Mia­mi bu­si­ness

Turismo d'Affari - - SOMMARIO - Di Giorgio Maggi

An­che se de­ci­ne di te­le­film l’han­no re­sa fa­mo­sa per le sue spiag­ge e la sua mo­vi­da not­tur­na, nel­la ca­pi­ta­le vir­tua­le del­la Flo­ri­da si vie­ne an­che per fa­re af­fa­ri. Co­me ben san­no i tan­ti am­ba­scia­to­ri del ma­de in Ita­ly che, senza ba­da­re trop­po a cock­tail e lo­ca­li al­la mo­da, han­no mes­so qui le lo­ro ra­di­ci

Ma­re, spiag­ge, so­le e, per finire, un’ot­ti­ma cu­ci­na. Non sia­mo in qual­che pa­ra­di­so tro­pi­ca­le o a Mon­te-Car­lo, ma in quel­la che è la me­tro­po­li si­tua­ta più a sud de­gli Sta­ti Uni­ti. Un ve­ro e pro­prio pa­ra­di­so per gli aman­ti del­la “dol­ce vi­ta”, gra­zie al­le de­ci­ne di mi­glia di spiag­ge bian­chis­si­me, ai caf­fè af­fac­cia­ti sui via­li cir­con­da­ti di pal­me al­tis­si­me e a una vi­ta not­tur­na che for­se non ha egua­li in tut­to il mon­do. Eh sì, per­ché a Mia­mi, com­pli­ce il cli­ma tro­pi­ca­le tut­to l’an­no (at­ten­zio­ne, pe­rò, ai me­si esti­vi quan­do il cal­do si fa dav­ve­ro sof­fo­can­te) e un’at­mo­sfe­ra che più ri­las­sa­ta non si può, la pa­ro­la d’or­di­ne è una so­la: qua­li­tà del­la vi­ta e sce­na­ri moz­za­fia­to. Pro­prio co­me quel­li che spes­so han­no fat­to spes­so da sfon­do a po­li­zie­schi di va­rie epo­che, dal­le se­rie tv co­me Csi Mia­mi e Mia­mi Vi­ce, ai film co­me Scar­fa­ce.

Non so­lo di­ver­ti­men­to

Se­con­da cit­tà del­la Flo­ri­da e me­ta tu­ri­sti­ca più im­por­tan­te de­gli Sta­ti Uni­ti, Mia­mi può an­che es­se­re pre­sa a esem­pio co­me un’au­ten­ti­ca cit­tà mul­tiet­ni­ca. Il mo­ti- vo è sem­pli­ce: gra­zie al­le pre­sen­za di una fol­ta co­mu­ni­tà la­ti­noa­me­ri­ca­na e ca­rai­bi­ca, lo spa­gno­lo è la lin­gua più par­la­ta in mol­ti quar­tie­ri, co­min­cia­re da Lit­tle Ha­ba­na. Me­no nu­me­ro­sa, ma in for­te cre­sci­ta è pu­re la ‘lit­tle Ita­ly’ cit­ta­di­na, che ne­gli ul­ti­mi an­ni ha vi­sto au­men­ta­re in mo­do espo­nen­zia­le i tu­ri­sti, ce­le­bri e non, pro­ve­nien­ti dal Bel­pae­se, ma an­che gli espa­tria­ti ve­ri e pro­pri (cir­ca 13mi­la, ndr). Se­con­do l’Ice, in­fat­ti, e si trat­ta si­cu­ra­men­te di da­ti in di­fet­to, nel­la con­tea di Mia­mi Da­de ope- ra cir­ca il cin­que per cen­to dell'im­pren­di­to­ria ma­de in Ita­ly che ha se­di, suc­cur­sa­li o agen­zie ne­gli Sta­tes. In tut­to, quin­di, un cen­ti­na­io di azien­de che dal set­to­re im­mo­bi­lia­re a quel­lo agroa­li­men­ta­re, pas­san­do per i ser­vi­zi le­ga­li e fi­nan­zia­ri (Mia­mi è la se­con­da cit­tà de­gli Sta­ti Uni­ti per pre­sen­za di ban­che in­ter­na­zio­na­li do­po New York, ndr) e il com­par­to del lus­so – mo­bi­li di al­ta gam­ma, mo­da e gio­iel­le­ria – stan­no ap­pro­fit­tan­do del ruo­lo di Mia­mi non so­lo co­me por­ta d’in­gres­so per il Sud Ame­ri­ca e i Ca­rai­bi, ma an­che co­me sno­do com­mer­cia­le nel Su­de­st de­gli Usa. Un di­scor­so a par­te me­ri­ta poi l’in­du­stria nau­ti­ca, vi­sto che pro­prio qui si ten­go­no i più im­por­tan­ti sa­lo­ni al mon­do per la nau­ti­ca e l’in­du­stria cro­cie­ri­sti­ca, e vi­sto che pro­prio la Flo­ri­da è uno dei pri­mi mer­ca­ti al mon­do per l’ac­qui­sto di ya­cht. So­lo per fa­re un esem­pio, tra Mia­mi e din­tor­ni, so­no re­gi­stra­te più im­bar­ca­zio­ni da di­por­to che in tut­ta Eu­ro­pa.

