Scrit­tu­ra

Style - - The Good Life -

fotografica: cos’era co­stei? Pri­ma di ri­pren­de­re una vec­chia bat­tu­ta spes­so at­tri­bui­ta a Frank Zap­pa («scri­ve­re di mu­si­ca è co­me dan­za­re di ar­chi­tet­tu­ra») bi­so­gna chie­de­re a Fran­ce­sco Acer­bis, ber­ga­ma­sco clas­se 1969, chia­ma­to a in­se­gna­re ta­le ma­te­ria agli al­lie­vi del­la pre­sti­gio­sa En­sp, Scuo­la na­zio­na­le su­pe­rio­re di fo­to­gra­fia di Ar­les, in Fran­cia. Un im­pli­ci­to pre­mio a un lun­go per­cor­so di fotoreporter free-lan­ce sen­si­bi­le ai te­mi so­cia­li, ol­tre che fon­da­to­re e di­ret­to­re di Tran­si­zio­ni, ras­se­gna in­ter­na­zio­na­le del film fo­to­gra­fi­co (i suoi la­vo­ri so­no di­stri­bui­ti dall’agen­zia Si­gna­tu­res; al­tre in­fo sul si­to fran­ce­scoa­cer­bis.com). Co­sa lo ri­por­ta nel­le stra­de che lo han­no vi­sto cre­sce­re, e co­sa c’en­tra con la ma­te­ria che in­se­gna?

«Rac­con­ta­re Ber­ga­mo co­me una “cit­tà qual­sia­si”, una tra le tan­te in cui la vi­ta scor­re e si com­po­ne nel­le stra­de con stra- or­di­na­ria sem­pli­ci­tà so­lo per il pia­ce­re di es­se­re fo­to­gra­fa­ta, sto­ri­ciz­za­ta nel­la più clas­si­ca tra­di­zio­ne del­lo sguar­do curioso del­la fo­to­gra­fia uma­ni­sta, è una sfi­da che mi ero po­sto più di 20 an­ni fa. Al­lo­ra ne era na­ta una mo­stra dal ti­to­lo Luo­ghi co­mu­ni. Og­gi quel­la stes­sa sfi­da si è tra­sfor­ma­ta in un viag­gio in avan­ti nel tem­po con un oc­chio ri­vol­to al pas­sa­to. In que­sta se­rie di im­ma­gi­ni, co­min­cia­ta qua­si per ca­so men­tre at­tra­ver­sa­vo la cit­tà a pie­di, si rac­co­glie il de­si­de­rio di ri­tro­va­re nell’og­gi quel­lo che è sem­pre sta­to e an­co­ra sa­rà. La cit­tà si sve­la con sot­ti­le in­dif­fe­ren­za, ogni luo­go è un’oc­ca­sio­ne che si tra­sfor­ma in un’im­ma­gi­ne già vi­sta e sem­pre nuo­va, le per­so­ne si tra­sfor­ma­no in per­so­nag­gi, i luo­ghi in sce­no­gra­fia del quo­ti­dia­no. Un’al­tra cit­tà pren­de vi­ta nel­le fo­to, im­mo­bi­le, so­spe­sa nel tem­po. Una cit­tà che con­tie­ne se stes­sa, si ri­co­no­sce e for­se con stu­po­re si ri­sco­pre». (p.a.c.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.