Av­ven­tu­ra Tui per Mu­se­ment

Il ceo e co­fon­da­to­re del­la star­tup spe­cia­liz­za­ta nel­le espe­rien­ze rac­con­ta a TTG co­me la sua azien­da è fi­ni­ta nel­la re­te del co­los­so te­de­sco

TTG Italia - - Da Prima Pagina - DI ORIANA DAVINI

“Per noi non cam­bia nul­la: re­stia­mo un’azien­da in­di­pen­den­te”. Ales­san­dro Pe­taz­zi, ceo e co­fon­da­to­re di Mu­se­ment, rac­con­ta co­sì la nuo­va av­ven­tu­ra del­la star­tup in Tui.

Non ca­pi­ta spes­so che una star­tup nel gi­ro di cin­que an­ni pas­si dal­lo sta­tus di pic­co­la im­pre­sa a quel­lo di gran­de azien­da. È dif­fi­ci­le che av­ven­ga in am­bi­to tu­ri­sti­co e for­se è an­co­ra più ra­ro che suc­ce­da a una real­tà ita­lia­na.Per que­sto mo­ti­vo l'an­nun­cio dell'ac­qui­si­zio­ne di Mu­se­ment da par­te di Tui Group ha su­sci­ta­to scal­po­re. Si trat­ta in­fat­ti del­la più im­por­tan­te exit nel set­to­re te­ch tra­vel ita­lia­no dell'ul­ti­mo de­cen­nio, av­ve­nu­ta all'in­ter­no di un com­par­to - quel­lo del­le espe­rien­ze - che a li­vel­lo glo­ba­le va­le 150 mi­liar­di di euro, con un tas­so di cre­sci­ta del 7 per cen­to.

Cer­to l’azien­da fon­da­ta da Ales­san­dro Pe­taz­zi, Clau­dio Bellinzona, Pao­lo Giu­li­ni e Fa­bio Zec­chi­ni ave­va già da­to pro­va di non es­se­re più una star­tup: 130 di­pen­den­ti, di­ver­si uf­fi­ci spar­si nel mon­do e la cer­ti­fi­ca­zio­ne Great Pla­ce To Work.Tutto que­sto pri­ma che Tui fa­ces­se il suo in­gres­so in cam­po.“In real­tà per noi dal pun­to di vi­sta or­ga­niz­za­ti­vo non cam­bia nul­la - as­si­cu­ra l’a.d.Ales­san­dro Pe­taz­zi -: re­stia­mo un’azien­da in­di­pen­den­te, con lo stes­so iden­ti­co team e io nel mio ruo­lo”.

Pe­rò lei e i suoi so­ci di­ven­te­re­te di­pen­den­ti…

Sì, dob­bia­mo en­tra­re nel­le di­na­mi­che di una gran­de azien­da: pri­ma po­te­vo di­re tutto quel che vo­le­vo, ora ov­via­men­te no.

Nien­te più numeri e fat­tu­ra­to in pa­sto ai gior­na­li­sti, quin­di?

(ri­de, ndr) Mu­se­ment ri­mar­rà un’azien­da a sé stan­te ma all’in­ter­no di Tui De­sti­na­tion Ex­pe­rien­ces, che si oc­cu­pa del seg­men­to tour e at­ti­vi­tà. È pro­ba­bi­le che i da­ti ven­ga­no co­mu­ni­ca­ti a li­vel­lo azien­da­le, sen­za es­se­re scor­po­ra­ti.

Il vo­stro mar­chio e la vostra in­di­pen­den­za so­no ga­ran­ti­ti?

As­so­lu­ta­men­te sì: il mar­chio com­mer­cia­le re­sta Mu­se­ment, che a Tui pia­ce. In fu­tu­ro ve­dre­mo se fa­re qual­che esperimento su al­tri mer­ca­ti do­ve lo­ro so­no mol­to for­ti, co­me Ger­ma­nia o Nord Eu­ro­pa, e noi me­no co­no­sciu­ti co­me brand. Po­trem­mo spe­ri­men­ta­re di ven­de­re qual­co­sa sot­to il lo­ro mar­chio.

Ri­par­tia­mo dall’ini­zio: co­sa cam­bia dav­ve­ro?

