C’era una vol­ta la na­ve

Dal gu­scio chiu­so di ie­ri al­le bar­che aper­te di og­gi

Superyacht (Italian) - - Design -

Ma, quel­lo di av­vi­ci­nar­si al mare è un pro­ble­ma che ri­guar­da ogni bar­ca, an­che le più pic­co­le. Ad esem­pio su un pic­co­lo goz­zo di po­chi me­tri è pos­si­bi­le ar­ri­var­ci fa­cil­men­te spor­gen­do­si dal bor­do ed im­mer­gen­do la ma­no in ac­qua. Ma se si vuo­le fa­re un ba­gno c’è bi­so­gno di una sca­let­ta per ri­sa­li­re a bor­do (fig.01). Vo­len­do poi ren­de­re l’ope­ra­zio­ne di di­sce­sa e ri­sa­li­ta più age­vo­le, la sca­let­ta può es­se­re po­si­zio­na­ta su una pic­co­la piat­ta­for­ma po­sta a pop­pa (fig.02). Stia­mo pe­rò par­lan­do di una aggiunta na­ta da un’esi­gen­za esclu­si­va­men­te di­por­ti­sti­ca: i pe­sca­to­ri, che van­no in mare per pe­sca­re e non per fa­re il ba­gno, non han­no la piat­ta­for­ma a pop­pa per­ché, sem­pli­ce­men­te, non ser­ve! An­zi, è di in­tral­cio nel­le ope­ra­zio­ni di pe­sca. Dai pic­co­li goz­zi sia­mo co­sì ar­ri­va­ti ai mo­der­ni mo­to­sca­fi sem­pre più aper­ti e “bal­nea­ri”, al­cu­ni dei quali con­ce­pi­ti e di­se­gna­ti per es­se­re pri­ma una di­sce­sa a mare e poi una bar­ca (fi­gu­ra 3). In que­sti de­cen­ni, per ogni ti­po­lo­gia di bar­ca so­no sta­te cer­ca­te for­me ed espe­dien­ti che per­met­tes­se­ro una mag­gio­re vi­ci­nan­za e fa­ci­li­tà di ac­ces­so al mare. An­che per le bar­che a ve­la il gu­scio chiu­so, che do­ve­va pro­teg­ge­re gli oc­cu­pan­ti, pian pia­no si è aper­to e si sta apren­do sem­pre più all’ester­no (fi­gu­re 4, 5 e 6). Gli estre­mi di que­sta ten­den­za li tro­via­mo og­gi in al­cu­ni mo­to­sca­fi co­me il Wi­der o l’evo (fi­gu­ra 7), dei ve­ri e pro­pri “tran­sfor­mer” in cui ciò che re­sta del gu­scio pri­mor­dia­le si tra­sfor­ma in una stra­na crea­tu­ra che si apre pro­ten­den­do­si ver­so il mare as­su­men­do con­fi­gu­ra­zio­ni che con una bar­ca clas­si­ca han­no or­mai ve­ra­men­te po­co a che fa­re. Tor­nia­mo ora al­le bar­che un po’ più gran­di, ai su­pe­rya­cht. Se co­me ab­bia­mo vi­sto per le pic­co­le bar­che av­vi­ci­nar­si all’ac­qua può già es­se­re un pro­ble­ma, con il cre­sce­re del­le di­men­sio­ni de­gli ya­cht que­sto si al­lon­ta­na sem­pre di più e il pro­ble­ma di av­vi­ci­nar­si al mare si fa più com­pli­ca­to. In pas­sa­to i gran­di ya­cht este­rior­men­te era­no mol­to si­mi­li ad una na­ve com­mer­cia­le, con le lo­ro al­te mu­ra­te e pon­ti ine­vi­ta­bil­men­te di­stan­ti dal mare che si po­te­va rag­giun­ge­re solo con sca­le più o me­no lun­ghe e più o me­no co­mo­de (fi­gu­ra 8). D’al­tron­de le for­me ed il de­si­gn di ogni bar­ca, ed an­cor di più quel­lo di una na­ve qual è un gran­de ya­cht, so­no figli di un’evo­lu­zio­ne mil­le­na­ria, fat­ta di storia e tra­di­zio­ne ma an­che di nor­me tec­ni­che che han­no sem­pre mes­so al pri­mo po­sto, giu­sta­men­te, la si­cu­rez­za della na­ve e dei suoi oc­cu­pan­ti. Co­sì an­che l’ar­chi­tet­tu­ra del­le na­vi nel tem­po si è ade­gua­ta e tra­sfor­ma­ta al fi­ne di svol­ge­re nel­la mas­si­ma si­cu­rez­za pos­si­bi­le la mis­sio­ne as­se­gna­ta e re­si­ste­re al me­glio a con­di­zio­ni me­teo­ma­ri­ne av­ver­se, adot­tan­do for­me e di­spo­si­zio­ni dei vo­lu­mi che ga­ran­tis­se­ro al me­glio la si­cu­rez­za de­gli oc­cu­pan­ti e del ca­ri­co tra­spor­ta­to. Gli spa­zi all’aper­to, i pon­ti, so­no sta­ti co­sì do­ta­ti di am­pie pro­te­zio­ni e ge­ne­ral­men­te, quan­do pos­si­bi­le, po­sti in al­to, lon­ta­no dal pe­ri­co­lo rap­pre­sen­ta­to dal mare agi­ta­to. Ma, co­me det­to, su uno ya­cht le esi­gen­ze so­no ben di­ver­se,