Dal Ri­na­sci­men­to a Bat­man

Se per il bu­si­ness Mia­mi ha po­co da in­vi­dia­re a me­tro­po­li ben più gran­di, è per tut­to quel­lo che non è la­vo­ro che la ca­pi­ta­le del­la Flo­ri­da non te­me ri­va­li. Se lun­go Ocean Dri­ve si pra­ti­ca sport o si pren­de il so­le, do­po il tra­mon­to ci si tra­sfe­ri­sce in uno de­gli in­nu­me­re­vo­li lo­ca­li nei pres­si di Co­co­nut Gro­ve o del De­si­gn Di­strict, for­se il cen­tro ur­ba­no più al­la mo­da de­gli Sta­tes do­po Ma­n­hat­tan. Ma al di là del­la sua nightli­fe, Mia­mi me­ri­ta at­ten­zio­ne an­che al­la lu­ce del so­le. Ac­can­to a mo­der­nis­si­mi grat­ta­cie­li, in­fat­ti, a Sou­th Bea­ch so­no an­co­ra nu­me­ro­se le ca­se in sti­le Art De­cò, co­sì co­me le gal­le­rie d’ar­te e i mu­sei di de­si­gn. Il MoCa, ad esem­pio, inau­gu­ra­to nel 1996, con l'obiet-

ti­vo di ren­de­re l'ar­te con­tem­po­ra­nea più ac­ces­si­bi­le e com­pren­si­bi­le al gran­de pub­bli­co, è una del­le mag­gio­ri at­tra­zio­ni cul­tu­ra­li (www.mo­ca­no­mi.org). Stes­sa co­sa per il Mam, il Mia­mi Art Mu­seum, che ac­co­glie i frut­ti del­le cul­tu­re ar­ti­sti­che del­le va­rie et­nie che po­po­la­no la cit­tà (www.pamm.org). A Co­co­nut Gro­ve, in­ve­ce, si tro­va il Vi­z­ca­ya Mu­seum and Gar­dens, una vil­la pro­get­ta­ta dall'ar­chi­tet­to Paul Chal­fin sul mo­del­lo di Vil­la Rez­zo­ni­co di Bas­sa­no del Grap­pa per ospi­ta­re l'in­du­stria­le Ja­mes Dee­ring du­ran­te il pe­rio­do esti­vo: di fron­te al­la ba­ia di Bi­scay­ne, cir­con­da­ta da enor­mi giar­di­ni all'in­ter­no dei qua­li si tro­va­no an­che dei la­ghi ar­ti­fi­cia­li, con le sue ope­re d’ar­te e gli ar­re­di del XV-XIX se­co­lo, è un mu­st per gli aman­ti del Ki­tsch e dell’ar­chi­tet­tu­ra ita­lia­na ri­na­sci­men­ta­le (www.vi­z­ca­ya.org). In­fi­ne, due cu­rio­si­tà per i più in­tra­pren­den­ti. Il World Ero­tic Art Mu­seum. na­to dal­la tra­sfor­ma­zio­ne di una col­le­zio­ne ero­ti­ca pri­va­ta di cir­ca cin­que­mi­la pez­zi, si tro­va nel quar­tie­re di Sou­th Bea­ch, uno dei più tra­sgres­si­vi del­la cit­tà. Ov­via­men­te, l'in­gres­so è vie­ta­to ai mi­no­ri di 18 an­ni (www.weam.com). E, per gli aman­ti del ge­ne­re, il De­zer Col­lec­tion Car Mu­seum & Event Cen­ter (www.de­zer­col­lec­tion.com): ol­tre 1.200 mo­del­li di au­to, tra cui di­ver­se Bat­mo­bi­le e la più gran­de col­le­zio­ne di vei­co­li di Ja­mes Bond esi­sten­te.

Ac­can­to a mo­der­nis­si­mi grat­ta­cie­li, a Sou­th Bea­ch so­no an­co­ra nu­me­ro­se le ca­se in sti­le Art De­cò, co­sì co­me le gal­le­rie d’ar­te e i mu­sei di de­si­gn

Nel­la con­tea di Mia­mi Da­de ope­ra cir­ca il cin­que per cen­to dell'im­pren­di­to­ria ma­de in Ita­ly che ha se­di, suc­cur­sa­li o agen­zie ne­gli Sta­tes

Il Vi­z­ca­ya Mu­seum and Gar­dens è una vil­la pro­get­ta­ta dall'ar­chi­tet­to Paul Chal­fin sul mo­del­lo di Vil­la Rez­zo­ni­co di Bas­sa­no del Grap­pa per ospi­ta­re l'in­du­stria­le Ja­mes Dee­ring du­ran­te il pe­rio­do esti­vo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.