Ma­tri­mo­ni: le ci­fre del bu­si­ness

Il Cen­tro stu­di tu­ri­sti­ci evi­den­zia che il mer­ca­to nel­la Pe­ni­so­la ha un va­lo­re di 440 mi­lio­ni di eu­ro

TTG Italia - - Dossier Viaggi Di Nozze -

Le noz­ze in Italia so­no di­ven­ta­te un af­fa­re mi­lio­na­rio e in­te­res­sa­no sem­pre di più un mer­ca­to, quel­lo vip, che è di­spo­sto a spen­de­re ci­fre da ca­po­gi­ro per­met­ten­do al­le de­sti­na­zio­ni in­te­res­sa­te di sca­la­re le gra­dua­to­rie del­le me­te up le­vel nel mon­do. In te­sta a que­sta par­ti­co­la­re clas­si­fi­ca è la To­sca­na. Se­con­do lo stu­dio ‘De­sti­na­ton Wed­ding in Ita­ly’del Cen­tro stu­di tu­ri­sti­ci di Fi­ren­ze,in­fat­ti,a gui­da­re il ran­king del­le re­gio­ni ita­lia­ne che più ospi­ta­no e in­te­res­sa­no i vip e big spen­der in­ter­na­zio­na­li per i ma­tri­mo­ni è pro­prio la To­sca­na.

Un com­par­to in nu­me­ri

Il gi­ro d’af­fa­ri per il de­sti­na­tion wed­ding in Italia è sta­to di 440,8 mi­lio­ni di eu­ro, con 1,368 mi­lio­ni di pre­sen­ze e 8.085 even­ti, con un cre­sci­ta del 60 per cen­to ri­spet­to all’an­no pre­ce­den­te. In cre­sci­ta an­che il nu­me­ro me­dio di in­vi­ta­ti, pas­sa­ti a 50,5 con­tro i 47 del 2015 e la spe­sa me­dia per even­to (54.516 eu­ro ri­spet­to a 53.998). La To­sca­na gui­da la gra­dua­to­ria del­le me­te con il 31,9 per cen­to del­le pre­fe­ren­ze, se­gui­ta da Lom­bar­dia, Cam­pa­nia e Ve­ne­to, men­tre i mer­ca­ti che so­no più in­te­res­sa­ti ai ma­tri­mo­ni in Italia so­no quel­lo Usa e bri­tan­ni­co, che rap­pre­sen­ta­no il 49 per cen­to del mer­ca­to. In par­ti­co­la­re, il ba­ci­no Uk è quel­lo che spen­de di più, con 59mi­la eu­ro per ogni ce­ri­mo­nia,per un to­ta­le di 54 ospi­ti,men­tre gli ame­ri­ca­ni ten­do­no a ri­spar­mia­re sul­la spe­sa per la fe­sta, con 45mi­la eu­ro. “La To­sca­na è la me­ta dei so­gni so­prat­tut­to gra­zie ai li­bri e ai film che ne han­no rac­con­ta­to le at­mo­sfe­re e i pae­sag­gi - spie­ga Gian­fran­co Lo­ren­zo,re­spon­sa­bi­le stu­di e ri­cer­che del Cen­tro -. Ma qual­co­sa sta cam­bian­do: gli spo­si chie­do­no sem­pre più spes­so lo­ca­tion par­ti­co­la­ri e me­no no­te, so­prat­tut­to nel Sud Italia: in que­sto sen­so, ol­tre al­la Co­stie­ra Amal­fi­ta­na, che già era fa­mo­sa, au­men­ta­no le ri­chie­ste an­che per Pu­glia e Si­ci­lia”.

Le sta­gio­ni dell’amore

Cam­bia an­che la sta­gio­na­li­tà dei ma­tri­mo­ni: il clas­si­co pe­rio­do giu­gno-set­tem­bre sta slit­tan­do ver­so i me­si di spal­la, in par­ti­co­la­re l’in­ver­no. Se­con­do il Cst, que­sto di­pen­de an­che dall’in­gres­so nel mer­ca­to di fa­sce di red­di­to dif­fe­ren­ti, più sen­si­bi­li al fat­to­re prez­zo, ma fon­da­men­tal­men­te è le­ga­to al­le nuo­ve na­zio­na­li­tà che si af­fac­cia­no all’Italia, co­me i ci­ne­si e gli asia­ti­ci. La lo­ca­tion pre­fe­ri­ta so­no i lu­xu­ry ho­tel, scel­ti dal 42 per cen­to de­gle cop­pie, ma stan­no emer­gen­do le ri­chie­ste per lo­ca­tion sto­ri­co-cul­tu­ra­li, co­me bor­ghi, ca­stel­li e vil­le del Cin­que e Sei­cen­to. An­che il 2018 sem­bra es­se­re un an­no pro­met­ten­te per il seg­men­to: ac­can­to ai ma­tri­mo­ni,in­fat­ti,i wed­ding plan­ner stan­no ri­ce­ven­do an­che ri­chie­ste per or­ga­niz­za­re fe­ste di se­pa­ra­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.