Il fu­tu­ro sen­za la­vo­ro

Og­gi ab­bia­mo più schia­vi (elet­tro­ni­ci) de­gli an­ti­chi gre­ci. Ma con­ti­nuia­mo a pre­oc­cu­par­ci di la­vo­ra­re. Qual­co­sa nel­la no­stra so­cie­tà non fun­zio­na.

Style - - Focus - DI GIA­NE­MI­LIO MAZ­ZO­LE­NI - FO­TO DI MAS­SI­MO SI­RA­GU­SA

L’oc­cu­pa­zio­ne è in ca­du­ta li­be­ra. Non im­por­ta quan­to pos­so­no cre­sce­re le eco­no­mie. Sia­mo di fron­te a un cam­bia­men­to epo­ca­le: le nuo­ve tec­no­lo­gie, l’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le e una cre­sci­ta inar­re­sta­bi­le del­la po­po­la­zio­ne. Do­me­ni­co De Ma­si, so­cio­lo­go, che stu­dia il pro­ble­ma da 40 an­ni, ha una so­lu­zio­ne. Smet­te­re (pro­gres­si­va­men­te) di fa­ti­ca­re e ri­fon­da­re le co­mu­ni­tà sul sa­pe­re e la co­no­scen­za. Co­me l’ate­ne di So­cra­te.

OC­CU­PA­ZIO­NE : il pro­ble­ma prin­ci­pa­le di que­sti an­ni. L’eco­no­mia non dà ri­spo­ste. La po­li­ti­ca non sa che fa­re. Per­ché non si vuo­le af­fron­ta­re il pro­ble­ma con la giu­sta pro­spet­ti­va. La­scian­do per­de­re gli slo­gan e met­ten­do le ma­ni ai nu­me­ri. Co­me ha fat­to il so­cio­lo­go del la­vo­ro Do­me­ni­co De Ma­si, che aiu­ta­to da un team di 11 esper­ti ha pro­dot­to uno stu­dio che ha fat­to mol­to scal­po­re: La­vo­ro 2025. Il fu­tu­ro dell’oc­cu­pa­zio­ne (e del­la di­soc­cu­pa­zio­ne) (Mar­si­lio). Qua­le fu­tu­ro? «Per ela­bo­ra­re il mo­del­lo di una nuo­va so­cie­tà bi­so­gna stu­dia­re quel­li su cui so­no sta­te co­strui­te le so­cie­tà pre­ce­den­ti».

Sia­mo ar­ri­va­ti a fa­si di mu­ta­men­ti strut­tu­ra­li do­ve la cri­si è pas­sa­ta ma gli ef­fet­ti po­si­ti­vi sull’oc­cu­pa­zio­ne non si so­no sen­ti­ti. An­zi... E non è so­lo un pro­ble­ma ita­lia­no ma mon­dia­le.

C’è un at­tac­co del­la tec­no­lo­gia al la­vo­ra­to­re uma­no per fa­sce e ora toc­ca agli in­tel­let­tua­li. Pri­ma era toc­ca­to ai la­vo­ri fi­si­ci, poi, con la tec­no­lo­gia di­gi­ta­le, ai co­sid­det­ti col­let­ti bian­chi, e ora, con l’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le, per la pri­ma vol­ta si eli­mi­na il la­vo­ro creativo. Qui è cam­bia­ta tut­ta la mu­si­ca per­ché ser­ve po­chis­si­ma gen­te per co­strui­re que­ste mac­chi­ne in­tel­li­gen­ti che pe­rò san­no fa­re mol­tis­si­me co­se al po­sto di al­tret­tan­ti la­vo­ra­to­ri. Per la pri­ma vol­ta la tec­no­lo­gia non cree­rà più la­vo­ro di quan­to ne eli­mi­na. Inol­tre, men­tre le mac­chi­ne so­sti­tui­sco­no al­cu­ne at­ti­vi­tà, la po­po­la­zio­ne au­men­ta: tra set­te an­ni sa­re­mo un mi­liar­do di più.

Le ri­spo­ste dei go­ver­ni non so­no sta­te uni­vo­che, e no­no­stan­te il la­vo­ro sia al cen­tro di tut­te le cam­pa­gne elet­to­ra­li sem­bra che il pro­ble­ma non sia sta­to ri­sol­to.

