Cam­mi­na­re è un canto al­to

MAS­SI­MO CLE­MEN­TI

Trekking & Outdoor - - Sommario -

A cu­ra di Mas­si­mo Cle­men­ti

Il tut­to mi è ap­par­so fa­mi­lia­re, af­fi­ne a quel­la “fi­lo­so­fia del cam­mi­na­re” che è ele­men­to ca­rat­te­riz­zan­te del DNA del­la no­stra te­sta­ta; ho avu­to co­sì l’op­por­tu­ni­tà di leg­ge­re “Cam­mi­nan­do” (edi­to da Lu­bri­na) e di ave­re un’in­te­res­san­te scam­bio di opi­nio­ni ed im­pres­sio­ni con il suo au­to­re, Da­vi­de Sa­pien­za. Nel cor­so del­la sua car­rie­ra l’au­to­re si è oc­cu­pa­to di mol­te te­ma­ti­che, tra le qua­li gran­de im­por­tan­za ha ri­co­per­to la mu­si­ca, che pro­ba­bil­men­te gli ha per­mes­so di ave­re un ap­proc­cio al mon­do del­la na­tu­ra di­ver­so, idean­do uno sti­le nar­ra­ti­vo nuo­vo, che ha fat­to di “Cam­mi­nan­do” un ma­ni­fe­sto let­te­ra­rio.

M.C Nel li­bro “Cam­mi­nan­do” par­li del­la tua gio­ven­tù a Mon­za, del­le tue espe­rien­ze co­me gior­na­li­sta e scrit­to­re mu­si­ca­le, qual è sta­ta la svol­ta? C’è sta­to un mo­men­to o un even­to par­ti­co­la­re che ha fat­to “ral­len­ta­re il pas­so” del­la tua vi­ta por­tan­do­ti ad ap­pro­fon­di­re il le­ga­me con la na­tu­ra?

D.S Na­sce­re e cre­sce­re in una cit­ta­di­na “pic­co­la” (an­che nel­la men­ta­li­tà) co­me Mon­za non è sta­to un van­tag­gio, in rap­por­to al­le te­ma­ti­che che mi han­no sem­pre af­fa­sci­na­to. Ma a Mon­za ho vis­su­to sem­pre vi­ci­no al Par­co, che è tra i più gran­di in Eu­ro­pa, di quel­li ur­ba­ni e cin­ta­ti: un am­bien­te che ha avu­to una gran­de in­fluen­za sul mio mo­do di vi­ve­re lo spa­zio fi­si­co. Poi sin da pic­co­lo, gra­zie ai miei ge­ni­to­ri, le espres­sio­ni ar­ti­sti­che han­no sem­pre avu­to una pre­sen­za fon­da­men­ta­le - mu­si­ca, ar­te, let­te­ra­tu­ra, viag­gi, cul­tu­ra, lo sport pra­ti­ca­to (mio pa­dre era un pe­dia­tra e cre­de­va mol­to nell’at­ti­vi­tà sportiva in quan­to por­ta­tri­ce di va­lo­ri) e so­prat­tut­to, li­ber­tà di pen­sie­ro. Per qual­che ra­gio­ne la let­tu­ra e la scrit­tu­ra han­no sem­pre eser­ci­ta­to un gros­so fa­sci­no su di me, ma è sta­ta la mu­si­ca (an­che con lo stu­dio pri­va­to del pia­no­for­te tra le scuo­le ele­men­ta­ri e le scuo­le me­die) a cat­tu­rar­mi pro­fon­da­men­te. Con la let­tu­ra e lo sport mi ha se­gna­to dav­ve­ro tan­tis­si­mo. Po­trei di­re che per me è tut­ta mu­si­ca, in­clu­sa la scrit­tu­ra. Ma da ra­gaz­zo in­ve­ce di “ral­len­ta­re il pas­so” io lo ac­ce­le­ra­vo, ero in­gor­do di vi­ta, di sa­pe­re, di sco­pri­re, di esplo­ra­re, di viag­gia­re. E ogni vol­ta, gli spa­zi na­tu­ra­li ave­va­no un ef­fet­to di­rom­pen­te su di me e gli ap­pun­ti che pren­de­vo, le co­se che scri­ve­vo per me stes­so. Con la na­tu­ra il le­ga­me c’è sem­pre sta­to: in que­sto sen­so i ge­ni­to­ri, la scuo­la e chi ti edu­ca (pen­so al­lo sport) han­no un ruo­lo fon­da­men­ta­le e non ne­go­zia­bi­le. Cre­do sia sta­to na­tu­ra­le a 27 an­ni, do­po an­ni in­ten­si di fre­quen­ta­zio­ne di Mi­la­no e dei luo­ghi che in Eu­ro­pa mi ave­va­no più af­fa­sci­na­to, la­scia­re Mon­za e an­da­re a vi­ve­re in mon­ta­gna, sot­to la Pre­so­la­na.

