Fa­shion & Sty­le - Won­der­land Ca­pri

Superyacht (Italian) - - Le Novità - Di Cri­sti­na Ca­me­ra­ni

Ca­pri, via Ca­me­rel­le…la “Ro­deo Dri­ve”ca­pre­se. La stra­da del­lo shop­ping di lus­so per ec­cel­len­za, tra le più fre­quen­ta­te e chiac­chie­ra­te al mon­do, per le innumerevoli pre­sen­ze vip e per le sue sto­ri­che ca­rat­te­ri­sti­che: al­ta mo­da, ele­gan­za, sti­le e bel­lez­za na­tu­ra­le sen­za con­fi­ne. Po­co pri­ma del Bar la Pom­peia­na, si­tua­to nel cuo­re di una del­le iso­le più bel­le del mon­do, un in­di­riz­zo sui ge­ne­ris:won­der­land Ca­pri, ex di­sco­te­ca, tra­sfor­ma­ta ora in un con­cept sto­re spe­cia­liz­za­to in ca­pi e ac­ces­so­ri vin­ta­ge di lus­so cer­ti­fi­ca­to, il fa­shion con­sul­tant e sty­li­st Ales­san­dro Ruoc­co, ca­pre­se di na­sci­ta, è il pro­prie­ta­rio... van­ta un va­sto as­sor­ti­men­to di ac­ces­so­ri mo­da ori­gi­na­li e sin­go­la­ri per ge­ne­re e ele­gan­za. In que­sta in­ter­vi­sta esclu­si­va sco­pri­re­mo la “mis­sion” e le pro­spet­ti­ve di uno dei fa­shion cor­ner di lus­so più esclu­si­vi a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le.

Com’è na­ta l’idea di apri­re una bou­ti­que vin­ta­ge a Ca­pri? L’idea è na­ta so­prat­tut­to da una pas­sio­ne. Cre­do che que­sto sia un la­vo­ro che non si pos­sa svol­ge­re se die­tro non c’è una pas­sio­ne, so­no sem­pre sta­to un esti­ma­to­re e un ap­pas­sio­na­to per il vin­ta­ge non so­lo dell’ab­bi­glia­men­to, ma an­che dell’ar­re­da­men­to. Que­sta pas­sio­ne mi è sta­ta tra­man­da­ta da mio pa­dre e fin da ra­gaz­zi­no ho sem­pre cer­ca­to di sfrut­ta­re il pre­te­sto di un viag­gio o di un wee-kend, sia in Ita­lia che all’este­ro, per an­da­re al­la ri­cer­ca di ca­pi d’ab­bi­glia­men­to uni­ci e di ogni ti­po di ac­ces­so­ri, dal­le bor­se e gio­iel­li grif­fa­ti, al­le cin­tu­re, oc­chia­li, cap­pel­li, fou­lard, ac­qui­stan­do an­che pezzi d’an­ti­qua­ria­to dal­la pic­co­la og­get­ti­sti­ca al mo­der­na­ria­to. Ne­gli an­ni ho am­plia­to e ali­men­ta­to que­sta pas­sio­ne di­ven­tan­do un col­le­zio­ni­sta e crean­do­mi con­se­guen­te­men­te una fit­ta re­te di con­tat­ti e di co­no­scen­ze spar­se per il mon­do. Gli spa­zi di Won­der­land han­no una lun­ga sto­ria… Non mi piac­cio­no le co­se trop­po “in your fa­ce”, cer­ca­vo una lo­ca­tion ati­pi­ca e nuo­va in mo­do da po­ter crea­re tut­to da ze­ro e so­no sta­to mol­to