OVERMARINE TRE TI­PO­LO­GIE DI­VER­SE UN SO­LO FI­LO CON­DUT­TO­RE

Superyacht (Italian) - - Cantieri - In­ter­vi­sta di Ro­ber­to Fran­zo­ni a Fran­ce­sco Fre­dia­ni, Di­ret­to­re Com­mer­cia­le di Overmarine Group.

Overmarine, no­ta in tut­to il mon­do per i suoi open pla­nan­ti ad al­te pre­sta­zio­ni in ve­tro­re­si­na, è en­tra­ta dal­lo scor­so an­no nel mon­do dei di­slo­can­ti in me­tal­lo con la li­nea Ocea­no e il pri­mo esem­pla­re di 42 me­tri, fir­ma­to da Al­ber­to Man­ci­ni, ap­pa­ren­te­men­te un mon­do al po­lo op­po­sto, bas­se ve­lo­ci­tà, al­te au­to­no­mie, gran­di spa­zi. Ma l’evo­lu­zio­ne, più che una ri­vo­lu­zio­ne, del can­tie­re via­reg­gi­no non si fer­ma al­la ti­po­lo­gia long ran­ge. Una ter­za via è sta­ta ela­bo­ra­ta ed è in co­stru­zio­ne nel can­tie­re di Pi­sa. Ne par­lia­mo con Fran­ce­sco Fre­dia­ni, di­ret­to­re com­mer­cia­le di Overmarine Group. Do­ve sta an­dan­do Man­gu­sta og­gi, da­to che ap­pa­ren­te­men­te sem­bra si stia al­lon­ta­nan­do dal­la sua vo­ca­zio­ne ori­gi­na­ria di pro­dut­to­re di su­pe­rya­cht ve­lo­ci in ve­tro­re­si­na? Ab­bia­mo ana­liz­za­to il mer­ca­to con­tem­po­ra­neo. Che ri­chie­de so­prat­tut­to yacht tra i 40 e i 60 me­tri con un ele­va­tis­si­mo gra­do ci per­so­na­liz­za­zio­ne, sia di in­ter­ni, ma an­che sem­pre di più di ester­ni, ri­sul­ta­to che a noi rie­sce par­ti­co­lar­men­te be­ne. Sia­mo tra i mi­glio­ri in­ter­pre­ti di que­sta vo­ca­zio­ne, mol­to via­reg­gi­na. Quan­ti Man­gu­sta ci so­no na­vi­gan­ti? 350, da 20 a 50 me­tri, i pla­nan­ti ve­lo­ci in ve­tro­re­si­na. Una ba­se di clien­te­la im­por­tan­te… Sì è ve­ro, ma noi cer­chia­mo an­che nuo­va lin­fa, una clien­te­la di­ver­sa, da quel­la che è sta­ta la clien­te­la sto­ri­ca di Man­gu­sta. Na­tu­ral­men­te la fi­de­liz­za­zio­ne è un ele­men­to im­por­tan­te ed è una ca­rat­te­ri­sti­ca del­la clien­te­la del can­tie­re, ma dob­bia­mo con­si­de­ra­re che chi cre­sce og­gi so­no so­lo gli ar­ma­to­ri del­le im­bar­ca­zio­ni più gran­di. La ti­po­lo­gia di im­bar­ca­zio­ni no­stre, con l’ele­va­tis­si­mo gra­do di per­so­na­liz­za­zio­ne, fa sì che sot­to la so­glia dei 30 me­tri non con­ven­ga ope­ra­re. Quin­di ab­bia­mo de­ci­so di cre­sce­re in­ve­ce che ver­ti­cal­men­te, con una sem­pli­ce cre­sci­ta di­men­sio­na­le, di far­lo tra­sver­sal­men­te con dei ran­ge tra i 40 e i 60 me­tri, in di­ver­se ti­po­lo­gie di pro­dot­to, tut­te pe­rò con mas­si­ma per­so­na­liz­za­zio­ne e qua­li­tà al top, che so­no le ca­rat­te­ri­sti­che di ri­fe­ri­men­to del­la no­stra pro­du­zio­ne. Qua­li so­no que­ste ti­po­lo­gie di pro­dot­to? So­no ti­po­lo­gie to­tal­men­te di­ver­se tra di lo­ro da un pun­to di vi­sta tec­ni­co, cioè pro­pul­sio­ne, ca­re­na e ca­rat­te­ri­sti­che nau­ti­che, la­scian­do co­sì al clien­te una di­ver­sa pos­si­bi­li­tà di in­ter­pre­ta­re il ma­re, il suo ma­re. Ab­bia­mo cer­ca­to di in­ter­pre­ta­re le esi­gen­ze dei clien­ti se­guen­do va­lo­ri di na­tu­ra sti­li­sti­ca, ma an­che di in­no­va­zio­ne e di tec­no­lo­gia che fan­no par­te del Dna del brand. Ab­bia­mo già sa­lu­ta­to con en­tu­sia­smo il vo­stro pri­mo di­slo­can­te in me­tal­lo l’ocea­no 42. A que­sto che co­sa se­gue? Ol­tre al­la li­nea di di­slo­can­ti in me­tal­lo Man­gu­sta Ocea­no, che do­po il 42 ver­rà af­fian­ca­to da al­tri fra­tel­li mag­gio­ri di 46, 55 e 60 me­tri, stia­mo lan­cian­do la li­nea Man­gu­sta Gran Sport, sem­pre in me­tal­lo, con ele­va­ta tec­no­lo­gia Ogni pro­get­to de­ve es­se­re svi­lup­pa­to se­con­do spe­ci­fi­ci re­qui­si­ti. Si­cu­ra­men­te og­gi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.