Pe­ti­na, per­la de­gli Al­bur­ni

/ FLAVIO PA­GA­NO LUCIANO BURLINI

Trekking & Outdoor - - Sommario -

Ce­le­bre per una squi­si­ta va­rie­tà di fra­go­li­na di bo­sco (al­la qua­le è de­di­ca­ta in giu­gno una vi­va­ce sa­gra), lo è an­che per ca­sta­gne e fun­ghi, pro­dot­ti dai qua­li si trag­go­no i più fan­ta­sio­si de­ri­va­ti, co­me gli spa­ghet­ti al­le fra­go­le o il ge­la­to di fun­ghi por­ci­ni. Ma, so­prat­tut­to, Pe­ti­na è un in­so­spet­ta­bi­le por­ta­le che... vi per­met­te­rà di viag­gia­re nel tem­po. Nell’aria lim­pi­da di que­sto bor­go che risale all’an­no Mil­le, sen­ti­re­te aleg­gia­re il pro­fu­mo del pa­ne cotto a le­gna e del fie­no. Sen­to­ri che ci ri­por­ta­no al­le at­mo­sfe­re e ai rit­mi di un mondo con­ta­di­no che cre­de­va­mo per­du­to, e che in­ve­ce qui, nel­la cor­dia­li­tà del­la gente, im­mer­si in un pae­sag­gio che mo­du­la la bel­lez­za del­la na­tu­ra in tut­te le to­na­li­tà, con­ti­nua

fie­ra­men­te a vi­ve­re, te­sti­mo­ne di un pas­sa­to che si per­de die­tro le quin­te del tem­po. Il ter­ri­to­rio pe­ti­ne­se ap­pa­re so­spe­so fra l’ope­ra dell’uo­mo e un’in­do­mi­ta in­do­le selvaggia, fra roc­ce e pia­no­ri, bo­schi, val­la­te e ru­scel­li. Da lon­ta­no, quan­do la­scia­ta l’au­to­stra­da si ini­zia­no a ri­sa­li­re i tor­nan­ti che nel vol­ge­re di po­chi chi­lo­me­tri con­du­co­no al pae­se, per un ef­fet­to del­la pro­spet­ti­va Pe­ti­na ap­pa­re co­me in­co­ro­na­ta dai mon­ti Al­bur­ni, au­ten­ti­ca cat­te­dra­le di mon­ti dal­le ci­me roc­cio­se, nei cui im­men­si e se­co­la­ri bo­schi – do­ve non è ra­ro sen­ti­re il ver­so dei ra­pa­ci – vi­vo­no vol­pi, tas­si, cin­ghia­li, e ad­di­rit­tu­ra lu­pi, su­pre­mo in­di­ca­to­re del­lo sta­to di sa­lu­te di un am­bien­te na­tu­ra­le. Una volta giun­ti a de­sti­na­zio­ne, si scor­ge­rà da ogni la­to una vi­sta in­can­te­vo­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.