Agen­zia sì, agen­zia no: ec­co per­ché

Or­ga­niz­za­zio­ne di viag­gi com­ples­si e pa­ga­men­ti non elet­tro­ni­ci tra i van­tag­gi del­la di­stri­bu­zio­ne fi­si­ca

TTG Italia - - Primo Piano -

Or­ga­niz­za­zio­ne di viag­gi com­ples­si, as­si­sten­za e li­vel­lo di con­su­len­za. Tre con­cet­ti, chia­ri

e ine­qui­vo­ca­bi­li, che le agen­zie di do­ma­ni non de­vo­no per­de­re di vi­sta per vin­ce­re la com­pe­ti­zio­ne con il web. So­no que­ste le ten­den­ze che la ri­cer­ca del Po­li­tec­ni­co di Mi­la­no ha mes­so in evi­den­za nel trac­cia­re le di­ret­tri­ci di svi­lup­po del bu­si­ness d’agen­zia.

Per­ché se lo sfi­dan­te da bat­te­re è il web, me­glio sa­pe­re sin da su­bi­to che sul­la quan­ti­tà di in­for­ma­zio­ni sa­rà dif­fi­ci­le ga­reg­gia­re .Tant’è che il Po­liMi in­di­vi­dua que­sto aspet­to co­me po­co de­ter­mi­nan­te tra i fat­to­ri di com­pe­ti­ti­vi­tà: so­lo il 9 per cen­to lo re­pu­ta in­fat­ti un plus dell’agen­te di viag­gi in car­ne e os­sa.Al con­tra­rio, per il 51 per cen­to il ruo­lo dell’agen­zia fi­si­ca è in­di­spen­sa­bi­le nell’or­ga­niz­za­zio­ne di viag­gi com­ples­si: per­so­na­liz­za­zio­ne e tai­lor ma­de, quin­di, an­co­ra un vol­ta si con­fer­ma­no co­me una del­le stra­de vin­cen­ti per so­prav­vi­ve­re al web. Co­sì co­me il fat­to­re as­s­si­ten­za,nel 62 per cen­to dei ca­si ri­te­nu­to fon­da­men­ta­le in fa­se di pre­pa­ra­zio­ne del viag­gio.

De­ter­mi­nan­te, an­che se con per­cen­tua­li mi­no­ri, il fat­to­re pa­ga­men­ti: la pos­si­bi­li­tà di uti­liz­za­re con­tan­ti o as­se­gni, ol­tre al­la si­cu- rez­za per­ce­pi­ta nel ca­so in cui gli im­por­ti sia­no mol­to ele­va­ti, rap­pre­sen­ta un fat­to­re di van­tag­gio ri­spet­to all’on­li­ne.

Im­pre­scin­di­bi­le, poi, il fat­to­re uma­no:la fi­du­cia ri­ser­va­ta a una per­so­na in car­ne e os­sa che ha a che fa­re con uno dei be­ni più pre­zio­si nel­la vi­ta di cia­scu­no,cioè la va­can­za, è fon­da­men­ta­le per il 36 per cen­to dei par­te­ci­pan­ti al son­dag­gio.

Me­no si­gni­fi­ca­ti­vo, in­ve­ce, il ruo­lo del­le of­fer­te, per le qua­li sem­bra che il re­gno in­con­tra­sta­to sia pro­prio il web: so­lo il 4 per cen­to, in­fat­ti, ri­tie­ne che que­sto ele­men­to sia di par­ti­co­la­re im­por­tan­za. Lo stes­so va­le per gad­get e be­ne­fit da do­na­re ai clien­ti, che si piaz­za­no in fon­do ai fat­to­ri di com­pe­ti­ti­vi­tà del­le adv fi­si­che, men­tre in ul­ti­mo po­sto si tro­va­no le im­pres­sio­ni di viag­gio, che vi­vo­no ine­vi­ta­bil­men­te di web.

Nell’era di­gi­ta­le, il le­ga­me di fi­du­cia tra agen­te e clien­te è un plus ine­gua­glia­bi­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.