Da Cra­co­via fi­no a Dan­zi­ca Il vol­to an­ti­co del­la Po­lo­nia

La cul­tu­ra del Pae­se ri­vi­ve in que­ste due cit­tà, l’una mit­te­leu­ro­pea, l’altra go­ti­ca e ger­ma­ni­ca

Turismo d'Italia - - Primo Piano - Pa­me­la McCourt Fran­ce­sco­ne

Una è au­stroun­ga­ri­ca, l’altra go­ti­ca e ger­ma­ni­ca. Una è a Sud, l’altra nell’estre­mo Nord. So­no Cra­co­via e Dan­zi­ca, due del­le cit­tà più vi­si­ta­te del­la Po­lo­nia, agli an­ti­po­di co­me ubi­ca­zio­ne geo­gra­fi­ca e co­me in­fluen­ze sti­li­sti­che.

Cra­co­via, in­fat­ti, si tro­va nel­la re­gio­ne me­ri­dio­na­le del­la Pic­co­la Po­lo­nia, ai pie­di dei Mon­ti Car­pa­zi, men­tre Dan­zi­ca è il ca­po­luo­go del­la Po­me­ra­nia, nell’estre­ma par­te settentrionale del Pae­se, sul­la co­sta del Ma­re Bal­ti­co.

Su que­ste due cit­tà la sto­ria e la cul­tu­ra han­no la­scia­to im­pron­te as­sai di­ver­se: Cra­co­via è una cit­tà mit­te­leu­ro­pea men­tre a Dan­zig, ri­por­ta­ta al suo an­ti­co splen­do­re do­po es­se­re sta­ta qua­si com­ple­ta­men­te di­strut­ta nel 1945, pre­do­mi­na­no il go­ti­co e il ger­ma­ni­co. Due aspet­ti di un Pae­se che van­ta an­che una ric­ca cul­tu­ra sla­va nel­le re­gio­ni del Sud-Est.

Il cuo­re di Cra­co­via è il Sta­re Mia­sto, il cen­tro sto­ri­co, con il Ry­nek Glo­w­ny, una del­le piaz­ze me­die­va­li più gran­di d’Eu­ro­pa. Di re­cen­te inaugurazione i sot­ter­ra­nei, che si esten­do­no per tut­ta la lun­ghez­za del ri­na­sci­men­ta­le Mercato dei Tes­su­ti.

A Ka­zi­mierz, l’an­ti­co ghet­to, og­gi sor­go­no mol­ti pic­co­li ri­sto­ran­ti e bar all’aper­to, men­tre nel quar­tie­re di Pod­gor­ze si tro­va la fab­bri­ca di Oskar Schind­ler, co­lui che sal­vò ol­tre mil­le ebrei. Og­gi la Schind­ler Fa­brik è un mu­seo tra i più bel­li in as­so­lu­to, un luo­go di me­mo­rie che si in­trec­cia in un le­ga­me pro­fon­do e in­ti­mo con la cit­tà.

Cra­co­via è do­mi­na­ta dal­la col­li­na di Wa­wel, do­ve sor­go­no il ca­stel­lo dei Re del­la Po­lo­nia e la cat­te­dra­le fon­da­ta nel 1364 che, ne­gli an­ni 70, fu l’ar­ci­dio­ce­si di Pa­pa Wo­j­ty­la. Im­man­ca­bi­li le vi­si­te ai cam­pi di con­cen­tra­men­to di Au­sch­wi­tz e Bir­ke­nau (che ri­chie­do­no al­me­no una mez­za gior­na­ta) e, a 15 chi­lo­me­tri del­la cit­tà, la ma­gni­fi­ca mi­nie­ra di sa­le di Wie­lic­z­ka.

La Po­lo­nia è mol­to be­ne col­le­ga­ta con tut­ta l’Eu­ro­pa da com­pa­gnie di li­nea e low co­st, che so­no an­che il mo­do più ve­lo­ce per gli spo­sta­men­ti in­ter­ni co­me da Cra­co­via a Dan­zi­ca, con vo­li ope­ra­ti da Eu­ro­lot che fan­no sca­lo nel­la ca­pi­ta­le Var­sa­via.

Nel­la Ca­pi­ta­le dell’Ambra

I cie­li ter­si di Dan­zi­ca, la Ca­pi­ta­le dell’Ambra, so­no quel­li ti­pi­ci del­le re­gio­ni nordiche e la cit­tà è uno scrigno go­ti­co.

