... Dia­mo­ci un ta­glio!

Ma so­lo al­le co­se inu­ti­li, che non ser­vo­no a far cre­sce­re l’ in­du­stria del tu­ri­smo. Qua­li so­no? Sco­pri­te­lo nel­la no­stra Fo­toin­chie­sta....

Trend - - DA PRIMA PAGINA - Vi­via­na Vu­ke­lic

Co­me da tra­di­zio­ne, in fie­ra a Ri­mi­ni, ab­bia­mo coin­vol­to gli ad­det­ti ai la­vo­ri nel­la Fo­toin­chie­sta. Par­ten­do da un te­ma at­tua­le più “po­li­ti­co” - cioé la pro­po­sta di ta­glia­re spe­se gra­vo­se ma inu­ti­li del­lo Sta­to, de­sti­nan­do quel­le stes­se ri­sor­se a uti­liz­zi più “no­bi­li” -, ab­bia­mo chie­sto lo­ro qua­le vo­ce dei bud­get ta­glie­reb­be­ro e a qua­le al­tra de­sti­ne­reb­be­ro mag­gio­ri in­ve­sti­men­ti

Ney­da Gar­cia, Di­ret­to­re En­te del Tu­ri­smo del­la Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na in Ita­lia: «Un ta­glio lo da­rei all’ec­ces­si­vo co­sto che è ne­ces­sa­rio per par­te­ci­pa­re ad al­cu­ne fie­re qui in Ita­lia, do­ve in­fat­ti ve­do che tan­ti Pae­si ora­mai non si pre­sen­ta­no nean­che più. Og­gi le fie­re mon­dia­li di ri­fe­ri­men­to per il tu­ri­smo non so­no in Ita­lia e quin­di bi­so­gne­reb­be al­me­no mi­glio­ra­re la qua­li­tà del­le ma­ni­fe­sta­zio­ni. Si po­treb­be ad esem­pio in­ve­sti­re di più nel­la qua­li­tà dei par­te­ci­pan­ti e dei buyer. Ad esem­pio i miei espo­si­to­ri che ar­ri­va­no da lon­ta­no e han­no dei co­sti for­ti si aspet­ta­no di ri­ce­ve­re dei vi­si­ta­to­ri di qua­li­tà per fa­re bu­si­ness in mo­do ve­ro. Co­me Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na dob­bia­mo rin­gra­zia­re il mer­ca­to ita­lia­no in­ve­ce per­ché con­ti­nuia­mo a fa­re nu­me­ri im­por­tan­ti ».

Avi­tal Ko­tzer Ada­ri, Di­ret­to­re En­te del Tu­ri­smo di Israe­le:

«Ne­gli ul­ti­mi an­ni Israe­le ha de­sti­na­to sem­pre più bud­get alla par­te di­gi­tal del­la pro­mo­zio­ne ma non a sca­pi­to del­la pub­bli­ci­tà tra­di­zio­na­le sul­la car­ta, che in Ita­lia re­sta un fat­to­re da non sot­to­va­lu­ta­re. Al­lo stes­so mo­do le fie­re, so­no un ele­men­to che re­sta, per­ché il con­tat­to uma­no che si fa per il con­te­sto ita­lia­no è fon­da­men­ta­le. In­som­ma noi cer­chia­mo di co­pri­re tut­te le aree con il bud­get mo­di­fi­can­do quan­do ser­ve le vo­ci. Que­sto 2018 è sta­to un bel­lis­si­mo an­no per noi ed è il se­con­do an­no che ve­dia­mo un mer­ca­to ita­lia­no in po­si­ti­vo. Per il 2018 ab­bia­mo una cre­sci­ta del +37% e non si fer­ma­no nem­me­no og­gi le ri­chie­ste de­gli ope­ra­to­ri e del­le agen­zie di col­la­bo­ra­re con noi per por­ta­re sem­pre più ita­lia­ni in Israa­le. Non per nul­la ades­so sia­mo ar­ri­va­ti a 86 vo­li di­ret­ti dall’Ita­lia a Israe­le: è un ve­ro nu­me­ro re­cord. Vo­glio poi se­gna­la­re che la ri­cer­ca su Israe­le è au­men­ta­ta del 185% in par­ti­co­la­re du­ran­te i tre gior­ni del Gi­ro d’Ita­lia in Israe­le. In­som­ma an­che il tu­ri­smo spor­ti­vo si con­fer­ma un fo­cus im­por­tan­te per at­ti­ra­re in­te­res­se ver­so le bel­lez­ze israe­lia­ne. Non man­ca­no gli even­ti: nel 2019 ad esem­pio ci sa­rà il 110° com­plean­no di Tel Aviv con tan­tis­si­me ma­ni­fe­sta­zio­ni».

