Te­re­sa Cia­bat­ti

Sco­pria­mo chi è la scrittrice del­la qua­le tut­ti parlano .....................

TV Sorrisi e Canzoni - - L'Editoriale - Di Giu­sy Ca­scio - fo­to di Mas­si­mo Se­sti­ni

Un coc­co­dril­lo in pi­sci­na. Un coc­co­dril­lo ver­de in una pi­sci­na az­zur­ra». Con que­st’im­ma­gi­ne ini­zia «La più ama­ta» (Mon­da­do­ri), il ro­man­zo ar­ri­va­to se­con­do al Pre­mio Strega, che di­ven­te­rà un film: i di­rit­ti so­no ap­pe­na sta­ti ac­qui­sta­ti dal­la Luc­ky Red. Lo ha scrit­to Te­re­sa Cia­bat­ti, stes­so no­me del per­so­nag­gio al cen­tro del li­bro: una bam­bi­na di­spo­ti­ca con un pa­dre in­gom­bran­te, pri­ma­rio all’ospe­da­le del pae­se, for­se un be­ne­fat­to­re, for­se in­vi­schia­to nel ma­laf­fa­re, e una ma­dre fra­gi­le che per lui ri­nun­cia al­la car­rie­ra e a se stes­sa. Sul­lo sfon­do, la no­stra sto­ria re­cen­te, la log­gia P2, i mi­ste­ri d’Ita­lia che si ag­gro­vi­glia­no at­tor­no ai mi­ste­ri di que­sta fa­mi­glia.

Mi­ste­ri ir­ri­sol­ti.

« Non era com­pi­to mio ri­sol­ver­li. Non vo­le­vo fa­re un’in­chie­sta sul­la mia vita o sull’Ita­lia. Ho rac­con­ta­to so­lo le mie os­ses­sio­ni».

Quan­do ha ca­pi­to che sa­reb­be di­ven­ta­ta una scrittrice?

«L’ho de­ci­so. A un cer­to pun­to ho re­so uti­le l’im­ma­gi­na­zio­ne che fin da bam­bi­na ga­lop­pa­va e ho ri­va­lu­ta­to le bu­gie».

Che bu­gie di­ce­va?

«Una vol­ta ero a Los An­ge­les per cer­ca­re di im­pa­ra­re l’inglese e mi spac­cia­vo per una “italian prin­cess”. Mi cre­de­va­no, non san­no nul­la lo­ro di prin­ci­pes­se ve­re, han­no so­lo quel­le Di­sney».

Bam­bo­le di cui lei do­vreb­be es­se­re esper­tis­si­ma, con una fi­glia di 7 an­ni.

«Glie­le ho com­pra­te tut­te, ma Aga­ta le igno­ra. A vol­te mia fi­glia mi rim­pro­ve­ra».

Per­ché?

«Per­ché so­no di­sor­di­na­ta, per­ché non por­to le gon­ne e i gio­iel­li. Quan­do li­ti­ghia­mo non so­no io che le di­co: “Ti met­to in or­fa­no­tro­fio”, ma è lei a mi­nac­ciar­mi: “Va­do in or­fa­no­tro­fio!”» ( ri­de).

Ha ca­rat­te­re, co­me la bam­bi­na del ro­man­zo.

«Non so­no io quel­la bam­bi­na, an­che se qual­cu­no ca­de nel tra­nel­lo di cre­der­lo».

Chi è o che co­sa è dav­ve­ro «La più ama­ta»?

«Non è un’au­to­bio­gra­fia. Il li­bro ma­neg­gia una ma­te­ria che co­no­sco be­ne, la mia vita, pe­rò poi la al­te­ra. La vo­ce nar­ran­te si chia­ma Te­re­sa Cia­bat­ti, ma non cor­ri­spon­de ne­ces­sa­ria­men­te a me. È psi­co­ti­ca e ne­vro­ti­ca. È tut­to un’al­te­ra­zio­ne, un ro­man­zo».