for­tu­na­to a tro­va­re que­sta se­de che era ini­zial­men­te una ex di­sco­te­ca che ha vi­sto bal­la­re in­te­re ge­ne­ra­zio­ni. Per me è sem­pre sta­to un luo­go spe­cia­le per­ché ci ho festeggiato i miei di­ciot­to an­ni, ho co­no­sciu­to al­cu­ni dei miei mi­glio­ri ami­ci, pre­so le peg­gio­ri sbor­nie e… fra que­ste mu­ra ho per­si­no be­vu­to in com­pa­gnia di Beyon­cé. Poi è sta­to chiu­so per di­ver­si an­ni e ora so­no fe­li­ce di avergli in qual­che mo­do “ri­da­to vi­ta”. Qual è la tua in­ter­pre­ta­zio­ne sul­la mo­da vin­ta­ge… Il vin­ta­ge è ora più che mai di mo­da, un ritorno di fiam­ma di un pas­sa­to che pro­ba­bil­men­te non mo­ri­rà mai. Il vin­ta­ge è è la ri­cer­ca del­la qua­li­tà, la ri­cer­ca dell’uni­ci­tà e del­la per­so­na­li­tà. Si­gni­fi­ca po­ter af­fer­ma­re che si ha uno sti­le per­so­na­le, che si sce­glie di ve­stir­si se­con­do il pro­prio gu­sto, se­con­do il pro­prio sti­le, che non ci si vuo­le omo­lo­ga­re in mo­do com­ple­to e as­so­lu­to al­la pro­du­zio­ne di mas­sa. E’ ag­giun­ge­re un piz­zi­co di uni­ci­tà ad ogni out­fit con ca­pi o ac­ces­so­ri che han­no sto­rie da rac­con­ta­re. Qual è la “Mis­sion” di Won­der­land? Quel­la di ogni al­tro sto­re: ac­con­ten­ta­re la clien­te­la for­nen­do co­stan­te­men­te pezzi e idee uni­che, ori­gi­na­li e ri­cer­ca­te. Che sia­no vin­ta­ge o con­tem­po­ra­nee.vo­glio che chi ac­qui­sta da me sap­pia che, ovun­que nel mon­do cam­mi­ni, non do­vrà mai di­re “She sto­le my look”. Che ge­ne­re di col­le­zio­ni e ac­ces­so­ri vin­ta­ge pro­po­ne Won­der­land? All’in­ter­no Won­der­land ha tut­to ciò che io ri­ten­go uni­co…pel­la­mi, tes­su­ti, e ma­ni­fat­tu­ra d’al­tri tem­pi rap­pre­sen­ta­no il “mood”prin­ci­pa­le. Si può tro­va­re dal­la va­li­ge­ria Louis Vuit­ton o al­le po­chet­te di Her­mes an­ni ’60, dal por­ta­si­ga­ret­te di Fa­ber­gé ai gran­di brac­cia­li in ba­che­li­te de­gli an­ni ’70, da­gli abi­ti hau­te cou­tu­re di Va­len­ti­no e Bob Mac­kie al­le ca­mi­cie di se­ta mul­ti­co­lo­ri an­ni ’80 di Ver­sa­ce. Con qua­li cri­te­ri i ca­pi ven­go­no di­vi­si? Io cer­co di of­fri­re la scel­ta più am­pia pos­si­bi­le, poi è la clien­te che cer­ca quel­lo che de­si­de­ra. Poi c’è chi sa cer­ca­re e va la­scia­to da so­lo e chi, in­ve­ce, non è ca­pa­ce e pre­fe­ri­sce che gli ven­ga fat­ta una pre-se­le­zio­ne. Io pre­fe­ri­sco fa­re una ri­cer­ca più am­pia.