Gior­gio Lot­ti, di­ret­to­re com­mer­cia­le Fu­tu­ra Va­can­ze:

«Pre­met­ten­do che non so be­ne co­me si po­treb­be fa­re, ma se fos­se pos­si­bi­le “ta­glia­re” un fe­no­me­no del no­stro set­to­re, quel­lo che non vor­rei più ve­de­re so­no gli “abu­si­vi”, ov­ve­ro quel­li che or­ga­niz­za­no viag­gi sen­za li­cen­ze e so­prat­tut­to, sen­za le ade­gua­te com­pe­ten­ze. Si trat­ta di un mon­do som­mer­so, ma enor­me e, so­prat­tut­to, mol­to dan­no­so. Par­lan­do di co­se bel­le in­ve­ce, noi di Fu­tu­ra Va­can­ze con­clu­so in mo­do po­si­ti­vo il no­stro an­no e i ri­sul­ta­ti ci la­scia­no si­cu­ra­men­te sod­di­sfat­ti. In par­ti­co­la­re ab­bia­mo ri­ce­vu­to ot­ti­me con­fer­me dai clien­ti dei Fu­tu­ra Club, ai qua­li pia­ce il no­stro for­mat e que­sto non può che far­ci pia­ce­re per­ché vuol di­re che il no­stro si­ste­ma fun­zio­na, a pre­scin­de­re da qua­le sia la de­sti­na­zio­ne. L’obiet­ti­vo per l’av­ve­ni­re di Fu­tu­ra Va­can­ze è ades­so quel­lo di con­so­li­dar­si in pri­ma bat­tu­ta sull’Ita­lia: per que­sto ver­rà aper­to un nuo­vo Fu­tu­ra Club, il Ba­ja Bian­ca, di Ca­po Co­da Cavallo, a San Teo­do­ro in Sar­de­gna, do­ve ver­rà ri­con­fer­ma­to il for­mat Club».

Ema­nue­le Cro­sa e Lo­re­da­na Usa­la di Ma­ri­tim Ho­tels:

«La vo­ce da ta­glia­re se­con­do noi è quel­la re­la­ti­va al­le spe­se

per l’uf­fi­cio. Nel sen­so che og­gi il la­vo­ro non ha più le for­me

clas­si­che di una vol­ta e ave­re un uf­fi­cio per cin­que gior­ni alla

set­ti­ma­na tan­te vol­te com­por­ta una spe­sa su­per­flua, ad esem­pio per noi che sia­mo so­lo in due. Si po­treb­be in al­ter­na­ti­va usa­re uno spa­zio “ter­zo” per fa­re un brie­fing set­ti­ma­na­le e poi or­ga­niz­zar­si per le tra­sfer­te e le vi­si­te ai clien­ti o quel­lo che ser­ve. Nel no­stro ca­so in­fat­ti l’an­da­re in gi­ro sul ter­ri­to­rio è una co­stan­te. Que­sti sol­di co­sì “ri­spar­mia­ti” poi do­ve li met­tia­mo? Ma as­so­lu­ta­men­te in at­ti­vi­tà sul cam­po per far­ci co­no­sce­re sem­pre me­glio e sem­pre di più an­che dal tra­de e da­gli ad­det­ti ai la­vo­ri. E ma­ga­ri an­che in in­ve­sti­men­ti sul­la par­te di­gi­tal per mi­glio­ra­re le aree co­mu­ni­ca­zio­ne e mar­ke­ting ».

