D

Style - - Tendenze -

IMENTICATE i baf­fo­ni di Hulk Ho­gan. La World Wre­stling En­ter­tain­ment (Wwe), la più gran­de fe­de­ra­zio­ne al mon­do di quel gran­de car­roz­zo­ne di lot­ta-spet­ta­co­lo che è il wre­stling, ha un nuovo vol­to. An­zi due. Con ma­sca­ra e ros­set­to in­tor­no al pa­ra­den­ti: so­no Ron­da Rou­sey e Char­lot­te Flair. La pri­ma, ex cam­pio­nes­sa mon­dia­le Ufc, si fa chia­ma­re «la ra­gaz­za più cat­ti­va del­la ter­ra». La se­con­da, fi­si­co sta­tua­rio e ca­pa­ci­tà da acro­ba­ta, ha un «pe­di­gree» re­ga­le: è fi­glia di Ric Flair, il cam­pio­ne più ti­to­la­to di sem­pre, stel­la de­gli an­ni Ot­tan­ta e No­van­ta. So­no lo­ro a gui­da­re la «wo­men revolution» che nel gi­ro di po­chi an­ni ha por­ta­to a ri­de­fi­ni­re il ruo­lo del­le don­ne ne­gli spet­ta­co­li di wre­stling: gli in­con­tri fem­mi­ni­li era­no il «seg­men­to pau­sa bir­ra», con le sfi­de in lin­ge­rie o lot­ta nel fan­go tra pro­ca­ci mo­del­le. Ora so­no mat­ch che non han­no nul­la da in­vi­dia­re per pathos, tec­ni­ca di lot­ta e nar­ra­zio­ne a quel­li dei col­le­ghi ma­schi, com­pre­se le sfi­de estre­me den­tro una gab­bia d’ac­cia­io o a col­pi di se­die e sca­le me­tal­li­che (chi aves­se vo­glia di ap­pro­fon­di­re il te­ma può guar­da­re la se­rie tv Glow su Net­flix). La ri­vo­lu­zio­ne ha avu­to una sua con­sa­cra­zio­ne nel pri­mo pay per view tutto al fem­mi­ni­le, il 28 ot­to­bre 2018 al Nas­sau Co­li­seum di Union­da­le, New York. Per i fan ita­lia­ni, in­ve­ce, l’op­por­tu­ni­tà di ve­de­re all’ope­ra lot­ta­tri­ci e lot­ta­to­ri del­la Wwe sa­rà il 9 e il 10 no­vem­bre, all’uni­pol Are­na di Ca­sa­lec­chio di Re­no (Bo) e al Pa­la­lot­to­ma­ti­ca di Ro­ma, uni­che tap­pe ita­lia­ne del tour eu­ro­peo.

Don­ne a par­te, i gran­di no­mi del wre­stling di og­gi so­no Ro­man Rei­gns, Braun Stro­w­man o A.J. Sty­les. I bam­bi­ni im­paz­zi­sco­no per lo­ro men­tre chi ha qual­che an­no in più cer­che­rà in­va­no John Ce­na, or­mai lan­cia­to in

una car­rie­ra hol­ly­woo­dia­na, op­pu­re si com­muo­ve­rà nel ve­de­re in azio­ne veterani co­me Big Show e Ran­dy Or­ton. Ri­spet­to ai tem­pi d’oro di Hulk Ho­gan e An­dre the Giant, quan­do spo­po­la­va su Italia Uno con il com­men­to di Dan Pe­ter­son, il wre­stling è cam­bia­to pa­rec­chio: sti­le di lot­ta me­no sta­ti­co e più ric­co di mos­se spet­ta­co­la­ri, im­por­ta­te dal­le ar­ti mar­zia­li mi­ste e da Mes­si­co e Giap­po­ne. La con­vi­ven­za con in­ter­net, poi, ha cam­bia­to gli show te­le­vi­si­vi. Se ne­gli an­ni Ot­tan­ta an­da­va di mo­da l’ef­fet­to «car­to­ne ani­ma­to», con per­so­nag­gi ste­reo­ti­pa­ti e lot­ta tra buo­ni e cat­ti­vi, og­gi è lo sti­le «rea­li­ty» a far­la da pa­dro­ne: le sto­rie te­se tra i pro­ta­go­ni­sti na­sco­no e si svi­lup­pa­no an­che su Twit­ter o In­sta­gram, con fre­quen­ti in­cur­sio­ni nel­la lo­ro vi­ta pri­va­ta.

Cer­to, l’obie­zio­ne dei de­trat­to­ri è ri­ma­sta la stes­sa di al­lo­ra: «È tutto fin­to!». Il che è ve­ro ma so­lo in par­te, per­ché il wre­stling è fin­to tan­to quan­to il bal­let­to o il cir­co, e rap­pre­sen­ta in real­tà una ve­ra esi­bi­zio­ne di for­za e atle­ti­smo. Lo sco­po è in­trat­te­ne­re, sor­pren­de­re, rac­con­ta­re una sto­ria; il su­do­re, le acro­ba­zie e gli in­for­tu­ni de­gli atle­ti so­no mol­to rea­li. Ri­spet­to al pas­sa­to le su­per­star so­no più at­ten­te al be­nes­se­re fi­si­co e men­ta­le – gli ste­roi­di so­no sta­ti ban­di­ti – e c’è vi­ta ol­tre il ring: l’at­to­re più pa­ga­to al mon­do, og­gi, è Dway­ne «the Rock» John­son, che ha mos­so i pri­mi pas­si pro­prio sul qua­dra­to. E che di­re di Ka­ne, al se­co­lo Glen Ja­cobs, un al­tro wre­stler pas­sa­to in po­chi me­si dall’in­dos­sa­re la ma­sche­ra da de­mo­ne al­la gri­sa­glia da sin­da­co di Kno­x­vil­le, Tennessee? In un’epo­ca in cui il Pre­si­den­te de­gli Usa si chia­ma Do­nald J. Trump ed è mem­bro del­la Hall of fa­me del­la Wwe, un ti­to­lo che si è gua­da­gna­to ra­san­do a ze­ro sul ring il ceo Vin­ce Mc Ma­hon, for­se guar­da­re il wre­stling ci può pu­re rac­con­ta­re qual­co­sa dell’america di og­gi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.