UNA VE­RA E PRO­PRIA SFIDA

Il ra­gaz­zi­no che tan­ti an­ni fa co­strui­va pic­co­li ga­leo­ni in sca­to­la di mon­tag­gio è di­ven­ta­to og­gi uno dei più sti­ma­ti mo­del­li­sti di yacht a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le. La sua azien­da. La sua clien­te­la.

Superyacht (Italian) - - Aziende -

Na­to a Ro­ma tren­ta­set­te an­ni fa ma sem­pre vis­su­to a Gae­ta, Giu­sep­pe Ca­po­bian­co ha in­co­min­cia­to da gio­va­nis­si­mo a co­strui­re mo­del­li na­va­li in sca­to­la di mon­tag­gio, af­fi­nan­do di vol­ta in vol­ta la sua ma­nua­li­tà e fa­cen­do cre­sce­re la sua col­le­zio­ne. Un bel­lis­si­mo hob­by che ha avu­to il suo pun­to di svol­ta il gior­no in cui un co­no­scen­te, con­qui­sta­to dal­la raf­fi­na­tez­za di quel­le pic­co­le ope­re, of­frì due mi­lio­ni di li­re per un bel­lis­si­mo ga­leo­ne. In quel mo­men­to, in­fat­ti, nel­la men­te del gio­va­ne mo­del­li­sta si in­si­nuò il pen­sie­ro che quel pas­sa­tem­po po­te­va di­ven­ta­re una pro­fes­sio­ne. E, poi­ché ad af­fa­sci­nar­lo era­no più gli yacht che le an­ti­che na­vi, in­co­min­ciò a rea­liz­za­re i pri­mi mo­del­li di uni­tà da di­por­to e an­dò a pro­por­li ai can­tie­ri nau­ti­ci del­la sua zo­na.

Quan­do è ar­ri­va­ta la pri­ma ve­ra com­mes­sa? Era il 2002, ave­vo ven­ti­tré an­ni, quan­do l’in­ge­gner Sal­va­to­re Pic­co­lo, dei can­tie­ri Riz­zar­di, mi chie­se se ero in gra­do di rea­liz­za­re il mo­del­lo in sca­la del bel­lis­si­mo Tech­ne­ma 95. Cer­can­do di ma­sche­ra­re la mia emo­zio­ne, ri­spo­si di sì e, ben­ché non po­tes­si di­spor­re di di­se­gni ori­gi­na­li, tre me­si e mez­zo do­po gli con­se­gnai l’ope­ra. Gli piac­que a tal pun­to che, su­bi­to do­po, mi com­mis­sio­nò al­tri due mo­del­li. Fu al­lo­ra che fon­dò la Gmo­del? Esat­ta­men­te. Fon­dai la so­cie­tà e creai su­bi­to il mar­chio Mo­del Maker Group che tut­to­ra iden­ti­fi­ca l’azien­da. Do­po­di­ché in­co­min­ciai a de­di­car­mi con sem­pre mag­gio­re im­pe­gno al­la pro­mo­zio­ne dell’at­ti­vi­tà, ot­te­nen­do co­me pri­mo im­por­tan­te ri­sul­ta­to una com­mes­sa dai can­tie­ri Benetti. Un pas­so im­por­tan­te che si­cu­ra­men­te l’ha co­stret­ta ad ac­ce­le­ra­re la cre­sci­ta del­la strut­tu­ra. In­fat­ti. La con­qui­sta di quel clien­te ha im­me­dia­ta­men­te po­sto l’esi­gen­za di una ve­ra e pro­pria or­ga­niz­za­zio­ne, nell’am­bi­to del­la qua­le è ar­ri­va­ta la no­stra pri­ma stam­pan­te 3 D: una mac­chi­na che è sta­ta ca­pa­ce di spa­lan­car­mi lo sguar­do sul fu­tu­ro del mio la­vo­ro. Mac­chi­ne ma non so­lo, ov­via­men­te. Quan­te per­so­ne, ol­tre a lei, la­vo­ra­no og­gi in MMG? E per qua­le vo­lu­me di pro­du­zio­ne? Al mo­men­to ab­bia­mo do­di­ci di­pen­den­ti fis­si e sei col­la­bo­ra­to­ri che in­ter­ven­go­no nei pe­rio­di di più in­ten­so la­vo­ro. La pro­du­zio­ne an­nua­le va dal­le 200 al­le 250 uni­tà. Dun­que, la clien­te­la è cre­sciu­ta ra­pi­da­men­te. Dav­ve­ro non pos­so la­men­tar­mi. Pra­ti­ca­men­te, fat­te due o tre ec­ce­zio­ni, la­vo­ria­mo per tut­ti