Ur­su­la Gan­di­ni Re­spon­sa­bi­le Ita­lia del Tu­ri­smo di Bru­xel­les:

«Co­sa ta­glie­rei nel tu­ri­smo? Si­cu­ra­men­te la bu­ro­cra­zia e lo di­co per­ché in mol­ti ca­si sem­pli­fi­che­reb­be il la­vo­ro di tut­ti. E an­che un po’ tut­ta la par­te

le­ga­ta alla pri­va­cy per­ché og­gi in al­cu­ni ca­si è di­ven­ta­ta dav­ve­ro un po’ esa­spe­ra­ta. Co­sa pro­po­ne Bru­xel­les ai tu­ri­sti ita­lia­ni? Bru­xel­les vuo­le di­ven­ta­re una me­ta per le fa­mi­glie e ha tut­te le car­te in re­go­la per far­lo per­ché è una cit­tà ri­las­san­te. Ov­via­men­te ci vo­glio­no even­ti che pos­sa­no in­te­res­sa­re an­che i più pic­co­li: un esem­pio è il par­co te­ma­ti­co de­di­ca­to ai “Puf­fi”, al­le­sti­to per il 50esi­mo an­ni­ver­sa­rio dal­la na­sci­ta del ce­le­bre fu­met­to. Il fi­ne set­ti­ma­na e i wee­kend lun­ghi so­no al­tri

mo­men­ti adat­ti per vi­si­ta­re Bru­xel­les, cit­tà che ha mol­tis­si­mi luo­ghi d’in­te­res­se a par­ti­re dall’Ato­mium, sim­bo­lo del­la cit­tà co­strui­to per l’Ex­po del 1958. Un al­tro pun­to chia­ve è la Sta­tion Eu­ro­pe per la sto­ria dell’UE ».

En­ri­co Ber­na­sco­ni, di­ret­to­re mar­ke­ting Fer­ro­via Retica:

«L’area nel­la qua­le io og­gi

in­ve­sti­rei è quel­la del di­gi­tal e del­la co­mu­ni­ca­zio­ne via

so­cial. Per­ché stia­mo par­lan­do del ca­na­le di pro­mo­zio­ne che og­gi fun­zio­na me­glio per

ap­proc­ciar­si al mer­ca­to. Do­ve ta­glie­rei al­lo­ra? Non è fa­ci­le per me per­ché noi ab­bia­mo un tar­get il­li­mi­ta­to, cioé pro­po­nia­mo un pro­dot­to che non ha li­mi­ti di co­mu­ni­ca­zio­ne per­ché va be­ne per tut­ti. Pro­prio per que­sto mo­ti­vo de­vo pre­si­dia­re sem­pre tut­ti

i ca­na­li di pro­mo­zio­ne. Ho ri­ce­vu­to ie­ri i da­ti dei pri­mi

no­ve me­si che di­co­no che do­po gli ul­ti­mi due an­ni re­cord fa­re­mo an­che il ter­zo. Cer­to ab­bia­mo avu­to an­che un fat­to­re for­tu­na­to le­ga­to al tem­po: per l’esta­te ma in par­ti­co­la­re per la co­da

dell’esta­te. Ab­bia­mo fat­to a set­tem­bre i nu­me­ri re­cord di sem­pre. Ov­via­men­te la for­tu­na va cer­ca­ta con il gran­de la­vo­ro che fac­cia­mo tut­to l’an­no. Co­me tut­to l’an­no è la ve­ra

sta­gio­na­li­tà del Tre­ni­no Ros­so: se tu vai in in­ver­no o in esta­te pra­ti­ca­men­te fai due ti­pi di va­can­ze di­ver­se. E in­fat­ti pro­prio que­st’an­no ab­bia­mo fat­to un la­vo­ro di mar­ke­ting con le no­stre agen­zie viag­gi per pro­por­re lo­ro di da­re ai lo­ro clien­ti que­sta dop­pia va­len­za. Ed an­che li è sta­to dav­ve­ro un suc­ces­so. Ora c’è la pre­pa­ra­zio­ne per il 2019: che pen­so sa­rà per il Bernina Ex­press so­prat­tut­to un an­no di con­fer­me e di ven­di­te gra­zie al pas­sa­pa­ro­la dei tan­ti che in que­sti tre an­ni ci han­no scel­to. Proveremo poi mol­to a spin­ge­re un al­tro no­stro pro­dot­to, il Gla­cier Ex­press. Che da apri­le avrà la car­roz­za

Ex­cel­len­ce che è un ve­ro trat­ta­men­to a cin­que stel­le su ro­ta­ia».

