TOR­NIA­MO

AL­LE ORIGINI

Style - - Focus - di an­to­nio al­ba­ne­se*

«Quel­la con il la­vo­ro per me è una sto­ria d’amo­re. Sa­rà per­ché so­no na­to in una del­le zo­ne più in­du­stria­liz­za­te d’ita­lia, la pro­vin­cia di Lec­co. E che ho ini­zia­to a fa­re l’ope­ra­io a 14 an­ni. Tan­te pic­co­le e gran­di fab­bri­che co­me quel­la in cui ho co­min­cia­to io og­gi non esi­sto­no più, in­ca­pa­ci di com­pe­te­re con la for­za e i nu­me­ri del­le mul­ti­na­zio­na­li. Io que­sta dé­bâ­cle l’ave­vo pre­vi­sta: 20 an­ni fa con Mi­che­le Ser­ra ed En­zo San­tin scris­si uno spet­ta­co­lo, Giù al Nord, che la pro­fe­tiz­za­va in mo­do co­sì ef­fi­ca­ce che ne par­lò an­che il Wall Street Jour­nal. Pur­trop­po nes­su­no è sta­to in gra­do di pre­ve­nir­la. Ma pos­sia­mo an­co­ra con­tra­star­la, con la crea­ti­vi­tà che noi ita­lia­ni ab­bia­mo nel dna. Se pen­so a quan­ti bre­vet­ti ab­bia­mo sven­du­to… In­ve­ce do­vrem­mo in­cen­ti­va­re la ge­nia­li­tà di que­gli ar­ti­gia­ni che par­to­no da un ga­ra­ge e ma­ga­ri di­ven­ta­no im­pren­di­to­ri. E an­co­ra pri­ma bi­so­gna for­ma­re i ra­gaz­zi, at­tra­ver­so la buo­na scuo­la. Una vol­ta a Lec­co c’era­no gli isti­tu­ti tec­ni­ci Ba­do­ni e Fioc­chi che aiu­ta­va­no dav­ve­ro a en­tra­re nel­le azien­de me­tal­mec­ca­ni­che… Le isti­tu­zio­ni non do­vreb­be­ro fre­na­re l’en­tu­sia­smo dei gio­va­ni, ma piut­to­sto coc­co­lar­lo, ali­men­tar­lo. Per­ché in ogni la­vo­ro non ba­sta la tec­ni­ca, ser­vo­no il ta­len­to, le ca­pa­ci­tà. E la qua­li­tà, in cui sia­mo pri­mi al mon­do. Pen­so al set­to­re del food, pen­so al­le ec­cel­len­ze del Sa­lo­ne del mo­bi­le. È la pas­sio­ne che ci ani­ma! Non sa­reb­be una di­sgra­zia vi­ve­re di ren­di­ta, tra­sci­nan­do­si per il mon­do co­me ve­ge­ta­li sen­za tro­va­re sod­di­sfa­zio­ne in nien­te? Non lo di­co per­ché fac­cio l’at­to­re: co­no­sco ope­rai che fa­ce­va­no vo­len­tie­ri due ore di straor­di­na­rio per­ché ama­va­no il lo­ro me­stie­ri. Per­ché i lo­ro da­to­ri di la­vo­ro li ri­spet­ta­va­no, ca­pi­va­no le lo­ro fa­ti­che. E quan­do c’è la pas­sio­ne non si pen­sa più so­lo al­lo sti­pen­dio».

*L’at­to­re sta at­tual­men­te la­vo­ran­do al film A casa, di cui è an­che au­to­re e re­gi­sta, de­di­ca­to al pa­ra­dos­sa­le ri­tor­no di un mi­gran­te da Mi­la­no al Se­ne­gal.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.