i can­tie­ri ita­lia­ni più im­por­tan­ti e stia­mo pu­re con­qui­stan­do un’ot­ti­ma po­si­zio­ne all’este­ro, do­ve la con­cor­ren­za di tre azien­de mol­to ben strut­tu­ra­te – una in­gle­se, una olan­de­se e una sta­tu­ni­ten­se – è dav­ve­ro mol­to for­te. Non di­men­ti­chia­mo poi gli ar­chi­tet­ti e, più in ge­ne­ra­le, gli stu­di di pro­get­ta­zio­ne, an­ch’es­si in pro­gres­si­vo au­men­to. In che co­sa dif­fe­ri­sce il mo­del­lo ri­chie­sto dal can­tie­re da quel­lo or­di­na­to dal sin­go­lo de­si­gner? In­nan­zi tut­to c’è il fat­to­re quan­ti­tà. E’ ov­vio che un’azien­da do­ta­ta di un’am­pia re­te com­mer­cia­le ne­ces­si­ti di pa­rec­chie uni­tà del­lo stes­so mo­del­lo e, per­ciò, an­che di mo­del­li di­ver­si; com­pren­si­bil­men­te mol­to più con­te­nu­te – sem­pre par­lan­do di quan­ti­tà – so­no le ne­ces­si­tà di un ar­chi­tet­to. E in che mi­su­ra tut­to ciò in­ci­de sul­la qua­li­tà, in ter­mi­ni di fe­del­tà all’ori­gi­na­le e di ric­chez­za di det­ta­glio? Non mol­to, per la ve­ri­tà, e co­mun­que non ne­ces­sa­ria­men­te. Piut­to­sto, co­me in qual­sia­si al­tra de­ci­sio­ne azien­da­le, a co­man­da­re è il bud­get, se­gui­to dal­la tem­pi­sti­ca. Noi sia­mo in gra­do di co­strui­re mo­del­li a un li­vel­lo di det­ta­glio pa­ros­si­sti­co, ma poi­ché que­sto com­por­ta ine­vi­ta­bil­men­te co­sti e tem­pi di­la­ta­ti, il tut­to de­ve es­se­re con­cor­da­to at­ten­ta­men­te con il com­mit­ten­te. Co­mun­que, a scan­so di equi­vo­ci, vo­glio sot­to­li­nea­re che, gra­zie al­le mo­der­ne tec­no­lo­gie, il li­vel­lo di det­ta­glio è co­mun­que sem­pre mol­to ele­va­to, an­che quan­do si par­la di quan­ti­tà im­por­tan­ti e di prez­zi re­la­ti­va­men­te con­te­nu­ti. Può dar­ci un’idea di quan­to può co­sta­re un sin­go­lo mo­del­lo? Il ran­ge è in­cre­di­bil­men­te am­pio. Orien­ta­ti­va­men­te, si par­te dai 3.000 Eu­ro per un mo­del­lo pic­co­lo e si può ar­ri­va­re an­che ai 35-40.000 per uno mol­to gran­de. Ca­spi­ta, è il prez­zo di un na­tan­te ve­ro e pro­prio! Sì, ma quan­do si ar­ri­va a quei li­vel­li si trat­ta dav­ve­ro di qual­co­sa di ec­ce­zio­na­le: in­ter­ni fe­de­li al pro­get­to, ef­fet­ti di lu­ce, top di mar­mo iden­ti­ci all’ori­gi­na­le, eli­cot­te­ri con le eli­che in mo­vi-

men­to ec­ce­te­ra. Da un mo­del­lo co­sì ela­bo­ra­to, si rie­sce a ot­te­ne­re un’idea d’as­sie­me in­com­pa­ra­bil­men­te più si­gni­fi­ca­ti­va di quel­la of­fer­ta da qual­sia­si al­tra for­ma di rap­pre­sen­ta­zio­ne. E quan­do si trat­ta di na­vi di nuo­vo di­se­gno che co­sta­no de­ci­ne se non cen­ti­na­ia di mi­lio­ni può va­ler­ne senz’al­tro la pe­na. Può quin­di an­che ca­pi­ta­re che il mo­del­lo in sca­la di una bar­ca an­co­ra da co­strui­re in­du­ca il pro­get­ti­sta ad ap­por­ta­re qual­che mo­di­fi­ca al suo di­se­gno? Cer­ta­men­te, in quan­to il mo­del­lo per­met­te di co­glie­re que­gli squi­li­bri e quel­le di­sar­mo­nie che il di­se­gno su car­ta e per­si­no i ren­de­ring più avan­za­ti ten­do­no in­ve­ce a na­scon­de­re. In­som­ma, tra il pro­get­to ori­gi­na­rio e il vo­stro mo­del­lo si sta­bi­li­sce un le­ga­me in­dis­so­lu­bi­le. Nel­la mag­gior par­te dei ca­si, cioè quan­do si trat­ta di bar­che an­co­ra da co­strui­re o di re­cen­te pro­du­zio­ne, è senz’al­tro co­sì. Ma quan­do si trat­ta di bar­che sto­ri­che, ca­pi­ta che la do­cu­men­ta­zio­ne sia scar­sis­si­ma o, ad­di­rit­tu­ra, non esi­sta più. Al­lo­ra di­ven­ta fon­da­men­ta­le quel­lo spe­cia­le spi­ri­to di os­ser­va­zio­ne che ca­rat­te­riz­za il mo­del­li­sta fuo­ri­clas­se. Ed ec­co che il la­vo­ro di­ven­ta una ve­ra e pro­pria sfida, estre­ma­men­te sti­mo­lan­te. Non sa­rà fa­ci­le tro­va­re col­la­bo­ra­to­ri all’al­tez­za del­la si­tua­zio­ne. In­fat­ti non lo è. Puoi tro­va­re un esper­to di stam­pan­ti 3D, che pe­rò non sa nul­la di yacht, co­sì co­me puoi tro­va­re un mo­del­li­sta di ec­ce­zio­na­le ma­nua­li­tà che, tut­ta­via, non sa uti­liz­za­re le nuo­ve mac­chi­ne. Una ma­no ce la dà l’isti­tu­to Eu­ro­peo di De­si­gn, con la sua scuo­la di mo­del­li­smo in­du­stria­le. Ma il pas­sa­pa­ro­la e le co­no­scen­ze per­so­na­li all’in­ter­no dell’am­bien­te re­sta­no tut­to­ra il ca­na­le pre­fe­ren­zia­le. Per in­for­ma­zio­ni www.mo­del­ma­ker­group.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.