Ra­vi e Isa­bel Dias Ja­ya­si­n­ha di Ga­teway Tra­vel Col­lec­tion:

«Il di­gi­tal è una co­sa che pren­de sem­pre più spa­zio ma noi co­me pro­dot­to ab­bia­mo ne­ces­si­tà di usa­re an­che ca­na­li tra­di­zio­na­li. Il ca­ta­lo­go pa­ti­na­to ad esem­pio per noi che ven­dia­mo un pro­dot­to

da so­gno co­me le Mal­di­ve re­sta un ele­men­to fon­da­men­ta­le. Ven­de­re be­ne è sem­pre la co­sa più dif­fi­ci­le e an­che se ades­so c’è un po’ la mo­da dei so­cial, la ve­ra sfi­da è ca­pi­re quel­lo che ver­rà do­po per es­se­re in an­ti­ci­po sui tem­pi e quin­di sul­la

con­cor­ren­za. Se­con­do me non si de­ve per­de­re il fo­cus sul bu­si­ness e eli­mi­na­re ne­ces­sa­ria­men­te il vec­chio per il nuo­vo. E ci so­no de­sti­na­zio­ni per le qua­li l’at­to di

an­da­re in agen­zia per pre­no­ta­re re­sta fon­da­men­ta­le, per cui in­ve­sti­re sem­pre sul tra­de e su fam trip de­di­ca­ti a chi ti de­ve poi ven­de­re una de­sti­na­zio­ne re­sta un ele­men­to cru­cia­le ».

Vi­via­na Vu­ke­lic, Di­ret­to­re En­te del Tu­ri­smo Croazia in Ita­lia:

«La co­sa più im­por­tan­te og­gi se­con­do me è po­ter au­men­ta­re la brand aware­ness del­la tua de­sti­na­zio­ne, ol­tre che la vi­si­bi­li­tà del mar­chio che rap­pre­sen­ti. Cer­to og­gi tut­ti ta­glia­no il re­sto del lo­ro bud­get a fa­vo­re del­la par­te di­gi­tal ma non si può nem­me­no esa­ge­ra­re in que­sto sen­so. An­che per­ché ci so­no co­se che non si pos­so­no la­scia­re da par­te. Per quan­to ri­guar­da la Croazia ad esem­pio og­gi sia­mo una de­sti­na­zio­ne

co­no­sciu­ta ma non al­lo stes­so mo­do da tut­te le ge­ne­ra­zio­ni di pub­bli­co. Al­lo­ra per fa­re pre­sa ad esem­pio sui gio­va­ni bi­so­gna sem­pre col­le­ga­re lo sport al tu­ri­smo per­ché si trat­ta di un ab­bi­na­men­to vin­cen­te che per­met­te di fa­re

co­no­sce­re il tuo mar­chio non so­lo nel­le mo­da­li­tà di pro­mo­zio­ne tra­di­zio­na­li. In­som­ma più che ta­glia­re si de­vo­no au­men­ta­re a pre­scin­de­re gli in­ve­sti­men­ti per la pro­mo­zio­ne del brand. Si de­ve met­te­re in evi­den­za il pro­dot­to per far­lo co­no­sce­re sem­pre di più e sem­pre me­glio. An­che sul ter­ri­to­rio e con il con­tat­to di­ret­to con il tra­de. Da­re un’in­for­ma­zio­ne cor­ret­ta e che per­met­ta di ca­pi­re

esat­ta­men­te co­me è il pro­dot­to che si ven­de: que­sta a mio av­vi­so de­ve es­se­re la prio­ri­tà ».