In­cam­mi­nan­do­si lun­go la via prin­ci­pa­le, la Via Lun­ga, ci si sen­te pro­ta­go­ni­sti di un’altra epo­ca, e i la­vo­ri di re­cu­pe­ro del­la zo­na lun­go il fiu­me Mot­wa­la, so­vra­sta­ta dal­la for­ma au­ste­ra del­la sto­ri­ca gru - il più gran­de mac­chi­na­rio dell’Eu­ro­pa me­die­va­le, usa­to per il ca­ri­co e sca­ri­co del­le na­vi - han­no da­to vi­ta a una pic­co­la marina tu­ri­sti­ca e un lun­go­fiu­me vi­va­ce. La na­va­ta cen­tra­le del­la mas­sic­cia Chie­sa di San­ta Ma­ria è for­ma­to

In­ve­sti­men­ti Gra­zie ai fon­di Ue l’en­te del tu­ri­smo raf­for­za la cam­pa­gna pro­mo­zio­na­le in Ita­lia

da ol­tre tren­ta cap­pel­le, e la Ma­riac­ka è una stra­da pit­to­re­sca do­ve gli edi­fi­ci han­no bal­co­ni con sca­li­na­te ester­ne, una ca­rat­te­ri­sti­ca sto­ri­ca del­la cit­tà, e an­che mol­te gio­iel­le­rie che ven­do­no l’ambra.

I can­tie­ri do­ve nac­que il mo­vi­men­to ope­ra­io di So­li­dar­no­sc so­no in fa­se di tra­sfor­ma­zio­ne e di­ven­te­ran­no un nuo­vo po­lo cit­ta­di­no.At­tual­men­te l’uni­co mo­do per ve­der­li è dal ma­re, su uno dei bat­tel­li che fan­no il gi­ro del por­to.

Po­co di­stan­te c’è la co­sta Nord con Gdy­nia e So­pot che, in­sie­me a Dan­zi­ca, for­ma­no il com­ples­so del­le Tre Cit­tà. So­pot è una gra­zio­sa lo­ca­li­tà di vil­leg­gia­tu­ra con l’at­mo­sfe­ra di ini­zio se­co­lo, una bel­la spiag­gia, un mo­lo in le­gno lun­go ol­tre mez­zo chi­lo­me­tro - il più lun­go d’Eu­ro­pa - sta­bi­li­men­ti ter­ma­li e al­ber­ghi di ot­ti­mo li­vel­lo co­me lo sto­ri­co So­fi­tel Grand Ho­tel e il nuo­vo She­ra­ton So­pot.

Nuo­ve pro­spet­ti­ve

“La Po­lo­nia è co­no­sciu­ta so­prat­tut­to per la sua sto­ria e cul­tu­ra e per le cit­tà d’ar­te, ma ora è ar­ri­va­to il mo­men­to di pro­muo­ve­re il suo la­to ver­de”.A par­la­re è Mal­gor­za­ta Fur­dal, al­la gui­da dell’En­te del tu­ri­smo po­lac­co in Ita­lia.

“Ne­gli ul­ti­mi an­ni - rac­con­ta - ab­bia­mo la­vo­ra­to per sti­mo­la­re la do­man­da, que­st’an­no l’en­fa­si sa­rà an­che sull’of­fer­ta.Vo­glia­mo aiu­ta­re gli ope­ra­to­ri a pro­gram­ma­re tour e sog­gior­ni nel­le zo­ne dei la­ghi e del­le fo­re­ste, e an­che lun­go la co­sta del Bal­ti­co”. In cre­sci­ta gli ar­ri­vi dall’Ita­lia, che nel 2013 so­no sta­ti 408mi­la, una me­dia di 20mi­la pre­sen­ze in più ogni an­no.“Il sog­gior­no me­dio dei vi­si­ta­to­ri è di 7-10 gior­ni, il 90 per cen­to so­no Fit, e mol­ti so­no gio­va­ni che scel­go­no la de­sti- na­zio­ne in ba­se al bud­get. Que­st’an­no, gra­zie ai fon­di Ue, sa­re­mo in gra­do di raf­for­za­re la cam­pa­gna pro­mo­zio­na­le in Ita­lia, in­di­riz­za­ta an­che al te­ma dell’Ex­po met­ten­do in lu­ce aspet­ti in­no­va­ti­vi co­me la ga­stro­no­mia”.

GLI AR­RI­VI IN CI­FRE Dall’Ita­lia gli ar­ri­vi in Po­lo­nia so­no sa­li­ti a 408mi­la, con una me­dia di 20mi­la pre­sen­ze in più ogni an­no. La lun­ghez­za me­dia del sog­gior­no va dai 7 ai 10 gior­ni ed è al­ta la per­cen­tua­le di vi­si­ta­to­ri gio­va­ni, che scel­go­no la de­sti­na­zio­ne per le oc­ca­sio­ni cul­tu­ra­li e il buon rap­por­to tra qua­li­tà e prez­zo nei ser­vi­zi. Tra i pros­si­mi even­ti in pro­gram­ma la Gior­na­ta mon­dia­le del­la gio­ven­tù, il ra­du­no in­ter­na­zio­na­le dei gio­va­ni con il Pa­pa, che si ter­rà nel 2015

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.