M.C In al­cu­ni pas­si di “Cam­mi­nan­do” il fo­cus del­la nar­ra­zio­ne sem­bra es­se­re in­cen­tra­to sul­le rea­zio­ni che l’am­bien­te cir­co­stan­te, vis­su­to con l’ap­proc­cio len­to ed at­ten­to del cam­mi­na­to­re, pro­vo­ca sul tuo ani­mo. Qua­si fos­se un dia­rio emo­ti­vo nel qua­le so­no ap­pun­ta­ti i mu­ta­men­ti che la na­tu­ra e l’am­bien­te pro­vo­ca­no sul­la co­scien­za e sul­le per­ce­zio­ni uma­ne. Ti sei con­cen­tra­to su que­ste in­te­ra­zio­ni op­pu­re è sta­ta una scrit­tu­ra istin­ti­va?

D.S Cam­mi­nan­do chiu­de il “viag­gio let­te­ra­rio” ini­zia­to con I Dia­ri di Ru­b­ha Hu­ni­sh nel 2004 (il li­bro fu scrit­to tra il 1997 e il 2002). Quel li­bro è un po’ il mio ma­ni­fe­sto let­te­ra­rio, pro­po­ne(va) an­go­la­zio­ni po­co esplo­ra­te o ine­di­te sul con­cet­to di viag­gio, in sen­so geo­gra­fi­co e cul­tu­ra­le, ma an­che esplo­ra­ti­vo e pro­fon­do - spi­ri­tua­le. Il ter­ri­to­rio è pro­ta­go­ni­sta vi­vo e dia­lo­ga con chi viag­gia, che so­no io ma non so­lo io, di­rei più la par­te in­con­scia di me che cer­ca un le­ga­me con “l’uo­mo uni­co” nel cam­mi­no uma­no den­tro il tem­po. Nell’in­ci­pit scri­ve­vo, “vo­glio ve­de­re la schiu­ma del ma­re co­me se fos­se l’at­ti­mo del­la crea­zio­ne” e que­sto per­ché ho la sen­sa­zio­ne che non con­ta chi ha vi­sto un luo­go pri­ma di te, ma il fat­to che quel luo­go non ti ha mai vi­sto. Dun­que tra il “ge­nius lo­ci” e te na­sce una con­ver­sa­zio­ne, per dir­la al­la Bar­ry Lo­pez, fon­da­men­ta­le per sin­to­niz­za­re be­ne la no­stra vo­ce con quel­la del ter­ri­to­rio geo­gra­fi­co in quan­to espres­sio­ne di qual­co­sa che sfug­ge a ogni de­fi­ni­zio­ne ma che è net­ta­men­te per­ce­pi­to da chiun­que ami muo­ver­si, viag­gia­re, cam­mi­na­re, esplo­ra­re, os­ser­va­re e vi­ve­re la na­tu­ra. Quan­do ho scrit­to “I Dia­ri” ave­vo in men­te que­sto. “Cam­mi­nan­do” ri­pren­de una strut­tu­ra nar­ra­ti­va in­ven­ta­ta da me, die­ci e più an­ni do­po, con in­ten­zio­ne: era tem­po di chiu­de­re un cer­chio, di tor­na­re al­la par­ten­za. Per ca­pi­re co­sa sa­rà do­ma­ni. co­per­tu­ra” il di­rit­to al­la sa­lu­te.. per l’ap­pun­to dell’uo­mo. Qua­le idea sta die­tro a que­sto nuo­vo prin­ci­pio? È un cam­bia­men­to pos­si­bi­le?