Chia­ra Mo­ran­di, di­ret­to­re di Web­tours:

«Se­con­do me il pri­mo po­sto nel qua­le in­ve­sti­re so­no le per­so­ne. Nel sen­so in par­ti­co­la­re del­le per­so­ne che van­no sul ter­ri­to­rio per rag­giun­ge­re le agen­zie e il tra­de e far co­no­sce­re be­ne e sem­pre me­glio il no­stro pro­dot­to e le no­stre of­fer­te. An­da­re sem­pre di più a tro­va­re i no­stri part­ner com­mer­cia­li per di­mo­strar­gli

que­sta vi­ci­nan­za. Cer­to non si può ta­glia­re og­gi for­se ta­glia­re il di­gi­tal ma io cre­do che il la­to uma­no sia da tu­te­la­re nel no­stro set­to­re. In­ve­ce è sta­ta una buo­na esta­te per noi e per la Gre­cia che si con­fer­ma una de­sti­na­zio­ne che fun­zio­na alla gran­de. Ma quel­lo che noi vo­glia­mo ades­so fa­re so­prat­tut­to è far ca­pi­re al tra­de e al­le adv che il Pae­se si può vi­si­ta­re in tut­te le sta­gio­ni dell’an­no, an­che a Na­ta­le e a Pa­squa. In­fat­ti il nuo­vo ca­ta­lo­go di Web­tours pro­por­rà tut­te que­ste pos­si­bi­li­tà di viag­gio».

Aman­da San­ta­na, vi­ce­pre­si­dent mar­ke­ting di Vi­va Re­sorts:

«Og­gi per le azien­de tu­ri­sti­che la par­te di­gi­ta­le sta di­ven­tan­do sem­pre più im­por­tan­te an­che a li­vel­lo com­mer­cia­le, que­sto è fuo­ri di dub­bio. Ades­so pe­rò bi­so­gna spen­de­re di più an­che per i con­te­nu­ti che poi van­no usa­ti per co­mu­ni­ca­re pro­prio sui mez­zi di­gi­tal e so­cial. Pri­ma quan­do c’era so­lo il ca­ta­lo­go car­ta­ceo non era ne­ces­sa­rio do­ver rin­no­va­re gli stru­men­ti pro­mo­zio­na­li co­sì spes­so. Og­gi in­ve­ce tut­to

in­vec­chia più in fret­ta e quin­di de­vi es­se­re in gra­do di ave­re un bud­get che sia in gra­do di co­pri­re que­ste esi­gen­ze. Par­lan­do poi di Vi­va Re­sorts per noi il 2018 è sta­to alla fi­ne dif­fi­ci­le ma po­si­ti­vo. Ab­bia­mo do­vu­to spin­ge­re un po’ di più per ot­te­ne­re ri­sul­ta­ti im­por­tan­ti. Ab­bia­mo rag­giun­to un 93% di oc­cu­pa­zio­ne an­nua­le, pur par­ten­do a ini­zio an­no da ci­fre me­no bel­le. Nu­me­ri che an­che

l’Ita­lia ha con­tri­bui­to a fa­re per­ché è un mer­ca­to che per noi re­sta fon­da­men­ta­le ».

Lau­ra San­dri­ni e Fa­bio Bi­gnot­ti del net­work Mi­ster Ho­li­day:

«Più che ta­glia­re qual­co­sa in par­ti­co­la­re og­gi è fon­da­men­ta­le pun­ta­re su que­gli stru­men­ti

di­gi­ta­li che og­gi so­no im­por­tan­tis­si­mi per es­se­re sul mer­ca­to alla pa­ri del­la

con­cor­ren­za. Noi ci stia­mo dan­do pa­rec­chio da fa­re in que­sto sen­so tan­to che per le no­stre agen­zie ab­bia­mo già pre­di­spo­sto sia una app che un si­to che si può im­ple­men­ta­re con le sin­go­le ca­rat­te­ri­sti­che di ogni adv. In par­ti­co­la­re pe­rò la Tra­vel App è la pri­ma ap­pli­ca­zio­ne ri­vol­ta al­le agen­zie di viag­gi che per­met­te di in­stau­ra­re un ca­na­le di co­mu­ni­ca­zio­ne

di­ret­to con i clien­ti, in­vian­do sui lo­ro de­vi­ce pre­ven­ti­vi per­so­na­liz­za­ti, do­cu­men­ti di viag­gio e of­fer­te spe­cia­li, se­gna­la­te da no­ti­fi­che “pu­sh” che ren­do­no im­me­dia­ta­men­te vi­si­bi­le l’ag­gior­na­men­to. Tra le main fea­tu­res dell’app c’è un mo­du­lo per la ge­stio­ne e la par­te­ci­pa­zio­ne a li­ste noz­ze, lau­rea o re­ga­lo, e un ser­vi­zio di chat per co­mu­ni­ca­re in tem­po rea­le con l’agen­zia. Si trat­ta in­som­ma di uno stru­men­to di co­mu­ni­ca­zio­ne

