C’ERA UNA VOL­TA LA NA­VE

DAL GU­SCIO CHIU­SO DI IE­RI AL­LE BAR­CHE APER­TE DI OG­GI

Superyacht (Italian) - - Design - Di An­drea Man­ci­ni

Una vol­ta gli ya­cht era­no con­ce­pi­ti co­me una na­ve, ov­ve­ro uno spa­zio si­cu­ro all’in­ter­no di un gu­scio chiu­so ed inac­ces­si­bi­le in cui gli oc­cu­pan­ti era­no pro­tet­ti dai pe­ri­co­li ester­ni, dal­la fu­ria del mare. Og­gi gli ya­cht, gran­di o pic­co­li che sia­no, so­no in­ve­ce sem­pre più aper­ti ver­so l’ester­no, a par­ti­re dai pon­ti sco­per­ti che, con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni, di­ven­ta­no sem­pre più am­pi ed at­trez­za­ti di ogni ame­ni­tà: aree pren­di­so­le, zo­ne li­ving, bea­ch area, pi­sci­ne e, ad­di­rit­tu­ra, ca­sca­te, so­no ele­men­ti che or­mai so­no pre­sen­ti su ogni su­pe­rya­cht. Ma stia­mo par­lan­do pur sem­pre di am­bien­ti ester­ni do­ta­ti, al li­mi­te, di ar­re­di mo­bi­li che pos­so­no es­se­re al­le­sti­ti e di­sal­le­sti­ti, ma sem­pre ri­ma­nen­do am­bien­ti ester­ni. Di­ver­so è il di­scor­so dell’in­ter­no che vie­ne mes­so in co­mu­ni­ca­zio­ne con l’ester­no, con por­tel­lo­ni che si sol­le­va­no, ter­raz­ze che si apro­no, co­per­tu­re che scor­ro­no dan- do lu­ce ed aria agli am­bien­ti sot­to­stan­ti: so­no tut­te dia­vo­le­rie che ne­gli ul­ti­mi an­ni si stan­no dif­fon­den­do gra­zie al­le mo­der­ne tec­no­lo­gie che per­met­to­no di ap­pli­ca­re com­ples­si ci­ne­ma­ti­smi di mo­vi­men­ta­zio­ne an­che al­le gran­di e pe­san­ti par­ti mo­bi­li di cui è spes­so do­ta­to un mo­der­no ya­cht. Qual è la ra­gio­ne di que­sti espe­dien­ti, per­ché le aree ester­ne so­no sem­pre più am­pie e gli spa­zi in­ter­ni di­ven­ta­no ester­ni? Il mo­ti­vo è quel­lo ti­pi­co e pe­cu­lia­re del di­por­to nau­ti­co: chi na­vi­ga per pia­ce­re, per di­por­to, lo fa per vi­ve­re a con­tat­to del mare. E, per far ciò, per sta­re il più pos­si­bi­le vi­ci­no al mare, la mi­glio­re bar­ca sa­rà quel­la che ne ren­de più fa­ci­le l’ac­ces­so, quin­di bas­sa sul mare, ine­vi­ta­bil­men­te pic­co­la. Con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni de­gli ya­cht il mare si al­lon­ta­na sem­pre di più e na­sce il pro­ble­ma di ar­ri­va­re al mare… a me­no che!

A si­ni­stra, su un goz­zo di po­chi me­tri en­tra­re in con­tat­to con il mare è fa­ci­le ma ho bi­so­gno di una sca­let­ta per ri­sa­li­re a bor­do. Vo­len­do poi ren­de­re l’ope­ra­zio­ne di di­sce­sa e ri­sa­li­ta più age­vo­le, la sca­let­ta può es­se­re po­si­zio­na­ta su una pic­co­la piatt

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.