­giun­to il pun­to più al­to del pas­so di Tal­dyk, a 3.615 me­tri d’al­ti­tu­di­ne. E mi

so­no tro­va­to com­ple­ta­men­te iso­la­to nell’in­fi­ni­to. Qui il pae­sag­gio è co­sì re­mo­to che il si­len­zio e la cal­ma ti pos­so­no so­praf­fa­re. Fred­do, er­ba sec­ca, as­so­lu­ta man­can­za di vi­ta: una di­ste­sa enor­me, fi­no al Ta­gi­ki­stan. Nien­te traf­fi­co, nien­te ven­to, nul­la. Sol­tan­to il so­le, la lun­ga stra­da vuo­ta e il si­len­zio. Mi so­no fer­ma­to per al­cu­ni mi­nu­ti ad as­sa­po­ra­re il gran­de sen­so di pa­ce che mi av­vol­ge­va, men­tre guar­da­vo la va­sta ca­te­na del Pa­mir che si apri­va di fron­te a me: ec­co­lo, il tet­to del mon­do. Un’espe­rien­za po­ten­te, am­pli­fi­ca­ta dal fat­to di non ave­re nes­sun es­se­re uma­no at­tor­no. La sen­sa­zio­ne che tut­to quel­lo che ve­di sia tuo. È co­sì di­ver­so con­di­vi­de­re il pa­no­ra­ma con al­tri tu­ri­sti, che è quel­lo che ac­ca­de quan­do gi­ri con la gui­da in ma­no. A ri­pen­sar­ci, du­ran­te gli ul­ti­mi gior­ni in Asia cen­tra­le ho pe­da­la­to nel­le con­di­zio­ni più estre­me, dal cal­do tre­men­do del de­ser­to in Turk­me­ni­stan al ge­lo del Pa­mir. Ma una del­le ra­gio­ni che mi han­no spin­to ad af­fron­ta­re que­sto viag­gio è sta­ta pro­prio la ri­cer­ca di nuo­vi li­mi­ti. Ho la­scia­to il Kirghizistan con una for­te sen­sa­zio­ne di com­pi­men­to.

In Eu­ro­pa Martijn Doolaard è pas­sa­to da Olan­da, Ger­ma­nia, Re­pub­bli­ca Ce­ca, Slo­vac­chia, Au­stria, Un­ghe­ria, Ro­ma­nia e Tur­chia. So­pra, una fo­to­gra­fia scat­ta­ta a po­chi gior­ni dall’ini­zio dell’av­ven­tu­ra. Nel­la pa­gi­na a fian­co, Pra­ga (so­pra, chi­lo­me­tro 1.114 del viag­gio) e una stra­da a Tre­bic (chi­lo­me­tro 1.273). In aper­tu­ra, Pa­so­hla­v­ky, sem­pre in Re­pub­bli­ca Ce­ca.

Martijn Doolaard è en­tra­to in Thai­lan­dia dal Myan­mar, pro­se­guen­do poi per la Ma­le­sia. So­pra, quat­tro im­ma­gi­ni scat­ta­te ad Ao Nang: nel ma­re del­le An­da­ma­ne, le bar­che usa­no lu­ci ver­di per at­ti­ra­re i pe­sci. Nel­la pa­gi­na a fian­co, Cha Am (so­pra) e il viag­gio in bar­ca verso la spiag­gia di Rai­lay.

Le mon­ta­gne in­ne­va­te vi­ste da Sa­ry Ta­sh. Il Kirghizistan ha fat­to par­te dell’unio­ne So­vie­ti­ca fi­no al 1991: il Pae­se è pun­tag­gia­to da ex vil­lag­gi in­du­stria­li co­strui­ti nel mez­zo del­le mon­ta­gne e og­gi ab­ban­do­na­ti (nel­la pa­gi­na a fian­co, Ka­ra­kol).

One year on a bi­ke (Ge­stal­ten) è il li­bro in cui l’olan­de­se Martijn Doolaard rac­con­ta il suo viag­gio in bi­ci­clet­ta da Am­ster­dam a Sin­ga­po­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.