in­te­gra­to di ot­ti­mo li­vel­lo, par­ti­co­lar­men­te ap­prez­za­to dal­la clien­te­la fi­na­le, che può

ge­sti­re in que­sto mo­do tut­ti i pro­pri viag­gi di­ret­ta­men­te via ta­blet o smart­pho­ne. Ed è un be­ne so­prat­tut­to og­gi che le agen­zie di viag­gio stan­no

fi­nal­men­te poi tor­nan­do a es­se­re con­si­de­ra­te co­me con­su­len­ti per il viag­gia­to­re e un aiu­to per ri­sol­ve­re even­tua­li pro­ble­mi ma so­prat­tut­to per da­re i giu­sti

con­si­gli quan­do al clien­te fi­na­le quan­do si de­ve ac­qui­sta­re un viag­gio par­ti­co­la­re. Ar­ri­via­mo da an­ni dif­fi­ci­li per il set­to­re ma og­gi lo svi­lup­po è dav­ve­ro

in­te­res­san­te, tan­to che non man­ca­no le aper­tu­re nuo­ve di adv Mi­ster Ho­li­day. Que­sto gra­zie alla no­stra for­mu­la che per­met­te di es­se­re se­gui­ti in mo­do pun­tua­le e con stru­men­ti an­che di­gi­ta­li di pri­mis­si­ma

qua­li­tà. Og­gi per noi poi fa­re par­te di una real­tà più strut­tu­ra­ta co­me il grup­po Vo­lon­li­ne vuol di­re ave­re la pos­si­bi­li­tà di es­se­re più si­cu­ri del pro­dot­to e del­le pos­si­bi­li­tà com­mer­cia­li. Co­me pro­dot­to in ram­pa di lan­cio per il 2019 c’è in­nan­zi­tut­to l’Orien­te con me­te fan­ta­sti­che e che si stan­no apren­do sem­pre di più co­me la Bir­ma­nia ad esem­pio. Sen­za di­men­ti­ca­re me­te con­so­li­da­te ora­mai co­me il Giap­po­ne ».

Sil­vio Ci­priet­ti, head of sa­les di Royal Ca­rib­bean Ita­lia:

«Noi più che ta­glia­re ab­bia­mo di re­cen­te rior­ga­niz­za­to gra­zie all’ot­ti­miz­za­zio­ne del­le at­ti­vi­tà an­che di mar­ke­ting. Poi più in­ve­sti­men­ti so­no da fa­re og­gi

sul tra­de, per­ché li dob­bia­mo fa­re la dif­fe­ren­za per cre­sce­re. Per quan­to ri­guar­da il pro­get­to di Royal Ca­rib­bean sul mer­ca­to ita­lia­no, la qua­li­tà del­le no­stre pro­po­ste re­sta sem­pre l’ele­men­to

cen­tra­le. La cre­sci­ta poi è già in­fat­ti a dop­pia ci­fra per il pros­si­mo an­no so­prat­tut­to per le de­sti­na­zio­ni in­ter­na­zio­na­li che so­no il no­stro fo­cus da sem­pre. Non man­che­ran­no le pro­po­ste nel Me­di­ter­ra­neo che an­zi si am­plie­ran­no per ve­ni­re in­con­tro al­le esi­gen­ze dei tu­ri­sti ita­lia­ni. Poi la ca­rat­te­ri­sti­ca di Royal Ca­rib­bean re­sta l’in­no­va­zio­ne in tut­te le sue for­me e in tut­te le sue pos­si­bi­li de­cli­na­zio­ni

sul­le no­stre na­vi. Ov­via­men­te stia­mo sem­pre at­ten­ti al­le esi­gen­ze dei no­stri part­ner del tra­de per i qua­li fa­re­mo pro­prio nel 2019 tan­tis­si­ma

for­ma­zio­ne, per far co­no­sce­re sem­pre me­glio il pro­dot­to».