per­ché è di­ver­so il mo­do con cui si vi­ve il mare a bor­do di uno ya­cht, spe­cie og­gi. Co­sì quan­do si pro­get­ta una im­bar­ca­zio­ne da di­por­to og­gi si ha il pro­ble­ma di con­ci­lia­re esi­gen­ze op­po­ste: da una par­te ren­de­re la bar­ca si­cu­ra, ido­nea a pro­teg­ge­re i suoi oc­cu­pan­ti in ca­so di con­di­zio­ni me­teo-ma­ri­ne av­ver­se; dall’al­tra da­re la pos­si­bi­li­tà ai pas­seg­ge­ri di vi­ve­re a con­tat­to con ciò che co­sti­tui­sce il sen­so di uno ya­cht: il mare. Quin­di da una par­te una bar­ca “chiu­sa” che dia ade­gua­ta pro­te­zio­ne con­tro le on­de, dall’al­tra una bar­ca “aper­ta” che sia il più vi­ci­no pos­si­bi­le al mare. Ec­co quin­di na­sce­re quel­le so­lu­zio­ni in cui le so­vra­strut­tu­re so­no spo­sta­te tut­te ver­so prua, men­tre la pop­pa ri­ma­ne bas­sa sull’ac­qua, con un pon­te com­ple­ta­men­te frui­bi­le che va a ba­gnar­si di­ret­ta­men­te nel mare gra­zie a qual­che sca­li­no o a gran­di sca­li­na­te mo­nu­men­ta­li, un ar­chi­tet­tu­ra con cui i vo­lu­mi pro­die­ri, ol­tre a for­ni­re i ne­ces­sa­ri spa­zi al chiu­so, fun­zio­na­no da pro­te­zio­ne con­tro le on­de per la re­tro­stan­te par­te pop­pie­ra, ve­ra e pro­pria spiag­gia a di­ret­to con­tat­to con il mare. Uno dei pri­mi su­pe­rya­cht pro­get­ta­to e co­strui­to se­con­do que­sta fi­lo­so­fia è sta­to si­cu­ra­men­te “Al­fa Ne­ro”, lo ya­cht di 82 me-

Dall’al­to, an­che per le bar­che a ve­la il gu­scio chiu­so, che do­ve­va pro­teg­ge­re gli oc­cu­pan­ti, pian pia­no si è aper­to e si sta apren­do sem­pre più all’ester­no.

So­pra, il Wi­der 42 o l’evo 43, dei ve­ri e pro­pri “tran­sfor­mer” che rap­pre­sen­ta­no l’estre­miz­za­zio­ne del con­cet­to di “apri­re la bar­ca”. A fian­co, sui gran­di ya­cht del pas­sa­to il mare si po­te­va rag­giun­ge­re solo con sca­le più o me­no lun­ghe e più o me­no co­mo­de

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.