LA TRA­DI­ZIO­NE DELL’EC­CEL­LEN­ZA

DI FALIERO SARTI in­ter­vi­sta di Cri­sti­na Ca­me­ra­ni a Mo­ni­ca Sarti

Superyacht (Italian) - - Fashion & Style -

Se­di­ci an­ni di la­vo­ro e pas­sio­ne, un’azien­da che pro­du­ce 200mi­la pez­zi l’an­no e ben 200 pez­zi per ogni oc­ca­sio­ne. So­no que­sti i nu­me­ri di Faliero Sarti, la grif­fe che ha rein­ven­ta­to l’ac­ces­so­rio crean­do splen­di­de sciar­pe in­vi­dia­te dal­le “Fa­shion Vic­tims” di tut­to il mon­do e che na­sce dal­la crea­ti­vi­tà di Mo­ni­ca Sarti, ni­po­te di Faliero e og­gi im­pren­di­tri­ce in­tel­li­gen­te e all’avan­guar­dia. Qual è la sto­ria dell’ac­ces­so­rio Fo­lie­ro Sarti e per­ché le sciar­pe? Le sciar­pe e i plaid, na­sco­no mol­ti an­ni pri­ma di me co­me di­vi­sio­ne in­ter­na del La­ni­fi­cio Faliero Sarti fon­da­to nel 1948…. do­ve­va es­se­re un re­par­to de­di­ca­to da mio non­no Faliero a sua fi­glia Pa­tri­zia, pre­ma­tur- amen­te scom­par­sa. Quin­di in me­mo­ria di lei quel re­par­to non è mai sta­to chiu­so ma sem­pre uti­liz­za­to co­me ser­vi­zio ai clien­ti co­me com­ple­ta­men­to al­le ven­di­te di tes­su­ti……sol­tan­to con me nel 2000 na­sce co­me azien­da com­ple­ta­men­te se­pa­ra­ta dal grup­po di fa­mi­glia…co­me azien­da a sé. Per­ché le sciar­pe?….per­chè co­me pro­dut­tri­ce di tes­su­ti mi sem­bra­va la co­sa più fa­ci­le da rea­liz­za­re con i pro­dot­ti di ca­sa. Chi può con­si­de­ra­re il suo men­to­re? L’amo­re per la mor­bi­dez­za del­lo scha­tu­sh... un mi­lio­ne di per­so­ne che an­co­ra og­gi an­che sol­tan­to con un sor­ri­so mi rac­con­ta­no un so­gno. Il suo pri­mo ri­cor­do di mo­da? Quan­do ero bam­bi­na, du­ran­te le va­can­ze, non ve­de­vo l’ora di an­da­re in uf­fi­cio da mio pa­dre a gio­ca­re con i ri­ta­gli dei tes­su­ti a far fin­ta di fa­re pic­co­li ve­sti­ti­ni per le mie Bar­bie… e la sciar­pa c’era sem­pre al col­lo del­le mie bam­bo­le! Qual è il pun­to di par­ten­za del­le sue col­le­zio­ni e qual è il se­gre­to del rein­ven­tar­si sta­gio­ne do­po sta­gio­ne. C’è sem­pre un fil rou­ge che le­ga tut­to? Il pun­to di par­ten­za è il mon­do che mi cir­con­da, so­no par­ti­co­lar­men­te at­ten­ta all’ar­te poi agli ar­ti­co­li con­ti­nua­ti­vi, che so­no i miei per sem­pre, le sen­sa­zio­ni fu­tu­re…il di­ve­ni­re co­stan­te. Il fil rou­ge…..la mor­bi­dez­za! Qua­li so­no i tre prin­ci­pa­li pun­ti di for­za del suc­ces­so di Faliero Sarti? Tra­di­zio­ne in­no­va­zio­ne e fem­mi­ni­li­tà. Co­me si ri­co­no­sce un autentico pro­dot­to Faliero Sarti? So­lo sfio­ran­do­lo si av­ver­te un pia­ce­re sen­so­ria­le, la sen­sa­zio­ne di mor­bi­dez­za, leg­ge­rez­za, pra­ti­ci­tà….e l’aspet­to nuo­vo ma con quel qual­co­sa di usu­ra­to e di vis­su­to che lo fa sen­ti­re su­bi­to par­te di te da sem­pre. Le mie sciar­pe ri­scal­da­no sen­za “ac­cal­da­re” o pe­sa­re sul col­lo. Sba­glio o pro­du­ce­te sciar­pe an­che per al­tri co­me Cha­nel, Bot­te­ga Ve­ne­ta, Gior­gio Ar­ma­ni o Sal­va­to­re Fer­ra­ga­mo. Co­me non rie­sce a non co­piar­si? Sì, pro­du­cia­mo an­che per al­tri…ognu­no ha la pro­pria iden­ti­tà e i pro­pri co­di­ci di iden­ti­fi­ca­zio­ne, an­che per que­sto non la­vo­ria­mo con mol­ti con­fe­zio­ni­sti, per cer­ca­re di da­re esclu-

