LE STRA­TE­GIE DEL GRUP­PO FER­RET­TI

In­ter­vi­sta di Ro­ber­to Fran­zo­ni a Ste­fa­no De Vi­vo, CCO del Grup­po Fer­ret­ti

Superyacht (Italian) - - Cantieri -

Di­ret­to­re com­mer­cia­le del Grup­po Fer­ret­ti, Ste­fa­no De Vi­vo, gio­va­ne ta­len­to, è mem­bro del con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne di CRN, il can­tie­re dei me­ga­ya­cht del grup­po, e ha an­che le de­le­ghe com­mer­cia­li del mar­chio. In una con­ver­sa­zio­ne cat­tu­ra­ta du­ran­te la pri­ma edi­zio­ne del Ver­si­lia Ya­ch­ting Ren­dez-vous, De Vi­vo rac­con­ta a Su­pe­rya­cht le stra­te­gie e gli obiet­ti­vi del Grup­po Fer­ret­ti nel set­to­re dei gran­di yacht. “Sul ter­ri­to­rio mon­dia­le ho una se­rie di per­so­ne che mi se­guo­no – esor­di­sce – sia sul brand CRN che Custom Li­ne e so­no i no­stri am­ba­scia­to­ri. Ab­bia­mo un’area ma­na­ger che si oc­cu­pa del Midd­le Ea­st, e un uf­fi­cio a Hong Kong che si oc­cu­pa dei clien­ti di­ret­ta­men­te. Poi in­ter­ven­go io, ma an­che lo stes­so Al­ber­to Ga­las­si in pri­ma per­so­na. Per­si­no Pie­ro Fer­ra­ri, che è ap­pas­sio­na­to del mar­chio e del pro­dot­to me­ga­ya­cht, tan­to che fi­no a po­co tem­po fa era mem­bro del con­si­glio di CRN, men­tre og­gi ha as­sun­to una po­si­zio­ne di mag­gior ri­lie­vo nel con­si­glio del Grup­po, vie­ne spes­so ad Ancona a ve­de­re per­so­nal­men­te la co­stru­zio­ne sia dei CRN che dei Custom Li­ne, ed es­sen­do sia un ap­pas­sio­na­to che un com­pe­ten­te, elar­gi­sce con­si­gli e in­di­ca­zio­ni su co­me mi­glio­ra­re o per­fe­zio­na­re del­le so­lu­zio­ni”. Il can­tie­re di Ancona co­strui­sce so­lo CRN? No, in que­sto an­no e mez­zo ab­bia­mo sfrut­ta­to tut­to il kno­whow di CRN per far fa­re a tut­to il Grup­po un sal­to di qua­li­tà ver­so le gran­di na­vi, gra­zie al­la com­pe­ten­za e al­le strut­tu­re del can­tie­re. Co­me CRN ab­bia­mo strut­tu­re de­di­ca­te e vo­glia­mo ven­de­re cir­ca 3.000 GRT all’an­no, per­ché vo­glia­mo con­ti­nua­re a co­strui­re tai­lor ma­de pro­dot­ti d’éli­te e non rin­cor­re­re una pro­du­zio­ne esa­ge­ra­ta. Que­sto vuol di­re due yacht all’an­no, for­se due e mez­zo ven­du­ti e in co­stru­zio­ne in se­quen­za. Que­sto pro­gram­ma pe­rò è pos­si­bi­le so­lo se riu­scia­mo a co­strui­re pa­ral­le­la­men­te an­che uni­tà più pic­co­le e più se­ria­li, co­me un Per­shing 140.