OGNI TAN­TO CA­PI­TA DI LEG­GE­RE UNA FRA­SE IN GRA­DO DI CA­LA­MI­TA­RE L’AT­TEN­ZIO­NE, DI EMER­GE­RE DAL­LA GRAN­DE NU­BE D’IN­FOR­MA­ZIO­NI CHE CIR­CO­LA­NO OGNI GIOR­NO, PA­RO­LE IN GRA­DO DI EVO­CA­RE NEL LET­TO­RE UN PEN­SIE­RO PRO­FON­DO, DI FAR PER­CE­PI­RE UN’IM­ME­DIA­TA EM­PA­TIA CON IL LO­RO AU­TO­RE. ED È PRO­PRIO CIÒ CHE È AC­CA­DU­TO QUAN­DO IL MIO OC­CHIO SI È IM­BAT­TU­TO IN QUE­STI CON­CET­TI: “LA RI­VO­LU­ZIO­NE IN DUE PAS­SI” E “DUE PAS­SI, SER­VO­NO PER ES­SE­RE LI­BE­RI. IL PRI­MO E IL SE­CON­DO”.

D.S Se il cam­bia­men­to sa­rà pos­si­bi­le non lo so: ma so che que­sto cam­bia­men­to av­vie­ne ogni gior­no in tan­tis­si­mi es­se­ri uma­ni. Esi­ste una “quo­ta” di con­sa­pe­vo­lez­za che si sta al­zan­do. Per ve­de­re e in­con­tra­re que­ste per­so­ne bi­so­gna ora guar­da­re da un’al­tra par­te, cam­bia­re pa­ra­dig­ma, ab­ban­do­na­re con­cet­ti ob­so­le­ti e dan­no­si per la vi­ta del­la Co­mu­ni­tà del­la Ter­ra, che in­clu­de an­che noi es­se­ri uma­ni. Il con­cet­to di “di­rit­ti del­la na­tu­ra” è sem­pli­ce: sen­za di es­si non pos­so­no esi­ste­re ve­ra­men­te i di­rit­ti uma­ni e que­sto per la sem­pli­ce ra­gio­ne che noi es­se­ri uma­ni di­pen­dia­mo dal­la na­tu­ra. Se un so­fi­smo giu­ri­di­co con­sen­te al­le mul­ti­na­zio­na­li di de­ci­de­re che l’ac­qua non è un di­rit­to fon­da­men­ta­le al­la vi­ta, ri­cor­do ai CEO di quel­le mul­ti­na­zio­na­li che non sa­rà con il po­te­re e il con­trol­lo che po­tran­no, a lun­go ter­mi­ne, ave­re sem­pre e co­mun­que ac­ces­so all’ac­qua a spe­se del­la mag­gio­ran­za dell’uma­ni­tà e de­gli al­tri es­se­ri vi­ven­ti del pia­ne­ta. É il prin­ci­pio più an­ti­co del mon­do che l’uo­mo un tem­po ap­pli­ca­va per ne­ces­si­tà com­pren­den­do di non po­ter sac­cheg­gia­re li­be­ra­men­te le ri­sor­se na­tu­ra­li. É per que­sto che sa­reb­be fon­da­men­ta­le ini­zia­re ad ave­re una rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà po­li­ti­ca in gra­do di ab­ban­do­na­re lo sche­ma del­lo struz­zo e al­za­re lo sguar­do, ave­re vi­sio­ni lon­ta­ne, non ave­re pau­ra e ri­met­ter­si in cam­mi­no nel­la di­re­zio­ne giu­sta.