In Ita­lia ab­bia­mo pro­va­to con la fles­si­bi­li­tà, con la leg­ge Bia­gi, con il Jobs Act e la can­cel­la­zio­ne dell’ar­ti­co­lo 18. In al­tri Pae­si, co­me Ger­ma­nia e Fran­cia, si so­no in­ve­ce ri­dot­ti gli ora­ri di la­vo­ro. Le do al­cu­ni dati: un ita­lia­no la­vo­ra in me­dia 1.765 ore, un fran­ce­se 1.482, un te­de­sco 1.371. Ec­co la ve­ra cau­sa per cui qui ab­bia­mo il 12 per cen­to di di­soc­cu­pa­ti, in Fran­cia il no­ve e in Ger­ma­nia ad­di­rit­tu­ra il 3,8. Noi la­vo­ria­mo 44 mi­liar­di di ore, cal­co­la­te su 23 mi­lio­ni di la­vo­ra­to­ri. Se la­vo­ras­si­mo co­me i fran­ce­si avrem­mo 27 mi­lio­ni di po­sti in più, se la­vo­ras­si­mo co­me i te­de­schi ad­di­rit­tu­ra 29 mi­lio­ni. Non so­lo scom­pa­ri­reb­be­ro i di­soc­cu­pa­ti ma avrem­mo la­vo­ro an­che per gli im­mi­gra­ti.

C’è chi di­ce che que­ste so­no teo­rie, che nel­la real­tà bi­so­gna guar­da­re all’ef­fi­cien­za del la­vo­ro.

Io cre­do che, ri­du­cen­do il la­vo­ro, au­men­te­reb­be la pro­dut­ti­vi­tà. I te­de­schi, che la­vo­ra­no 354 ore me­no di noi, pro­du­co­no una ric­chez­za pro-ca­pi­te di 48 mi­la eu­ro, noi in­ve­ce 35.865 eu­ro. Co­me ve­de, me­no si la­vo­ra e più si è ef­fi­cien­ti. Se si è be­ne or­ga­niz­za­ti, con me­no ore si rie­sce a ot­te­ne­re di più per­ché si è me­no stan­chi.

Pe­rò se il pro­gres­so tec­no­lo­gi­co e l’au­men­to del­la po­po­la­zio­ne con­ti­nua­no con que­sti rit­mi non ri­schia­mo di ri­dur­re il la­vo­ro co­sì tan­to che tut­to il si­ste­ma eco­no­mi­co crol­le­rà?

Noi sia­mo già in una forma di col­las­so per­ché sap­pia­mo produrre la ric­chez­za ma non la sap­pia­mo di­stri­bui­re. Il neo­li­be­ri­smo pro­du­ce co­me ef­fet­to non vo­lu­to ma or­mai di­mo­stra­to una

ri­du­zio­ne pro­gres­si­va dei de­ten­to­ri di ric­chez­za. Die­ci an­ni fa 385 per­so­ne pos­se­de­va­no la ric­chez­za di me­tà uma­ni­tà. Og­gi so­no so­lo ot­to. Po­tran­no pu­re es­se­re de­gli spen­dac­cio­ni ma non po­tran­no mai com­pra­re scar­pe, cal­zi­ni e ma­glie co­me fan­no 3,6 mi­liar­di di per­so­ne. È in at­to una ve­ra guer­ra di clas­se dei ric­chi con­tro i po­ve­ri, co­me di­ce War­ren Buf­fett, il ter­zo uo­mo più ric­co del mon­do. E co­sì si la­scia spa­zio ai po­pu­li­smi. Og­gi tut­ti i lea­der po­li­ti­ci so­no po­pu­li­sti: pas­sa­no più tem­po in te­le­vi­sio­ne ad ar­rin­ga­re il po­po­lo che nel lo­ro uf­fi­cio a go­ver­na­re. Del re­sto, non han­no nes­sun mo­del­lo di vi­ta da pro­spet­ta­re ai cit­ta­di­ni. Og­gi la ten­den­za è ri­muo­ve­re le ideo­lo­gie a fa­vo­re di una li­ber­tà di pen­sie­ro (con­tro gli in­te­gra­li­smi) da un la­to, e dall’al­tro a la­scia­re il po­te­re ai «pra­ti­ci» che san­no fa­re, sen­za teo­rie.