Che è in al­lu­mi­nio? Sì. CRN ha già co­strui­to il Ri­va My­thos di 125 pie­di con lo stes­so ma­te­ria­le, ol­tre a co­strui­re ov­via­men­te tut­te le so­vra­strut­tu­re de­gli yacht col suo mar­chio. Gra­zie a que­sto know-how ab­bia­mo co­strui­to il Per­shing 140. Que­sto con­sen­te a CRN di met­te­re in ope­ra an­che al­tre so­lu­zio­ni in­te­res­san­ti, co­me l’al­leg­ge­ri­men­to dei mo­bi­li e dei ma­te­ria­li che van­no a bor­do. Le co­no­scen­ze in­cro­cia­te mi­glio­ra­no i pro­dot­ti di tut­ti i mar­chi. Il Ri­va 50 MT è co­strui­to ad Ancona? Nel can­tie­re CRN. È en­tra­to a fi­ne feb­bra­io. An­che in que­sto ca­so lo scam­bio di co­no­scen­ze e com­pe­ten­ze af­fi­na ul­te­rior­men­te i pro­dot­ti. Noi con CRN vo­glia­mo di­ven­ta­re il pri­mo can­tie­re ita­lia­no per qua­li­tà. CRN ha sem­pre pre­sen­ta­to dei suoi pro­get­ti in­di­vi­duan­do co­sì una sua li­nea, un suo per­cor­so sti­li­sti­co, con dei suoi ar­chi­tet­ti, co­me Zuc­con, Pasz­ko­w­ski, Nu­vo­la­ri & Le­nard. L’idea è di con­ti­nua­re a pro­por­re “dei CRN”, con la pro­pria li­nea e le pro­prie scel­te sti­li­sti­che da pro­por­re al clien­te o piut­to­sto di rea­liz­za­re lo yacht del clien­te, non im­por­ta chi lo ab­bia di­se­gna­to e che sti­le ab­bia, che so Phi­lip­pe Stark, per esem­pio? CRN fi­no al 2008 ave­va la po­li­ti­ca di la­vo­ra­re su piat­ta­for­me, da al­lun­ga­re, al­lar­ga­re, ma so­stan­zial­men­te la­vo­ran­do su un de­ter­mi­na­to pro­get­to. Og­gi ab­bia­mo di­mo­stra­to che sap­pia­mo fa­re yacht mol­to di­ver­si, co­me Az­te­ca, o Ja­de, o co­me Sa­ra­mour, o co­me Cho­pi-cho­pi, o an­co­ra Yal­la e poi Atlan­te, tut­ti yacht che han­no in co­mu­ne so­lo il mar­chio e la qua­li­tà. Og­gi va­ria­mo Cloud 9 che ha una sua per­so­na­li­tà for­tis­si­ma.

A noi pia­ce l’idea che un clien­te che ha il suo so­gno in te­sta da noi lo pos­sa rea­liz­za­re. Con­cor­dia­mo l’ar­chi­tet­to, elar­gia­mo tut­ti i con­si­gli pos­si­bi­li de­ri­va­ti dal­la no­stra espe­rien­za, ma il so­gno è il suo. Noi vo­glia­mo pun­ta­re su un’iden­ti­tà co­sti­tui­ta dal­la qua­li­tà, non dal­la for­ma o da un fa­mi­ly fee­ling. Pe­rò ave­te nel cas­set­to un, di­cia­mo, ca­ta­lo­go di “sug­ge­ri­men­ti”? Sì, ab­bia­mo bi­so­gno di un a ba­se da cui par­ti­re. Ab­bia­mo per esem­pio svi­lup­pa­to re­cen­te­men­te con Ome­ga una li­nea che ab­bia­mo chia­ma­to Ocean Sport, con Pasz­ko­w­ski una li­nea ba­sa­ta su Sa­ra­mour, Con Zuc­con un’al­tra li­nea e an­co­ra con Nu­vo­la­ri & Le­nard e con Win­ch De­si­gn che ha la­vo­ra­to mol­to be­ne con noi per gli in­ter­ni di Cloud Ni­ne. Par­lia­mo con tut­ti i de­si­gner di gri­do, ma dia­mo prio­ri­tà a quei quat­tro o cin­que con cui ab­bia­mo già la­vo­ra­to po­si­ti­va­men­te. E il mer­ca­to do­ve sta? Dap­per­tut­to o da nes­su­na par­te? So­pra i 50 me­tri il mer­ca­to è ra­re­fat­to. Non ci so­no me­no clien­ti, an­zi for­se di più, ma spar­si e di più dif­fi­ci­le re­pe­ri­bi­li­tà. I rus­si per esem­pio ci so­no an­co­ra, mol­to me­no di pri­ma e so­prat­tut­to fuo­ri dal­la Rus­sia. An­che la vec­chia Eu­ro­pa c’è. Te­de­schi, in­gle­si, so­no sem­pre at­ti­vi, un po’ su tut­te le di­men­sio­ni, e an­che il fred­do Nord Eu­ro­pa, co­me pu­re il Midd­le Ea­st. Per i mer­ca­ti “eso­ti­ci”, com­pe­ra­re in Ita­lia può es­se­re un pro­ble­ma, di­cia­mo fi­nan­zia­rio, ban­ca­rio, le­ga­le, di si­ste­ma? Og­gi la fi­du­cia c’è. So­lo in un ca­so un clien­te ha chie­sto di la­vo­ra­re con una ban­ca di­ver­sa da quel­la che gli ab­bia­mo pre­sen­ta­to noi. Pen­so che mol­ti stra­nie­ri ab­bia­no in real­tà fi­du­cia nel si­ste­ma Ita­lia. Il Ma­de in Ita­ly e la qua­li­tà che gli as­si­cu­ria­mo fa di­men­ti­ca­re tan­ti al­tri aspet­ti me­no po­si­ti­vi del si­ste­ma. I clien­ti ci ri­co­no­sco­no la ca­pa­ci­tà di ar­ri­va­re sem­pre e co­mun­que in fon­do. Noi co­me CRN ab­bia­mo an­che il van­tag­gio di usa­re la leg­ge in­gle­se che