M.C Nei tuoi scrit­ti hai af­fron­ta­to il te­ma “del di­rit­to del­la na­tu­ra”, con­cet­to che im­pli­ca un pro­fon­do stra­vol­gi­men­to nell’am­bi­to del­la fi­lo­so­fia del di­rit­to nel­la qua­le, da sem­pre, è l’uo­mo l’uni­co ve­ro sog­get­to me­ri­te­vo­le di tu­te­la. Ba­sti pen­sa­re che lo stes­so di­rit­to am­bien­ta­le ve­de qua­le prin­ci­pio co­sti­tu­zio­na­le “di

M.C Nel­la se­con­da par­te di “Cam­mi­nan­do” nar­ri di un’espe­rien­za ur­ba­na di­ver­sa, in una Mi­la­no at­tra­ver­sa­ta a pie­di, che ti ha per­mes­so di ri­sco­prir­ne aspet­ti ine­di­ti, di os­ser­va­re la me­tro­po­li sot­to un’al­tra lu­ce, più a di­men­sio­ne d’uo­mo. Da tem­po la no­stra te­sta­ta si bat­te per uno svi­lup­po ur­ba­no che sia a mi­su­ra d’uo­mo, con­vin­ti che una cit­tà ac­co­glien­te per l’in­di­vi­duo pos­sa mi­ti­ga­re il di­sa­gio so­cia­le. Co­sa pen­si del rap­por­to tra cit­tà, uo­mo e cam­mi­no? D.S La par­te II di Cam­mi­nan­do rac­co­glie una se­rie di sag­gi e re­por­ta­ge de­di­ca­ti al cam­mi­na­re e l’ho in­ti­to­la­ta “Cam­mi­na­re è un Canto Al­to” co­me il re­por­ta­ge omo­ni­mo usci­to sul Cor­rie­re del­la Se­ra di Ber­ga­mo a fi­ne 2013 per­ché vo­le­vo far ca­pi­re che la se­zio­ne “sag­gi­sti­ca” del vo­lu­me do­ve­va co­mun­que con­te­ne­re un’aspi­ra­zio­ne a qual­co­sa di “al­to”. Il rac­con­to del trek­king ur­ba­no che fe­ci con Fran­co Mi­chie­li nel 2006 è na­to per pro­va­re a di­mo­stra­re pri­ma di tut­to a me stes­so che po­te­vo tro­va­re an­che in cit­tà – una cit­tà che amo, aven­do­la fre­quen­ta­ta mol­to – quel­la con­ver­sa­zio­ne che a me vie­ne più fa­ci­le in mon­ta­gna, nei gran­di spa­zi aper­ti, nel­le cam­pa­gne, nel­le ter­re so­li­ta­rie del gran­de nord. Non a ca­so ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni si sen­te sem­pre più par­la­re di que­sto riav­vi­ci­na­men­to in­tel­let­tua­le al­la di­men­sio­ne a mi­su­ra d’uo­mo den­tro la cit­tà. E an­che in que­sto cre­do che oc­cor­re es­se­re ot­ti­mi­sti. Sia­mo pas­sa­ti dal­la ne­ga­zio­ne del cam­mi­na­re di stam­po au­to­ri­ta­rio (il G8 di Ge­no­va), all’idea che la cit­tà può dav­ve­ro es­se­re luo­go di re­spi­ro e que­sto non po­trà che far­ci be­ne: ma dob­bia­mo es­se­re noi a cam­mi­na­re, “isti­gan­do” le isti­tu­zio­ni a pren­der­si ca­ri­co di sal­va­guar­da­re e pro­muo­ve­re gli spa­zi in cui gli es­se­ri uma­ni pos­so­no es­se­re “de-mo­to­riz­za­ti” per ri­pren­de­re una di­men­sio­ne più uma­na e na­tu­ra­le.

M.C Il cam­mi­na­re è pro­ba­bil­men­te l’uni­ca ve­ra stra­da per vi­ve­re i luo­ghi che si at­tra­ver­sa­no, la len­tez­za è uno di quei va­lo­ri da ri­sco­pri­re, sia co­me mo­del­lo cul­tu­ra­le che co­me sti­le di vi­ta. Ora vi­vi in mon­ta­gna, lon­ta­no dal caos del­la cit­tà, que­sta tua scel­ta di vi­ta de­ri­va da una ne­ces­si­tà di riap­pro­priar­ti dei tuoi rit­mi?

