L’ar­te si tra­sfor­ma in de­si­gn

Quan­do un ar­ti­sta si oc­cu­pa di de­si­gn i ri­sul­ta­ti non pos­so­no che es­se­re ecla­tan­ti

Top Yacht Design - - Contents -

Achil­le Sal­va­gni è un ar­ti­sta pre­sta­to al de­si­gn. Ba­sta­no po­chi mi­nu­ti di chiac­chie­re con lui per ren­der­se­ne con­to e per ca­pi­re co­me mai i suoi am­bien­ti ri­scuo­ta­no tan­to suc­ces­so nel mon­do del­lo ya­ch­ting, e non so­lo in quel­lo. Ro­ma­no, ar­chi­tet­to, Sal­va­gni è un aman­te del bel­lo tout court, un gran­de ap­pas­sio­na­to di sto­ria e un fi­ne cul­to­re del mon­do del de­si­gn, dei per­so­nag­gi che lo han­no re­so gran­de e del­la sua evo­lu­zio­ne.

Man­tie­ne, più per ca­rat­te­re che per cal­co­lo, un pro­fi­lo schi­vo. Cio­no­no­stan­te è di­ven­ta­to, nel gi­ro di po­chi an­ni, uno dei go-to na­me del­lo ya­ch­ting mon­dia­le. Me­ri­to si­cu­ra­men­te del­le sue in­na­te do­ti ar­ti­sti­che e del­la sua in­ter­pre­ta­zio­ne del de­si­gn che, per lui, è qual­co­sa che la­scia un mes­sag­gio in­de­le­bi­le nell’og­get­to e con­di­zio­na l’esi­sten­za del­le per­so­ne. «L’espres­sio­ne ar­ti­sti­ca si può non cu­ra­re del­la rea­zio­ne che su­sci­ta nell’os­ser­va­to­re, men­tre quel­la tec­ni­ca si de­ve cu­ra­re so­lo del­la fun­zio­ne e può pre­scin­de­re dall’este­ti­ca. In­ve­ce il de­si­gn de­ve te­ner con­to di en­tram­be le co­se, con­di­zio­na sia l’uti­liz­zo sia il pia­ce­re dei sen­si e im­pat­ta sen­si­bil­men­te nel no­stro ani­mo e nel­la qua­li­tà del­la no­stra vi­ta. Una bel­la re­spon­sa­bi­li­tà!», spie­ga.

Il se­gre­to di Achil­le Sal­va­gni è pro­prio in que­sta re­spon­sa­bi­li­tà che lui sen­te di ave­re nei con­fron­ti di chi vi­vrà le sue crea­zio­ni e nel suo ap­proc­cio al­la sto­ria. Gli in­ter­ni, per lui, so­no ve­ri e pro­pri ri­trat­ti di chi li abi­ta fil­tra­ti at­tra­ver­so le sue vi­sio­ni dell’ar­te e del de­si­gn e ba­sa­ti su un prin­ci­pio

di iden­ti­tà più che di sti­le. E le sue vi­sio­ni di ar­te e de­si­gn non so­no quel­le che van­no per la mag­gio­re in que­sto mo­men­to e che pre­ve­do­no l’ac­co­sta­men­to più o me­no gra­de­vo­le di ele­men­ti di in­te­rior de­si­gn pro­dot­ti dal­le gran­di mar­che. Lui i mo­bi­li, gli ar­re­di e i com­ple­men­ti non li sce­glie, li crea. «Quan­do ho co­min­cia­to ad ave­re clien­ti che chie­de­va­no pro­get­ti au­to­re­vo­li ho cer­ca­to di ca­pi­re co­me ope­ras­se­ro i gran­di de­si­gner ame­ri­ca­ni e ho in­tui­to co­me il lo­ro se­gre­to fos­se il cir­con­dar­si di og­get­ti uni­ci. Per i lo­ro pro­get­ti non at­tin­ge­va­no al mer­ca­to dell’in­du­strial de­si­gn, ma si ri­vol­ge­va­no ad ar­ti­sti per crea­re espe­rien­ze uni­che», spie­ga Sal­va­gni. «Ed è sta­to lì che ho sco­per­to quan­to mi di­ver­ti­va e mi gra­ti­fi­ca­va crea­re ele­men­ti ad hoc che, inol­tre, pia­ce­va­no al clien­te più di quel­li pro­po­sti dal mon­do dell’in­du­strial de­si­gn», con­clu­de.

Sul­le crea­zio­ni di Achil­le Sal­va­gni si po­treb­be scri­ve­re un in­te­ro li­bro da tan­to so­no col­te, af­fa­sci­nan­ti e uni­che. Ma la lo­ro bel­lez­za è tal­men­te in­trin­se­ca da col­pi­re an­che l’im­ma­gi­na­rio di chi non ha al­cu­na cul­tu­ra in ma­te­ria di de­si­gn o di ar­te ed è per que­sto che piac­cio­no a un pub­bli­co ete­ro­ge­neo for­ma­to dai gran­di no­mi dell’ar­te e del­la fi­nan­za co­sì co­me dai pro­prie­ta­ri di gran­di me­ga­ya­cht o di ya­cht di se­rie. Me­ri­to dei mil­le ri­chia­mi cul­tu­ra­li che tra­smet­to­no sen­za mai da­re la pos­si­bi­li­tà di af­fer­rar­ne qual­cu­no. «Que­sto è uno dei gio­chi che pre­fe­ri­sco», spie­ga, «co­di­fi­ca­re un am­bien­te in ba­se a ciò che è e al luo­go in cui si