cre­dia­mo ci tu­te­li di più e me­glio, sia noi co­strut­to­ri che il clien­te. So­no più ca­ri, ma più ve­lo­ci e più pre­pa­ra­ti su que­sto ti­po di co­stru­zio­ne di gran­de di­men­sio­ne e di lus­so. Che co­sa ave­te in co­stru­zio­ne ora? Co­me di­ce­vo pri­ma la stra­te­gia è di rac­co­glie­re or­di­ni an­nui per 3.000 GRT, di non pren­de­re or­di­ni sin­go­li so­pra le 3.000 GRT e di par­ti­re da 400 GRT, per­ché spes­so i clien­ti par­to­no da di­men­sio­ni più pic­co­le e poi nel cor­so del­la di­scus­sio­ne e del­la trat­ta­ti­va cre­sco­no. È il ca­so di Atlan­te che è par­ti­to dal­la so­glia fa­ti­di­ca del­le 499 GRT per poi ar­ri­va­re al­le 1.100 GRT! An­che dal Su­per Co­ne­ro di 50 me­tri al­cu­ni clien­ti so­no sa­li­ti, ver­so i 60 me­tri. Og­gi ab­bia­mo in co­stru­zio­ne giu­sto un Su­per Co­ne­ro di 50 me­tri, che sa­rà pron­to per l’ini­zio del 2018 e pre­sen­te­re­mo al Mo­na­co Yacht Show del­lo stes­so an­no. Poi ab­bia­mo ap­pe­na fi­ni­to il Cloud Ni­ne di 74 me­tri che pre­sen­tia­mo al Mo­na­co Yacht Show di que­st’an­no, ab­bia­mo in co­stru­zio­ne un 79 me­tri in con­se­gna per il 2019 e un 62 me­tri di Nu­vo­la­ri & Le­nard, mol­to ori­gi­na­le. Ab­bia­mo quin­di quat­tro uni­tà in co­stru­zio­ne e spe­ria­mo di far par­ti­re a bre­ve un al­tro 62 me­tri, di cui ab­bia­mo già la let­te­ra d’in­ten­ti fir­ma­ta. Il li­mi­te an­nuo del­le 3.000 GRT ri­guar­da so­lo il mar­chio CRN? Per Ri­va e Per­shing non ci sia­mo da­ti una di­men­sio­ne, ma un mix di pro­dot­to. È pos­si­bi­le che fac­cia­mo un CRN in più, e un Ri­va ogni due an­ni. Non vo­glia­mo in­fla­zio­na­re i mar­chi de­gli yacht se­mi­cu­stom. Ab­bia­mo spa­zi de­di­ca­ti a Per­shing e a Ri­va e sia­mo pron­ti, fles­si­bil­men­te, ad adat­ta­re la strut­tu­ra al­la pro­du­zio­ne di quel pe­rio­do, sen­za espan­der­ci in al­tri spa­zi. Se rac­co­glia­mo tre or­di­ni di Su­per Co­ne­ro 50 me­tri, Ri­va e Per­shing ven­go­no po­spo­sti. Sia­mo un ate­lier e non vo­glia­mo usci­re da que­sta di­men­sio­ne. Per ul­te­rio­ri in­for­ma­zio­ni: Fer­ret­ti Group; Via An­sal­do 7, 47122 For­lì (FC); tel. 0543 787511, fax 0543 473069; www.fer­ret­ti­group.com

“Cloud 9”, il va­ro (so­pra), e in ac­qua

Cho­pi Cho­pi

Atlan­te 55

Sa­ra­mour

J’ade

Yal­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.