I ca­pi li se­le­zio­no per­so­nal­men­te da­gli ar­ma­di del­le mie clien­ti o dai miei for­ni­to­ri. Per quan­to ri­guar­da le bor­se ho una per­so­na che, su­pe­ra­ta la mia vi­sio­ne, fa va­lu­ta­zio­ni ed ex­per­ti­se. In ge­ne­re scel­go an­che in ba­se al­la qua­li­tà e al­la re­si­sten­za nel tem­po: il ca­po de­ve es­se­re vi­vo o de­ve po­ter tor­na­re vi­vo. Il fat­to che un ca­po pos­sa di nuo­vo ri­vi­ve­re, ec­co quel­lo che mi in­te­res­sa. Uno dei ca­pi più par­ti­co­la­ri che so­no pas­sa­ti per Won­der­land? Di ca­pi con sto­rie da rac­con­ta­re ne ho avu­ti tan­tis­si­mi, ma quel­lo che mi è ri­ma­sto nel cuo­re è si­cu­ra­men­te un cor­set­to an­ni ’80 fir­ma­to da una del­le mie mu­se Vi­vien­ne We­st­wood, to­tal­men­te stec­ca­to con os­so di ba­le­na e vi­mi­ni e ri­ve­sti­to in geor­get­te di se­ta stam­pa­ta. Il tuo con­cet­to di mo­da La mo­da per me è la cu­rio­si­tà del nuo­vo, la ri­cer­ca dei par­ti­co­la­ri e il con­ti­nuo e mu­te­vo­le cam­bia­men­to che de­ve ri­spec­chia­re co­stan­te­men­te l’evo­lu­zio­ne dei tem­pi.tut­to ciò de­ve es­se­re a mio av­vi­so ac­com­pa­gna­to dal­lo sti­le, per­ché, co­me di­ce­va Co­co Cha­nel: “La mo­da pas­sa, lo sti­le re­sta” e nel­la vi­ta, se vuoi dif­fe­ren­ziar­ti, de­vi ave­re sti­le e ca­rat­te­re, per­ché que­ste co­se ri­man­go­no nel tem­po. Ri­ten­go che la mo­da sia un mez­zo per espri­me­re se stes­si, per di­stin­guer­si ed es­se­re uni­ci. Per me la mo­da è 10% ciò che in­dos­si e 90% co­me lo in­dos­si. Che ti­po di clien­te­la ha Won­der­land? La no­stra clien­te­la è si­cu­ra­men­te mol­to eclet­ti­ca e in­ter­na­zio­na­le e, an­che per que­sto mo­ti­vo, le mie scel­te de­vo­no sod­di­sfa­re il gra­di­men­to di un pub­bli­co sem­pre più va­rio e am­pio. Og­gi il va­lo­re di un ca­po vin­ta­ge non è più da­to so­lo dal mar­chio, qua­li­tà e ma­ni­fat- tu­ra ma dal­le emo­zio­ni che su­sci­ta. Ho se­le­zio­na­to abi­ti per fa­mi­glie rea­li, can­tan­ti, dj e mu­si­ci­sti in­ter­na­zio­na­li, im­pren­di­tri­ci di va­rie par­ti del mon­do e ce­le­bri­tà hol­ly­woo­dia­ne, ma fon­da­men­ta­le per me è che ci sia una for­te per­so­na­li­tà e che sia­no per­so­ne pron­te ad osa­re. Do­po­tut­to, co­me di­ce il gran­de La­ger­feld, “la mo­da è so­lo un gio­co che va pre­so mol­to sul se­rio”. Won­der­land Ca­pri non è so­lo Vin­ta­ge ma an­che al­tro… Il Vin­ta­ge ri­ma­ne uno dei no­stri pun­ti di for­za, non c’è dub­bio, ma da sem­pre il no­stro con­cept è sta­to quel­lo di mi­xar­lo con nuo­vi de­si­gner. Ab­bia­mo tan­ti ta­len­ti da ogni par­te del mon­do ma an­che mol­ti ta­len­ti ita­lia­ni non­ché ca­pre­si. Non aven­do pro­ble­mi di spa­zio, pos­sia­mo da­re la giusta vi­si­bi­li­tà a nuo­vi sti­li­sti, ai gran­di clas­si­ci e a quel­la che è la no­stra idea di mo­da. Il bel­lo di Won­der­land è che, tra i pezzi uni­ci del vin­ta­ge e le nuove crea­zio­ni di gio­va­ni ta­len­ti, ogni set­ti­ma­na c’è sem­pre qual­co­sa di nuo­vo da tro­va­re. Il “lus­so” per Ales­san­dro Ruoc­co Il lus­so è emo­zio­ne. È la sen­sa­zio­ne che si pro­va do­po aver vis­su­to una qual­sia­si espe­rien­za uni­ca. Può es­se­re da­ta da una scar­pa, da un gio­iel­lo, un abi­to o un even­to ma de­ve sem­pre far­ti sen­ti­re uni­co e spe­cia­le. Pro­get­ti fu­tu­ri? Vi­vo al­la gior­na­ta e odio pia­ni­fi­ca­re. Non mi pre­clu­do nul­la. Per quan­to ri­guar­da il la­vo­ro so­no mol­to istin­ti­vo e mi but­to a ca­po­fit­to in ogni pro­get­to in cui cre­do. Qual è il tuo mot­to? Vi­ve­re con pas­sio­ne qual­sia­si co­sa si fac­cia. www.won­der­lan­d­ca­pri.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.