Le pre­no­ta­zio­ni da smart­pho­ne e ta­blet

Turismo d'Italia - - Hospitality / Digital Marketing -

che av­ven­go­no se­guo­no in­fat­ti lo­gi­che com­ple­ta­men­te dif­fe­ren­ti ri­spet­to a quel­le com­ple­ta­te at­tra­ver­so i tra­di­zio­na­li PC de­sk­top. In ge­ne­re le pre­no­ta­zio­ni da mo­bi­le han­no una boo­king window di po­che ore: il viag­gia­to­re ten­de in­fat­ti a pre­no­ta­re il sog­gior­no per il gior­no stes­so, so­li­ta­men­te quan­do è già giun­to nel­la de­sti­na­zio­ne. Una ri­cer­ca fat­ta da Re­vi­na­te sull’uso dei dispositivi mo­bi­le nel mon­do dell’ho­spi­ta­li­ty ha ri­le­va­to che il viag­gia­to­re che pre­no­ta da smart­pho­ne e ta­blet è in ge­ne­re a po­chi chi­lo­me­tri di di­stan­za dal­la strut­tu­ra e che la mag­gior par­te del­le pre­no­ta­zio­ni ven­go­no ef­fet­tua­te in­tor­no al­le ore 17:00. Non so­no ra­ri i ca­si di strut­tu­re che ri­ce­vo­no una pre­no­ta­zio­ne da mo­bi­le e do­po po­chi mi­nu­ti il clien­te si pre­sen­ta per ef­fet­tua­re il check-in. Ta­le ti­po di viag­gia­to­re, nel­la mag­gior par­te dei ca­si ap­par­te­nen­te al seg­men­to bu­si­ness, ha una bas­sa sen­si­bi­li­tà al­la ta­rif­fa e una for­te sen­si­bi­li­tà al­la da­ta. Per­tan­to è pos­si­bi­le por­re in es­se­re del­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.