Tut­te le so­cie­tà pre­ce­den­ti so­no na­te in ba­se a un mo­del­lo. Il sa­cro ro­ma­no im­pe­ro è fon­da­to sul mo­del­lo cri­stia­no. Gli sta­ti isla­mi­ci sul Co­ra­no, lo sta­to li­be­ra­le dell’ot­to­cen­to vie­ne dal pen­sie­ro di Mon­te­squieu e di Adam Smi­th, la Rus­sia so­vie­ti­ca da quel­lo di Karl Marx e Frie­dri­ch En­gels. Il mo­del­lo è sta­to sem­pre for­ni­to da­gli in­tel­let­tua­li e poi im­ple­men­ta­to dai po­li­ti­ci. La no­stra at­tua­le so­cie­tà po­stin­du­stria­le è na­ta da una spin­ta na­tu­ra­le di pro­gres­so tec­no­lo­gi­co, glo­ba­liz­za­zio­ne e mass me­dia. Sen­za un mo­del­lo teo­ri­co di ri­fe­ri­men­to è impossibile ca­pi­re se un te­le­gior­na­le è ve­ro o fal­so, se una leg­ge è buo­na o cat­ti­va, se un po­li­ti­co è di de­stra o di si­ni­stra, se uno è vi­vo o mor­to. Per 17 an­ni ab­bia­mo di­scus­so se Elua­na En­gla­ro era vi­va o mor­ta.

Lei co­sa pro­po­ne?

Di tut­ti i mo­del­li del pas­sa­to nes­su­no è per­fet­to ma il più adat­to a una si­tua­zio­ne con po­co la­vo­ro è quel­lo dell’an­ti­ca Gre­cia. È l’uni­co in cui l’in­te­ra po­po­la­zio­ne li­be­ra non la­vo­ra­va. La­vo­ra­va­no i 250 mi­la schia­vi che sa­ran­no le mac­chi­ne del fu­tu­ro. Co­me riem­pi­va­no il lo­ro tem­po i 60 mi­la abi­tan­ti di Ate­ne? Con la guer­ra, quan­do era ne­ces­sa­rio, con la gin­na­sti­ca, ma so­prat­tut­to con la cul­tu­ra. Non c’era nem­me­no un anal­fa­be­ta e l’in­te­ro po­po­lo era ob­bli­ga­to ogni an­no a se­gui­re al­me­no 35 rap­pre­sen­ta­zio­ni tea­tra­li.

Ma que­sto è un mo­del­lo ap­pli­ca­bi­le a set­te mi­liar­di di per­so­ne? E co­me si so­ster­reb­be il si­ste­ma eco­no­mi­co?

Sa­reb­be cer­ta­men­te ap­pli­ca­bi­le ai 35 Pae­si dell’oc­se che, da so­li, già su­pe­ra­no il mi­liar­do di abi­tan­ti. Se ci si con­cen­tra sul­la ri­du­zio­ne de­gli ora­ri di la­vo­ro il pro­ble­ma eco­no­mi­co è tem­po­ra­neo per­ché poi au­men­te­rà la pro­dut­ti­vi­tà con le mac­chi­ne, ca­pa­ci di for­ni­re qua­si tut­ti i be­ni e i ser­vi­zi che ci oc­cor­ro­no. Ma bi­so­gne­rà an­che crea­re una so­cie­tà do­ve la cul­tu­ra e la co­no­scen­za di­ven­ti­no il pri­mo obiet­ti­vo per per­met­ter­ci di vi­ve­re al me­glio il tem­po li­be­ro e di ela­bo­ra­re idee crea­ti­ve. La cul­tu­ra in­te­sa co­me nell’an­ti­ca Gre­cia, che in­se­gna a non ave­re sem­pre più co­se ma a da­re sem­pre più sen­so a ciò che si ha. La so­lu­zio­ne è nel­la for­ma­zio­ne. Scuo­la, me­dia e re­te de­vo­no pre­pa­rar­mi a frui­re di be­ni im­ma­te­ria­li e crea­ti­vi, all’op­po­sto dell’ac­cu­mu­la­zio­ne ma­te­ria­li­sta. Noi ab­bia­mo più schia­vi elet­tro­ni­ci dei gre­ci e po­trem­mo vi­ve­re con mol­ta più leg­ge­rez­za.

Co­me tra­scor­ria­mo il no­stro tem­po li­be­ro? Il fo­to­gra­fo Mas­si­mo Si­ra­gu­sa ha gi­ra­to l’ita­lia per sco­prir­lo.

Re­lax nei par­chi ac­qua­ti­ci, vi­si­te al­le cit­tà d’ar­te, escur­sio­ni in mon­ta­gna: la se­rie Lei­su­re ti­me rac­con­ta co­sa fac­cia­mo quan­do non la­vo­ria­mo.

Gli scat­ti di que­ste pa­gi­ne so­no sta­ti pre­mia­ti con il se­con­do po­sto al World Press Pho­to 2008, nel­la ca­te­go­ria Arts and en­ter­tain­ment.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.