Da Ro­ma agli Usa vo­la low co­st

SO­NO TRE LE ME­TE A STEL­LE E STRI­SCE (NEW YORK, LOS AN­GE­LES E SAN FRAN­CI­SCO) PRO­PO­STE DAL VET­TO­RE

Trend - - DA PRIMA PAGINA -

Una ri­vo­lu­zio­ne, nean­che tan­to soft: dal 9 no­vem­bre in­fat­ti la com­pa­gnia low co­st Norwegian vo­le­rà da Ro­ma Fiu­mi­ci­no ver­so New York e Los An­ge­les e dal 6 feb­bra­io 2018 an­che ver­so San Fran­ci­sco con tratte dai prez­zi de­ci­sa­men­te low co­st. E se le fre­quen­ze set­ti­ma­na­li sa­ran­no 6 per rag­giun­ge­re New York (Newark), 2 per vo­la­re a San Fran­ci­sco e 3 per Los An­ge­les, i col­le­ga­men­ti sa­ran­no ope­ra­ti con due Boeing 787-8 Dream­li­ner con­fi­gu­ra­ti in due clas­si di ser­vi­zio, pre­mium (32 po­sti) ed eco­no­my (259 po­sti), con una pro­po­sta che low co­st non sem­bra per nul­la. Ha spie­ga­to in­fat­ti Bjorn Kjos, ceo del­la com­pa­gnia Norwegian: «Av­via­re i pri­mi vo­li lun­go rag­gio da Ro­ma ver­so le tre gran­di cit­tà Usa è per noi mo­ti­vo di or­go­glio e spe­ria­mo di po­ter an­nun­cia­re pre­sto al­tre no­vi­tà. Pos­so già ad esem­pio di­re che il 2018 ci ve­drà pro­ta­go­ni­sti con nuo­ve ope­ra­zio­ni sull’Ar­gen­ti­na ma il ven­ta­glio del­le pos­si­bi­li­tà è co­sì am­pio, pen­so an­che all’Afri­ca per esem­pio, che ab­bia­mo senz’al­tro an­co­ra mol­to da fa­re. An­che sul pia­no de­gli ac­cor­di com­mer­cia­li con al­tre com­pa­gnie dal­lo stes­so spi­ri­to “a bas­so costo” so­no dav­ve­ro con­vin­to che avreb­be­ro sen­so, sa­reb­be­ro part­ner­ship na­tu­ra­li. Det­to ciò noi nel 2016 ab­bia­mo tra­spor­ta­to 30 mi­lio­ni di pas­seg­ge­ri, un mi­lio­ne dei qua­li in Ita­lia, il 14% in più ri­spet­to all’an­no pre­ce­den­te e ad apri­le 2017 già sfio­ra­va­mo i 2,6 mi­lio­ni pa­ri a un +15% su apri­le 2016. È evi­den­te che a que­sta cre­sci­ta ha con­tri­bui­to senz’al­tro il lan­cio di 39 nuo­ve rot­te nel 1° tri­me­stre del 2017, il con­si­de­re­vo­le in­cre­men­to del traf­fi­co in­ter­con­ti­nen­ta­le ma an­che e so­prat­tut­to il rin­no­va­men­to con­ti­nuo del­la flot­ta, che già pre­ve­de un or­di­ne di 248 nuo­vi ae­ro­mo­bi­li e 152 in op­zio­ne. Un in­ve­sti­men­to che si fon­da su una ba­se co­stan­te: più ae­rei nuo­vi vuol di­re ae­rei più green e più ap­peal per il mer­ca­to».

Bjorn Kjos

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.