Quin­di non sa­pre­mo mai la ve­ri­tà su di lei?

«Il li­bro è una ri­fles­sio­ne sul

fat­to che la ve­ri­tà non è mai rag­giun­gi­bi­le. An­che la Te­re­sa che si ve­de fuo­ri dal li­bro, alle pre­sen­ta­zio­ni, a ca­sa, per­si­no in que­sta intervista, non è la Te­re­sa au­ten­ti­ca. Ho crea­to un cor­to­cir­cui­to tra real­tà e fin­zio­ne. Io non ho la cat­ti­ve­ria in­co­scien­te del mio per­so­nag­gio, io so­no pau­ro­sa e pi­gra».

Bu­giar­da, pi­gra, pau­ro­sa. Nes­sun pre­gio?

«Uno sì: per me nul­la è ir­re­pa­ra­bi­le. Il mio sen­so del­la tra­ge­dia du­ra po­co. Per­do al pre­mio Strega? E chis­se­ne­fre­ga».

Lei si de­fi­ni­sce «mo­glie, ma­dre, ar­ti­sta».

«Lo di­co in mo­do iro­ni­co. Per me ciò che con­ta nel­la letteratura è la di­sci­pli­na, l’im­pe­gno. Fa­re l’ar­ti­sta, in­som­ma, è co­me fa­re l’idrau­li­co. Po­trei ag­giun­ge­re in­fi­ni­te al­tre eti­chet­te: so­rel­la, fi­glia, don­na...».

Te­le­spet­ta­tri­ce?

«Sì! Guar­do tan­tis­si­ma tv (ve­di box sot­to, ndr) ». E al ci­ne­ma ci va? «Po­co: va­do a let­to pre­sto, do­po “Un po­sto al so­le”».

Di not­te non scri­ve?

«No, di not­te dor­mo».

E leg­ge mol­to?

«Per la­vo­ro tan­to, tre o quat­tro ro­man­zi a settimana».

Che au­to­ri con­si­glie­reb­be co­me let­tu­re esti­ve?

«Joy­ce Ca­rol Oa­tes. E tra gli ita­lia­ni An­to­nel­la Lat­tan­zi: “Una sto­ria ne­ra” è bel­lis­si­mo».

Quan­do non scri­ve che fa?

«Ascol­to mu­si­ca: Tiziano Fer­ro e Va­sco Ros­si».

La ta­ta di sua fi­glia, Sve­tla­na, ci ha con­fi­da­to che lei cucina una pa­sta al bur­ro buo­nis­si­ma.

«So fa­re so­lo quel­la».

Una co­sa di­ver­ten­te che non fa­rà mai più?

«Scia­re. A 17 an­ni mi han­no ob­bli­ga­to... Ades­so pos­so di­re un’al­tra co­sa sul li­bro?».

Di­ca.

«Mi pia­ce che ci sia fo­ga. Pro o con­tro di me, pro o con­tro il li­bro. Mi ama­no o mi odia­no».

Lei in che co­sa met­te fo­ga?

«In­gag­gio lot­te con­tro la bu­ro­cra­zia. Chia­mo io i “call cen­ter”, li in­sul­to, con­te­sto bol­let­te. In­si­sto per me­si. Poi mi ac­cor­go che han­no ra­gio­ne lo­ro».

Ora se ne va in va­can­za?

«Ho già fat­to le va­li­gie».

Ma­re o pi­sci­na?

«Pi­sci­na. Sem­pre».

Con il coc­co­dril­lo?

«Com­pre­rò a mia fi­glia uno di quei fe­ni­cot­te­ri ro­sa che que­st’estate van­no di moda. Ma me lo ti­re­rà die­tro per­ché è nel­la sua fa­se “dark” e ma­ga­ri pre­fe­ri­sce i ci­gni ne­ri».

Te­re­sa Cia­bat­ti (45) è na­ta a Or­be­tel­lo (GR) e vi­ve a Roma. Nel ton­do, a 9 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.