D.S Nel cor­so dei ven­ti­cin­que an­ni che ho tra­scor­so qui in mon­ta­gna, ho ca­pi­to che al­di­là del­le mo­ti­va­zio­ni “in­tel­let­tua­li” di que­sta scel­ta, quel­la al­la ba­se di tut­to era mol­to sem­pli­ce: vo­le­vo sem­pli­ce­men­te sve­gliar­mi e ve­de­re il cie­lo, sen­ti­re gli odo­ri de­gli al­be­ri por­ta­ti dal­la brez­za, os­ser­va­re la “gran­de mon­ta­gna” che per me è la Pre­so­la­na, una pre­sen­za che mi dà si­cu­rez­za. Os­ser­van­do “la mon­ta­gna” so che nel suo ven­tre scor­re l’ac­qua che be­vo, os­ser­van­do la li­nea del­la ve­ge­ta­zio­ne, so do­ve muo­vo i miei pas­si quan­do vo­glio sta­re a con- ver­sa­re con il si­len­zio “al­to”, os­ser­van­do tut­to quel­lo che ho in­tor­no im­ma­gi­no per­cor­si, che per me so­no me­ta­fo­re di co­me af­fron­ta­re la vi­ta. Mi pia­ce sa­pe­re di es­se­re “pe­ri­fe­ri­co” per­ché è dal­le zo­ne “pe­ri­fe­ri­che” che ven­go­no, den­tro e fuo­ri di noi, le ve­re vi­sio­ni nuo­ve. Per que­sta ra­gio­ne de­vo di­re che non riu­sci­rei mai a tor­na­re in­die­tro. Vor­rei pro­va­re a vi­ve­re in zo­ne più a nord, ad esem­pio la zo­na boreale ha un ef­fet­to cal­man­te enor­me su di me. Quan­do ci vado vor­rei fer­mar­mi lì e di­ven­ta­re quell’im­men­si­tà. Con la cit­tà ho fat­to la pa­ce e mi pia­ce an­dar­ci, mi tro­vo be­ne, per qual­che ora...

M.C Nei tuoi scrit­ti rap­pre­sen­ti la so­cie­tà con­tem­po­ra­nea co­me un gran­de mec­ca­ni­smo che ha tra­sfor­ma­to l’uo­mo in un in­gra­nag­gio im­per­so­na­le e di­stac­ca­to. Ri­tie­ni che un riav­vi­ci­na­men­to al­la na­tu­ra, al­la ter­ra, at­tra­ver­so un ri­po­po­la­men­to di mon­ta­gne, bor­ghi, cam­pa­gne pos­sa con­tri­bui­re a bloc­ca­re que­sto pro­ces­so? E pos­sa aiu­ta­re la so­cie­tà a riap­pro­priar­si del­la pro­pria iden­ti­tà?

D.S Io cre­do che l’uo­mo non sia na­to per es­se­re un me­ro in­gra­nag­gio di una mac­chi­na pro­dut­ti­va, ma gli ul­ti­mi due se­co­li so­no an­da­ti in que­sta di­re­zio­ne. Dob­bia­mo cer­ca­re un mo­do di ri­tro­va­re il ruo­lo dell’in­di­vi­duo te­nen­do an­che con­to del fat­to che ora sia­mo set­te mi­liar­di di es­se­ri uma­ni su un pia­ne­ta so­vraf­fol­la­to.