Cam­bia che ci dan­no le ri­sor­se fi­nan­zia­rie, per cui noi cre­sce­re­mo più in fret­ta: se avre­mo bi­so­gno di fa­re de­ter­mi­na­te cam­pa­gne o as­su­me­re nuovo per­so­na­le, avre­mo una ba­se fi­nan­zia­ria so­li­da al­la qua­le fa­re ri­fe­ri­men­to.

E co­sa cam­bia per Tui con l’ac­qui­si­zio­ne di Mu­se­ment?

Lo­ro ci han­no cer­ca­to per un mo­ti­vo sem­pli­ce: han­no bi­so­gno di fa­re una tra­sfor­ma­zio­ne di­gi­ta­le del­le escur­sio­ni.

Tui Group ven­de 700 mi­lio­ni di escur­sio­ni all’an­no: per­ché ha bi­so­gno di voi?

Per­ché pur es­sen­do ci­fre da ca­po­gi­ro non lo sa nes­su­no.Tui fi­no­ra ha sem­pre ven­du­to le escur­sio­ni tra­mi­te i ca­na­li tra­di­zio­na­li, fa­cen­do vo­lu­mi paz­ze­schi per­ché han­no 20 mi­lio­ni di clien­ti l’an­no.

Ora quin­di vo­glio­no da­re un’ac­ce­le­ra­ta al­la di­gi­ta­liz­za­zio­ne?

Esat­to: avreb­be­ro po­tu­to fa­re tutto in ca­sa, ma han­no avu­to la lun­gi­mi­ran­za di guar­dar­si in­tor­no per ve­de­re se c’era già qual­cu­no bra­vo a fa­re que­sto me­stie­re.

E han­no tro­va­to voi…

Sì: ci han­no in­di­vi­dua­to, han­no stu­dia­to si­ner­gie e so­no sta­ti lu­ci­di nel de­ci­de­re di non fa­re un er­ro­re che spes­so ca­pi­ta.

Ov­ve­ro?

Suc­ce­de che i gran­di grup­pi com­pri­no azien­de più pic­co­le e poi le sna­tu­ri­no, fa­cen­do lo­ro per­de­re quel­le ca­rat­te­ri­sti­che che le ave­va re­se in­te­res­san­ti. Co­sa che non suc­ce­de­rà a Mu­se­ment?

Tui ci ha det­to chia­ra­men­te che gli piac­cia­mo co­me sia­mo: han­no aper­to il co­fa­no del­la mac­chi­na, han­no vi­sto il nostro mo­to­re e si so­no de­ci­si. Inol­tre, sia­mo un pun­to di at­tra­zio­ne per i ta­len­ti del set­to­re te­ch, un aspet­to che vo­glio­no man­te­ne­re.

Qua­li so­no i van­tag­gi dell’ope­ra­zio­ne?

Ce ne so­no al­me­no tre: noi dia­mo a Tui gli as­set tec­no­lo­gi­ci che a lo­ro man­ca­no, quin­di tut­ti i lo­ro pro­dot­ti use­ran­no la no­stra piat­ta­for­ma per es­se­re ven­du­ti e noi po­tre­mo ac­ce­de­re ai lo­ro 20 mi­lio­ni di clien­ti.

Poi c’è il pro­dot­to…

Og­gi ab­bia­mo in piat­ta­for­ma 40mi­la pro­po­ste tra escur­sio­ni, at­ti­vi­tà e bi­gliet­ti, per lo più fo­ca­liz­za­te nel­le gran­di cit­tà.Tui ven­de 15mi­la escur­sio­ni in de­sti­na­zio­ni bal­nea­ri, che so­no quel­le che noi non ab­bia­mo: c’è una perfetta com­ple­men­ta­rie­tà.

Sa­rà un van­tag­gio an­che per le adv ita­lia­ne?

As­so­lu­ta­men­te. Inol­tre per noi di­ven­te­rà più fa­ci­le strin­ge­re ac­cor­di b2b con le gran­di azien­de: es­sen­do una con­trol­la­ta Tui cam­bia il nostro po­te­re con­trat­tua­le.

Il 2019 sa­rà quin­di un gran­de an­no…

Sì ma non pos­so an­ti­ci­pa­re nul­la. Sa, le di­na­mi­che del­le gran­di azien­de…

“Mu­se­ment ri­mar­rà un’azien­da a sé stan­te all’in­ter­no di Tui De­sti­na­tion Ex­pe­rien­ces”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.