Nun­zio For­mi­ca, di­ret­to­re com­mer­cia­le Li­ber­ty Li­nes:

«Og­gi è fon­da­men­ta­le pun­ta­re e in­ve­sti­re sul­le in­fra­strut­tu­re an­che e so­prat­tut­to per il tu­ri­smo. In par­ti­co­la­re al sud poi sen­za de­gli in­ve­sti­men­ti per il fu­tu­ro non ci può es­se­re ri­lan­cio dell’eco­no­mia e del tu­ri­smo in­te­so co­me chia­ve di vol­ta per l’eco­no­mia del Pae­se. Per quan­to ri­guar­da Li­ber­ty Li­nes e la sua pre­sen­za in fie­ra sia­mo qui per ri­ba­di­re che che il no­stro rap­por­to con il tra­de è fan­ta­sti­co per­ché per noi il ruo­lo del­la fi­lie­ra è fon­da­men­ta­le. Ov­via­men­te og­gi l’adv è so­prat­tut­to un con­su­len­te che de­ve as­si­ste­re il tu­ri­sta e aiu­tar­lo a sod­di­sfa­re le sue ne­ces­si­tà ».

Ser­ra Ay­tun Ron­ca­glia, di­ret­tri­ce Tu­ri­smo Tur­chia:

«Più che ta­glia­re, in­ve­sti­rei og­gi mol­to sull’in­no­va­zio­ne di­gi­ta­le per­ché è lo stru­men­to che più si usa in que­sto mo­men­to per la pro­mo­zio­ne del tu­ri­smo. Vo­gliao an­che sot­to­li­nea­re che un Pae­se co­me la Tur­chia ha un pa­tri­mo­nio sto­ri­co uni­co che dob­bia­mo pro­teg­ge­re, pro­prio in­ve­sten­do be­ne per far ca­pi­re qua­li so­no le co­se che con­ta­no. Og­gi è ne­ces­sa­rio au­men­ta­re la brand aware­ness in mo­do che non so­lo i tu­ri­sti ma an­che chi vi­ve in un ter­ri­to­rio tu­ri­sti­co sap­pia che de­ve pre­ser­va­re que­sto suo pa­tri­mo­nio. La Tur­chia sta poi fi­nal­men­te tor­nan­do a cre­sce­re co­me de­sti­na­zio­ne sul mer­ca­to ita­lia­no do­po an­ni dif­fi­ci­li e noi vo­glia­mo in­si­ste­re e in­ve­sti­re per mi­glio­ra­re an­co­ra di più».

Sa­ri­na Al­va­rez, di­ret­to­re En­te del tu­ri­smo del Mes­si­co:

«Co­sa ta­glia­re? È dif­fi­ci­le ri­spon­de­re, per­ché è ve­ro che ci so­no del­le co­se che non van­no, ma non par­le­rei tan­to di “ta­gli”, quan­to più di ri­pen­sa­re al­cu­ni mo­di di ve­de­re le co­se. Noi ad esem­pio vo­glia­mo da­re

un’al­ter­na­ti­va al vol­to più no­to del Mes­si­co, fat­to di spiag­ge e so­le. In que­st’ot­ti­ca l’as­se por­tan­te è l’espe­rien­za di­ret­ta in luo­ghi, so­prat­tut­to sto­ri­ci, che pos­so­no emo­zio­na­re. Pa­ral­le­la­men­te an­che espe­rien­ze del­la cul­tu­ra, del­la tra­di­zio­ne e del­la cu­ci­na mes­si­ca­na fa­cen­do

co­no­sce­re le de­sti­na­zio­ni me­no no­te in pri­mis al­le agen­zie di viag­gio per le qua­li ver­ran­no or­ga­niz­za­ti dei se­mi­na­ri ad hoc. La no­stra na­zio­ne ha tan­ti vol­ti ed è in gra­do di sod­di­sfa­re an­che il viag­gia­to­re più esi­gen­te. Inol­tre a far la dif­fe­ren­za è

l’ospi­ta­li­tà del po­po­lo mes­si­ca­no: è par­te in­te­gran­te del­la no­stra

fi­lo­so­fia di vi­ta e quan­do qual­cu­no ar­ri­va in Mes­si­co si de­ve sen­ti­re a ca­sa. ».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.