Il la­vo­ro da fa­re è prin­ci­pal­men­te spi­ri­tua­le e cul­tu­ra­le, due aspet­ti che pos­so­no es­se­re la le­va per cam­bia­re pa­ra­dig­ma e ve­de­re il mon­do con oc­chi nuo­vi. Ov­via­men­te, è evi­den­te che non sa­rà pos­si­bi­le far­lo a me­no di non ren­der­si con­to che sia­mo par­te del­la na­tu­ra, non pa­dro­ni. Le eco­no­mie lo­ca­li, pic­co­le, po­treb­be­ro di­ven­ta­re una re­te. Nel si­len­zio fra­go­ro­so dei me­dia, che se ne oc­cu­pa­no so­lo sal­tua­ria­men­te, qual­co­sa sta ac­ca­den­do ed è mol­to in­te­res­san­te. La de­cre­sci­ta non si­gni­fi­ca an­da­re ver­so la po­ver­tà, ma sem­pli­ce­men­te ca­pi­re che è inac­cet­ta­bi­le es­se­re chia­ma­ti “con­su­ma­to­ri”. Pre­fe­ri­sco es­se­re chia­ma­to “la­dro”, è la stes­sa co­sa. Co­sa si­gni­fi­ca “con­su­ma­re” se non di­strug­ge­re ri­sor­se non rin­no­va­bi­li? In que­sto sen­so la “green eco­no­my” sta per­den­do del­le oc­ca­sio­ni per­ché ha usato co­me pa­ra­dig­ma lo stes­so di sem­pre: il pro­fit­to fi­ne a se stes­so. Cam­bia lo slo­gan, ma re­sta il con­te­nu­to. So­no fa­vo­re­vo­le – per fa­re un esem­pio – al­le bio­mas­se. Ma se per far fun­zio­na­re una cen­tra­li­na nel mio pae­si­no pren­di la le­gna in Ro­ma­nia, ov­via­men­te non è “green eco­no­my” ma fol­lia ispi­ra­ta al so­lo con­cet­to del pro­fit­to.

M.C In “Cam­mi­na­re. La ri­vo­lu­zio­ne in due pas­si” scri­vi “Cam­mi­na­re mi ren­de mem­bro del­la Co­mu­ni­tà Ter­ra”. In un’epo­ca in cui gli idea­li so­cia­li, ideo­lo­gi­ci e re­li­gio­si stan­no fram­men­tan­do la so­cie­tà e in cui de­cen­ni di di­sprez­zo per il ter­ri­to­rio han­no por­ta­to a ca­ta­stro­fi “na­tu­ra­li”, la ri­vo­lu­zio­ne di cui par­li, può aspi­ra­re a ri­sol­ve­re al­cu­ni di que­sti pro­ble­mi ri­crean­do un’idea di “co­mu­ni­tà ter­ra”?

D.S Ne so­no mol­to con­vin­to per­ché in­con­tra­re per­so­ne che vi­vo­no que­ste per­ce­zio­ni e que­sti idea­li mi ca­pi­ta sem­pre più di fre­quen­te. Ma non so­lo al­le mie cam­mi­na­te let­te­ra­rie e agli in­con­tri pub­bli­ci, ma so­prat­tut­to “in gi­ro”, cam­mi­nan­do e vi­si­tan­do luo­ghi, si per­ce­pi­sce una gran­de in­sod­di­sfa­zio­ne che cer­ca di es­se­re in­ca­na­la­ta. Non bi­so­gna far­si am­ma­lia­re da fal­si mi­ti. Non esi­sto­no scor­cia­to­ie per ri­met­ter­si sul sen­tie­ro che dob­bia­mo trac­cia­re pun­tan­do al­le stel­le, sol­can­do ogni ge­ne­re di dif­fi­col­tà. Il cam­mi­no uma­no può, e so­prat­tut­to de­ve, con­vi­ve­re con quel­lo de­gli al­tri com­po­nen­ti del­la co­mu­ni­tà del­la Ter­ra che so­no gli al­tri ani­ma­li, gli al­be­ri, i fiu­mi, il ma­re. Tut­to ha un ruo­lo e so­lo l’in­te­ra­zio­ne tra tut­ti noi po­trà se­gna­re il ve­ro pro­gres­so che dob­bia­mo as­so­lu­ta­men­te per­se­gui­re. E far­lo cam­mi­nan­do, a tem­pi na­tu­ra­li, è dav­ve­ro im­por­tan­te: il pen­sie­ro rie­sce a svi­lup­par­si nel mo­do mi­glio­re e quin­di a dar­ci l’op­por­tu­ni­tà di ca­pi­re co­me ri­dur­re al mi­ni­mo il no­stro im­pat­to sul­la co­mu­ni­tà del­la Ter­ra e il be­ne co­mu­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.