tro­va, ma in­se­rir­ci an­che ri­chia­mi di­ver­si che, a se­con­da del­le oc­ca­sio­ni, pos­so­no spa­zia­re dal de­si­gn ita­lia­no de­gli An­ni 40 o 50 a quel­lo scan­di­na­vo, pas­san­do per ci­ta­zio­ni co­lo­nia­li o re­mi­ni­scen­ze del Rinascimento o del Me­dioe­vo.», rac­con­ta Achil­le Sal­va­gni, «Que­sto mi dà mo­do di crea­re am­bien­ti estre­ma­men­te in­ti­mi e co­sì ric­chi di flair e mor­bi­dez­za da sem­bra­re il frut­to del­la ma­tu­ri­tà del com­mit­ten­te e del­la sua sto­ria».

Al­tro ele­men­to fon­da­men­ta­le del­le ope­re di Sal­va­gni so­no le pa­ti­ne, le fi­ni­tu­re e le la­vo­ra­zio­ni an­ti­che che, ol­tre a tra­sfor­mar­le in og­get­ti itn­ri­gan­ti e af­fa­sci­nan­ti le ren­do­no an­che uni­che. «Con il tem­po, e in mo­do as­so­lu­ta­men­te ca­sua­le, ho in­ter­cet­ta­to una se­rie di ar­ti­gia­ni ro­ma­ni vo­ta­ti da ge­ne­ra­zio­ni al re­stau­ro di pa­laz­zi no­bi­lia­ri, pez­zi an­ti­chi e ma­nu­ten­zio­ni del Qui­ri­na­le o del Va­ti­ca­no.

Que­sta co­sa mi ha fat­to ri­flet­te­re e ho pen­sa­to che fos­se­ro un va­lo­re da ri­sco­pri­re. So­no an­da­to a ve­de­re quel­lo che sa­pe­va­no fa­re e poi ho crea­to de­gli og­get­ti in­tor­no al­la lo­ro ca­pa­ci­tà», spie­ga l’ar­chi­tet­to ro­ma­no. «Le pa­ti­ne dei miei bron­zi e dei miei le­gni, le gom­ma­lac­che e le do­ra­tu­re so­no le stes­se che si usa­no per re­stau­ra­re un mo­bi­le del 700 e so­no fat­te co­me si fa­ce­va­no al­lo­ra. So­no sa­pien­ze an­ti­che che ho ri­sco­per­to e mes­so al cen­tro del­la mia ar­te in ma­nie­ra con­tem­po­ra­nea», con­clu­de. Que­ste stes­se la­vo­ra­zio­ni so­no usa­te da Sal­va­gni an­che per le sue ope­re in edi­zio­ne li­mi­ta­ta che espo­ne nel suo ate­lier Lon­di­ne­se di May­fair

o da Mai­son Ge­rard a New Yark e che lo han­no con­sa­cra­to nell’Olim­po dei de­si­gner del ter­zo mil­len­nio, tan­to che i suoi pez­zi so­no bat­tu­ti nel­le più pre­sti­gio­se ca­se d’asta mon­dia­li e rag­giun­go­no or­mai quo­ta­zio­ni stel­la­ri.

Re­cen­te­men­te il no­me di Sal­va­gni è sta­to as­so­cia­to a quel­lo di mol­ti me­ga­ya­cht ma, an­che se po­chi lo san­no, la sua car­rie­ra nel­lo ya­ch­ting par­te da lon­ta­no. Nel 2011 Sal­va­gni è poi en­tra­to nel mon­do dei me­ga­ya­cht dal­la por­ta prin­ci­pa­le di­se­gnan­do gli in­ter­ni di Nump­tia, un 70 me­tri di Ros­si­na­vi con ester­ni di Tom­ma­so Spa­do­li­ni. Uno sca­fo che, a mo­do suo, ha se­gna­to la sto­ria dei me­ga­ya­cht moderni. Poi, sem­pre con Ros­si­na­vi, è sta­ta la vol­ta di Au­ro­ra ed En­dea­vour II, ri­spet­ti­va­men­te un 49 e un 50 me­tri con ester­ni di Ful­vio de Si­mo­ni e En­ri­co Gob­bi.

Og­gi Sal­va­gni fir­ma an­che gli in­ter­ni del­la li­nea Gran­de di Azi­mut che ha de­ci­so di in­ve­sti­re pro­prio nell’ar­ti­de­si­gner ro­ma­no per ri­lan­cia­re non tan­to una gam­ma, ma l’idea stes­sa di bar­ca di se­rie. Po­chi lo san­no, ma Sal­va­gni ha fir­ma­to an­che gli in­ter­ni per due Pe­ri­ni Na­vi mai co­strui­ti. Ed è un pec­ca­to, per­ché il mon­do del­la ve­la avreb­be dav­ve­ro bi­so­gno del suo ge­nio crea­ti­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.