si­vi­tà ed at­ten­zio­ne ad ognu­no di lo­ro. Qua­li so­no i vo­stri prin­ci­pa­li mer­ca­ti all’este­ro? Ame­ri­ca, Fran­cia, Ger­ma­nia, Rus­sia, Giap­po­ne…an­che se ades­so con lo svi­lup­po co­stan­te dell’on­li­ne i con­fi­ni ter­ri­to­ria­li non esi­sto­no più. Qua­li so­no le no­vi­tà in ter­mi­ni di pro­dot­to? Cer­ca­re sem­pre di mi­xa­re le fi­bre no­bi­li co­me il ca­che­mi­re, la se­ta, le la­ne fi­nis­si­me ai ma­te­ria­li tec­no­lo­gi­ci ed in­no­va­ti­vi. Chi so­no l’uo­mo e la don­na che scel­go­no le sue sciar­pe? Tut­ti co­lo­ro che san­no ri­co­no­sce­re il bel­lo e la qua­li­tà in un leg­ge­ro ret­tan­go­lo. Il mo­del­lo più co­sto­so che ha rea­liz­za­to? Uno scial­le in vi­cu­na con ri­fi­ni­tu­re in oro zec­chi­no. Tra i suoi mo­del­li ico­ni­ci ce n’è uno a cui è par­ti­co­lar­men­te af­fe­zio­na­ta? Il Pe­dro, no­me del mio ca­ni­no, che è il sim­bo­lo del cam­bia­men­to di che ho fat­to mol­ti an­ni fa…un jer­sey sof­fi­ce di ca­che­mi­re bol­li­to ma di una mor­bi­dez­za in­cre­di­bi­le, un’ in­di­spen­sa­bi­le “coc­co­la” per ogni mio viag­gio. Di­reb­be che ogni col­le­zio­ne suc­ces­si­va è mi­glio­re del­la pre­ce­den­te? Ogni col­le­zio­ne è l’evo­lu­zio­ne del­la pre­ce­den­te…bi­so­gna sem­pre guar­da­re avan­ti..chi si fer­ma è per­du­to! Ol­tre al­le sciar­pe af­fian­che­re­te al­tre li­nee di ac­ces­so­ri e ca­pi d’ab­bi­glia­men­to? Ci stia­mo pen­san­do…in real­tà na­sce­rà a bre­ve. Obiet­ti­vi per il fu­tu­ro? Ave­re l’en­tu­sia­smo di sem­pre…sco­pri­re nuo­vi mer­ca­ti… evol­ver­si con il mon­do. Qua­le è l’aspet­to che ama più del suo la­vo­ro e qua­le il se­gre­to del­la sua car­rie­ra e del suc­ces­so. Co­no­sce­re per­so­ne e luo­ghi nuo­vi, es­se­re tra­vol­ta dal­le si­tua­zio­ni “ma­gi­che” crea­te da per­so­ne in­cre­di­bi­li. E il mio se­gre­to? Pen­sa­re sem­pre al po­si­ti­vo e non ac­con­ten­tar­si mai. Co­sa rap­pre­sen­ta per Lei l’ar­te? L’ar­te è pre­cur­so­re di tut­te le mo­de. E’ la mia mas­si­ma fon­te di ispi­ra­zio­ne. Do­po gli omag­gi a Da­mien Hir­st e al­la Pop Art mi è pia­ciu­to in­ter­pre­ta­re Ali­ghie­ro Boet­ti, Ric­car­do Gu­sma­ro­li, Car­lo Fei,

Do­me­ni­co Bian­chi, Lu­cio Fontana e Pie­ro For­na­set­ti. Che cos’è il “Lus­so” per Mo­ni­ca Sarti e qual è il suo pri­mo ri­cor­do di lus­so? Po­ter­mi pren­de­re del tem­po da de­di­ca­re a me stes­sa e al­le per­so­ne che amo.... men­tre nell’ef­fi­me­ro mon­do il mio pri­mo ri­cor­do di lus­so….di­rei la mia pri­ma Bir­kin! L’ele­gan­za esi­ste? Es­se­re ele­gan­ti vuol di­re… L’ele­gan­za esi­ste da sem­pre ma po­chi la san­no ma­ni­fe­sta­re. Per me es­se­re ele­gan­ti vuol di­re es­se­re edu­ca­ti e mai vol­ga­ri..sem­pli­ci ma con gu­sto. Noi vor­rem­mo co­no­sce­re an­che il suo la­to uma­no: qua­li so­no le sue pas­sio­ni ol­tre al mon­do del­le sciar­pe? Mat­teo Mat­teo Mat­teo, mio fi­glio, fa­re sport, viag­gia­re. Da bam­bi­na pen­sa­va di ar­ri­va­re dov’è ar­ri­va­ta? So­no sem­pre sta­ta mol­to am­bi­zio­sa. Amo­re, suc­ces­so, de­na­ro: qual è la sua clas­si­fi­ca per­so­na­le? Amo­re Sa­lu­te Suc­ces­so De­na­ro. Una sua qua­li­tà che ri­tie­ne im­por­tan­te? Es­se­re sem­pre sor­ri­den­te. Co­sa la at­trae di so­li­to, mo­da a par­te? Tut­to!!! So­no una su­per cu­rio­sa per an­to­no­ma­sia. Ha una fra­se pre­fe­ri­ta che si ri­pe­te spes­so? Chi si fer­ma è per­du­to… Car­pe Diem! Il suo luo­go ma­gi­co do­ve ama ri­fu­giar­si? Den­tro me stes­sa…e pre­fe­ri­bil­men­te al ma­re in Sar­de­gna. Qua­li so­no i suoi hob­by per ri­ca­ri­car­si dal­la fre­ne­sia del la­vo­ro? La cor­sa il nuo­to il ten­nis. Tre ag­get­ti­vi per de­scri­ver­si. Po­si­ti­va so­la­re am­bi­zio­sa. Che co­sa Le fa pau­ra? L’igno­ran­za. Non esce di ca­sa sen­za... Un ba­cio a mio fi­glio. Se non aves­se fat­to la sti­li­sta? Se aves­si avu­to una vo­ce paz­ze­sca avrei vo­lu­to fa­re la can­tan­te.... ado­ro l’idea di sta­re sul pal­co e ur­la­re con tut­ta la for­za che ho den­tro! Un de­si­de­rio? Es­se­re spu­do­ra­ta­men­te fe­li­ce! www.fa­lie­ro­sar­ti.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.